Piante in casa: superfici di coltivazione

Per gli amanti delle piante che non dispongono di un giardino la scelta è obbligata, ci si deve orientare all’acquisto delle piante da interno. Gli esemplari di piante da interno sono molteplici e spesso molto belli. Si tratta comunque di piante dallo sviluppo limitato, poiché le radici hanno poco spazio nel quale espandersi, in natura lo sviluppo invece può avvenire in maniera pressoché illimitata.

Nonostante tutto è possibile trarre notevoli soddisfazioni dalla coltivazione di questi esemplari, è solo necessario utilizzare le cure giuste. E’ fondamentale per esempio il terreno di coltivazione: questo deve essere rinnovato con frequenza e spesso integrato delle sostanze nutritive.

Piante in casa: il terreno artificiale

Se si coltivano piante in piena terra saranno le piante stesse a doversi adattare al terreno, spesso argilloso, o secco, o in condizioni talvolta inospitali. Quando si coltivano le piante in vaso la situazione è diametralmente opposta: è infatti possibile preparare il terreno adatto perché le radici della nostra piante attecchiscano in maniera ottimale.

Ogni pianta un terriccio specifico

Ogni pianta un terriccio specifico

Il primo passo in questi casi è conoscere le necessità della pianta acquistata, in maniera tale da poter riprodurre un terreno il più possibile simile a quello dell’habitat naturale di origine.

Ma cerchiamo di conoscere gli elementi che di base compongono il terreno. La sabbia è un elemento molto comune presente nella maggior parte dei substrati, terreni ricchi di sabbia saranno areate, poiché questa ne favorisce la ventilazione. Un comportamento decisamente diverso è quello dell’argilla: si tratta infatti di un elemento poroso in grado di eliminare gli eccessi di acqua presenti all’interno del terreno. Per favorire l’assorbimento degli elementi nutritivi da parte dell’apparato radicale è necessario scegliere del terreno naturale, l’aggiunta di materiale organico al substrato sottoforma di compost sarà perfetto per arricchire il terreno di elementi nutritivi.

Scegliere il terriccio giusto

Definiti gli elementi di base che normalmente non dovrebbero mancare in nessun terreno artificiale è poi importante definirne le quantità a seconda delle

Scegliere il terriccio giusto

Scegliere il terriccio giusto

esigenze specifiche degli esemplari in questione.

Se volete coltivare una cactacea per esempio dovrete abbondare in sabbia e in ghiaia, tutte le specie epifite – come per esempio le orchidee prediligono invece terreni composti per la maggior parte di materiale organico di origine vegetale e poco disgregato.

Un elemento molto importante da considerare quando si coltivano le piante in vaso è il drenaggio: esistono infatti particolari esemplari molto delicati. Per esempio le palme e la maggior parte delle bulbose hanno bisogno di un substrato drenante per evitare fastidiosi fenomeni di marciume radicale. Situazione diametralmente opposta è quella delle piante semi acquatiche, in questo caso è necessario garantire loro un certo grado di umidità costante, sono quindi adatti terreni di tipo argilloso e ricchi di materiale organico in grado di trattenere maggiori quantità di acqua.

Un altro elemento molto importante da tenere presente all’interno del terreno è la componente acida o basica dello stesso. Alcune piante, come il rododendro o l’ortensia, prediligono un terreno di tipo acido, in questo caso è necessario aggiungere al substrato dei prodotti specifici in grado di fornire un pH molto basso.

 

Il glicine: rampicante primaverile per eccellenza
I glicini e la loro fragranza dolce non possono mancare come sfondo scenografico di ogni primavera; il loro impeto vegetativo è un chiaro simbolo di v...
Soluzioni alternative al manto erboso nel prato in ombra
Anche quando i giardini hanno zone d’ombra, o illuminate per poche ore al giorno, è possibile realizzare un manto verde. Questo può essere costituito ...
Il robot rasaerba: una comodità per la cura del prato
Uno degli aspetti più impegnativi  nell'avere un giardino, riguarda la cura e l'impegno che la persona deve metterci per farlo crescere bello e rigogl...
Seguire il calendario lunario di Luglio 2011
Luglio è un mese caratterizzato dal colore: tutte le aiuole e le bordature sono ricche di fioriture, nell’orto e nel frutteto i raccolti sono al massi...
La Delosperma: semplice da coltivare anche in vaso
La repentina diffusione della Delosperma va sicuramente attribuita ad un particolare esemplare di ibrido: Delosperma dyeri “Red Mountain”. Questo part...
Settembre: il giardino al mare e il giardino in montagna
Cosa fare al mare i in montagna nei nostri giardini. La stagione sta cambiando e le temperature si abbassano di giorno in giorno. Ogni giardino avrà b...
Piante che fanno bene: il nespolo selvatico
Le nespole selvatiche presentano frutti di colorazione marrone chiaro, il periodo di maturazione coincide con il mese di novembre. Si tratta di frutti...
Capire meglio l'influenza della luna sulle piante
L’effetto esercitato dalla luna sul nostro pianeta influenza la vita dei campi e delle colture. Questo particolare effetto era già noto anche agli egi...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.