Piante in casa: superfici di coltivazione

Per gli amanti delle piante che non dispongono di un giardino la scelta è obbligata, ci si deve orientare all’acquisto delle piante da interno. Gli esemplari di piante da interno sono molteplici e spesso molto belli. Si tratta comunque di piante dallo sviluppo limitato, poiché le radici hanno poco spazio nel quale espandersi, in natura lo sviluppo invece può avvenire in maniera pressoché illimitata.

Nonostante tutto è possibile trarre notevoli soddisfazioni dalla coltivazione di questi esemplari, è solo necessario utilizzare le cure giuste. E’ fondamentale per esempio il terreno di coltivazione: questo deve essere rinnovato con frequenza e spesso integrato delle sostanze nutritive.

Piante in casa: il terreno artificiale

Se si coltivano piante in piena terra saranno le piante stesse a doversi adattare al terreno, spesso argilloso, o secco, o in condizioni talvolta inospitali. Quando si coltivano le piante in vaso la situazione è diametralmente opposta: è infatti possibile preparare il terreno adatto perché le radici della nostra piante attecchiscano in maniera ottimale.

Ogni pianta un terriccio specifico

Ogni pianta un terriccio specifico

Il primo passo in questi casi è conoscere le necessità della pianta acquistata, in maniera tale da poter riprodurre un terreno il più possibile simile a quello dell’habitat naturale di origine.

Ma cerchiamo di conoscere gli elementi che di base compongono il terreno. La sabbia è un elemento molto comune presente nella maggior parte dei substrati, terreni ricchi di sabbia saranno areate, poiché questa ne favorisce la ventilazione. Un comportamento decisamente diverso è quello dell’argilla: si tratta infatti di un elemento poroso in grado di eliminare gli eccessi di acqua presenti all’interno del terreno. Per favorire l’assorbimento degli elementi nutritivi da parte dell’apparato radicale è necessario scegliere del terreno naturale, l’aggiunta di materiale organico al substrato sottoforma di compost sarà perfetto per arricchire il terreno di elementi nutritivi.

Scegliere il terriccio giusto

Definiti gli elementi di base che normalmente non dovrebbero mancare in nessun terreno artificiale è poi importante definirne le quantità a seconda delle

Scegliere il terriccio giusto

Scegliere il terriccio giusto

esigenze specifiche degli esemplari in questione.

Se volete coltivare una cactacea per esempio dovrete abbondare in sabbia e in ghiaia, tutte le specie epifite – come per esempio le orchidee prediligono invece terreni composti per la maggior parte di materiale organico di origine vegetale e poco disgregato.

Un elemento molto importante da considerare quando si coltivano le piante in vaso è il drenaggio: esistono infatti particolari esemplari molto delicati. Per esempio le palme e la maggior parte delle bulbose hanno bisogno di un substrato drenante per evitare fastidiosi fenomeni di marciume radicale. Situazione diametralmente opposta è quella delle piante semi acquatiche, in questo caso è necessario garantire loro un certo grado di umidità costante, sono quindi adatti terreni di tipo argilloso e ricchi di materiale organico in grado di trattenere maggiori quantità di acqua.

Un altro elemento molto importante da tenere presente all’interno del terreno è la componente acida o basica dello stesso. Alcune piante, come il rododendro o l’ortensia, prediligono un terreno di tipo acido, in questo caso è necessario aggiungere al substrato dei prodotti specifici in grado di fornire un pH molto basso.

 

Il ciclamino per colorare l’autunno
Il ciclamino è una pianta tipica della stagione fredda; facile da coltivare, ed è proprio in questa stagione grigia che è più facile godere della sua ...
Cosa fare in Maggio per le piante in casa e in balcone
Non tutti disponiamo di un giardino ricco di fiori o di un orto, ma molti di noi hanno un balcone fiorito o semplicemente delle piante in casa. Anche ...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in giugno
Cosa fare nel mese di giugno a seconda che ci si trovi al mare o in montagna. Piccoli consigli per far crescere al meglio le piante.
L’albero delle orchidee: la Bauhinia
Si tratta di una pianta non troppo conosciuta. Una volta vista vi colpirà grazie alla fioritura profumata e dalle tonalità rosa. Per crescere in piena...
La cura del prato: cosa fare prima dell’arrivo del freddo
Se si vuole un bel prato nella stagione primaverile è necessario curarlo a partire dall’autunno. Esistono due strade principali: la prima consiste nel...
Perfette da coltivare in casa: le felci
Osservando le felci queste sono in grado di trasmettere tranquillità è benessere. Sono quindi piante perfette da coltivare in casa se vogliamo abbelli...
Il prato in inverno: la neve
Da sempre consideriamo i ristagni come i nemici maggiori di qualsiasi pianta, quindi anche dei prati. Seguendo questo ragionamento è facile supporre c...
Il carrubo, una pianta resistente e longeva
Il carrubo, Ceratonia siliqua, è una pianta tipica della macchia mediterranea appartenente alla famiglia delle leguminose. L’origine di questa specie ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!