PIANTARE LE ROSE IN AUTUNNO: utilizzando la tecnica della radice nuda

Le piante a radice nuda sono molto presenti in questo periodo dell’anno e ci permettono di realizzare un roseto, pronto per fiorire in primavera, anche in questo periodo dell’anno.

L’autunno, sembrerà strano, ma è il periodo dell’anno più idoneo per piantare un roseto con la tecnica della radice nuda.

Il lavoro da eseguire non è complicato e vi permetterà di ottenere dei buoni risultati.

Nelle prossime righe cercherò di spiegarvi tutti i passaggi per fare un bel lavoro.

Come scegliere la pianta giusta

Quando ci si reca nel vivaio occorre acquistare la pianta giusta.

Non fatevi dare la prima che capita nelle mani del venditore, ma controllate alcuni particolari.

roseto

Per prima cosa le radici devono essere sane, il che vuol dire che devono avere una lunghezza intorno ai 20 cm e devono essere vigorose.

Quelle grosse devono essere poche e devono essere presenti quelle molto più piccole secondarie.

Questa particolarità indica che la pianta è giovane.

I rami devono avere un diametro non superiore al centimetro e mezzo.

Scelta la pianta, possiamo parlare della preparazione del terreno.

Interventi preventivi per un roseto sano

1° Il terreno che scegliamo deve essere pulito. Togliamo le foglie morte degli altri alberi e puliamo il terreno da rami secchi, fiori appassiti ecc.

Questi elementi in eccesso, possono provocare delle infezioni al rosaio, è quindi consigliato effettuare un’accurata pulizia.

2° Altra operazione importante è l’ultima concimazione del terreno.

Entro metà novembre è necessario concimare il terreno con fertilizzanti chimici specifici per rose in modo di stabilizzare la crescita.

Concimare il terreno permette di nutrire adeguatamente la pianta, utile durante la sua fase di crescita.

coltivare le rose

Inoltre preparare il terreno bene, proteggerà la pianta ai climi gelidi dell’inverno ormai alle porte.

3° Per evitare comunque le malattie fungine, che potrebbero uccidere il rosaio, è consigliabile effettuare un paio di trattamenti con prodotti a base di rame che prevengono questi problemi.

Piantare il roseto

Dopo aver fatto accuratamente la parte inerente al trattamento del terreno e aver acquistato le piante, è possibile procedere con l’interramento.

Per prima cosa è necessario scavare una buca profonda circa 40 cm e larga 30 cm.

Dopodiché disponete una miscela composta da terriccio universale e letame bovino, con sabbia di fiume.

Il rapporto di questi elementi deve essere abbastanza equilibrato.

Per farvi capire meglio, se utilizzate un pugno di terriccio, dovete avere a disposizione un pugno di sabbia ed un pugno di letame.

Ovviamente il tutto deve essere proporzionato alla quantità di rose a radice nuda che deciderete di piantare.

Prima di interrare la vostra pianta, fate ancora un ultimo controllo.

Staccate le radici che notate essere rotte o malformate, in modo da rinforzarla già da subito.

Dopodiché immergete le radici per pochi minuti in un secchio pieno d’acqua. In questo modo effettuerete una rigenerazione delle radici, idratandole prima della piantumazione.

Riempite lo scavo con della terra fertile fino al livello del terreno.

Comprimete leggermente il terreno e irrigate senza esagerare.

Se notate che il terreno si secca facilmente, potete irrigarlo nuovamente dopo 2 giorni.

Se abitate in luoghi con parametri climatici rigidi, proteggete le piante dal freddo utilizzando paglia, foglie secche e se lo avete a disposizione, un sacco di iuta.

Collocate gli elementi attorno al colletto di terra e teneteli lì fino all’arrivo della primavera.

Dopo averle piantate fate ancora un’ultima cosa: se la pianta di rose ha fusti troppo lunghi tagliateli fino a fargli raggiungere una lunghezza non superiore ai 30 cm per ramo.

A questo punto avete messo a dimora il vostro rosaio.

Realizzare un roseto con la tecnica della radice nuda è una soluzione semplice ma di grande efficacia.

Con pochi passaggi e un po’ di accortezza, è possibile riuscire ad ottenere un buon risultato, che vi garantirà di avere un roseto dall’aspetto regale.

Provare per credere. L’autunno è il momento migliore per tentare di coltivare le vostre rose.

Piante acquatiche per abbellire vasche e laghetti del giardino:ninfee,fior di loto, calle
Le piante acquatiche e palustri emergenti dell’acqua hanno grande importanza nella decorazione nei giardini caratterizzati da laghetti, sponde, vasche...
Le piante grasse: colori e tonalità
Durante il periodo estivo il giardino dei cactus si arricchisce di colori. In questo caso non si tratta solo dei fiori che regalano sfumature di color...
Venaria Reale: riapre il Potager Royal
Dopo più di due secoli di degrado e circa 10 anni per il restauro finalmente riapre il 16 Aprile il Potager Royal. Sarà l’orto più grande d’Italia, ma...
La Nandina domestica: un pianta policroma
Le foglie hanno colori mutevoli, i fiori sono bianchi, le bacche sono rosse e resistono durante tutto l’inverno: è la Nandina domestica. Resiste al fr...
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare in giugno
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare nel mese di giugno per curarle al meglio.
Pronto soccorso verde: si è ammalata l’Hosta
L’Hosta è una pianta dalle foglie molto grandi di colore verde acceso; si tratta di una pianta quasi indistruttibile; nonostante la crescita lenta può...
Attrezzature da giardino utili: i biotrituratori
I biotrituratori sono degli ottimi alleati per il compostaggio. Sono delle utilissime macchine in grado di ridurre in maniera importante il volume di ...
Piante particolari che divertono, piante educative
Normalmente si apprezzano le piante per il loro valore decorativo, ne esistono però alcune che non sono particolarmente belle ma possono essere un imp...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!