Piante da fiore in appartamento come prolungarne la vita

Tutte le piante superiori hanno fiori, più o meno abbondanti o più o meno attraenti: come è noto essi sono infatti gli organi deputati alla riproduzione delle piante stesse.

Nel linguaggio comune con il termine “piante da fiore” si intende quel gruppo di piante che si caratterizza per avere una fioritura particolarmente apprezzata dal punto di vista estetico.

La piante da fiore possono essere coltivate sia in vaso che in pieno campo per l’arredamento dei giardini, delle abitazioni,delle terrazze, dei balconi etc.

Vita breve ma intensa.

In genere il ruolo decorativo delle piante da fiore all’interno delle case è piuttosto breve, infatti la fioritura è una fase di transizione della vita di un vegetale e anche se può essere più o meno lunga, non è mai permanente.

piante da fioreInoltre queste piante vengono spesso vendute dal fioraio quando sono all’apice del loro splendore ed il passaggio dalla serra, al negozio, alla casa non potrà che essere fonte di ulteriore stress per pianta.

Nelle abitazioni in particolare l’ambiente chiuso, il riscaldamento eccessivo e la scarsa luminosità accelereranno il deperimento delle piante da fiore.

Di seguito si riportano una serie di consigli utili e piccoli accorgimenti che possono allungare la vita di queste piante, la loro bellezza e il loro effetto decorativo; in alcuni casi, se poste nelle giuste condizioni, queste piante ornamentali potranno anche fiorire una seconda volta.

Come coltivare le piante da fiore

Le Azalee

Queste piante appartengono al genere Rhododendron, tra le più diffuse ornamentali coltivate in moltissime varietà ed ibridi. Queste piante prediligono un clima fresco (10-16°C), molta luce e annaffiature frequenti. L’umidità ambientale deve inoltre essere elevata in quanto l’aria secca causa deperimento e disseccamento dei fiori.

Dopo la fioritura le azalee possono essere poste all’aperto (fatto salvo il pericolo di gelo). Un’eventuale invasatura in terra di castagno ed erica può far sopravvivere le azalee che potranno rifiorire avvantaggiandosi di un periodo di freddo primaverile.

I Ciclamini

Il Ciclamen persicum appassisce rapidamente a temperatura al di sopra dei 16°C. Queste piante oltre al freddo necessitano ottima luce e umidità dell’ambiente. Le annaffiature dovranno essere moderate, affinché non causino marciumi dei tuberi.

Dopo la fioritura e la caduta delle foglie il tubero potrà essere conservato in un vaso completamente asciutto in posizione fresca e ombreggiata. In agosto-settembre il tubero potrà essere trapiantato in un nuovo vaso contenente un substrato sabbioso e ricco di sostanza organica.

Con un po’di fortuna e ponendo la pianta in un logo abbastanza fresco e luminoso si potrà avere una nuova fioritura, anche se non bella come la prima.

La Stella di Natale

stella di natale

La Stella di natale è detta anche poinsettia o Euphorbia pulcherrima,

Detta anche poinsettia o Euphorbia pulcherrima, è caratterizzata per le sgargianti bratte rosse che circondano i piccoli fiori.

La stella di Natale può sopravvivere anche per 3-4 mesi nell’appartamento, tuttavia le sue caratteristiche di pianta brevidiurna ne rendono difficile una nuova fioritura.

Queste piante infatti si avvantaggiano delle 13-14 ore di buio dei periodi autunnali per fiorire ed anche un piccolo raggio di luce può impedirne la fioritura.

Potando le piante molto basse in marzo-aprile e rinvasata in un vaso contenente torba, concime e terra di foglie e mantenendo la pianta in posizione arieggiata e luminosa durante l’estate e riportando al buio la pianta nei mesi autunnali, la poinsettia potrebbe anche riuscire a rifiorire.

Le Ortensie

Queste piante amano ambienti umidi e freschi, necessitano annaffiature frequenti ed abbondanti.

Dopo la fioritura potranno essere “salvate” attraverso una drastica potatura e il successivo rinvaso in terra di castagno ed erica (sono piante acidofile) e ponendole all’aperto in un luogo ombreggiato.

Queste pratiche potranno portare ad una nuova fioritura l’anno successivo sia in casa che all’aperto.

Agrumi ornamentali
Gli Agrumi ornamentali: dai giardini storici a quelli moderni Il ruolo degli agrumi dal punto di vista ornamentale, oltre che agricolo, è nel cor...
Progettare il proprio giardino: fasi preliminari alla realizzazione
Anche se molti giardinieri non saranno d’accordo con questa affermazione il giardino è molto più di un vivaio; è senza dubbio l’estensione della nostr...
Progettare il giardino: zone in pendenza
Le zone in pendenza sono le sfide più grandi da superare per chi si occupa di architettura di giardini. Il momento dello scavo è il più faticoso dura...
Ficus: Benjamin, Elastica, Diversifolia e Pumila le specie più conosciute
Il Ficus appartiene alla famiglia delle Moraceae, include numerosissime specie, di queste circa una quarantina vengono coltivate a scopo ornamentale. ...
Tagliaerba elettrico: silenzioso ed ecologico dal taglio pulito
Non fa rumore, non disturba i vicini, non sporca, non inquina e può essere facilmente utilizzata da chiunque: si tratta della rasaerba elettrica, stru...
Il giardino a giugno: bordature e aiuole fiorite
Cosa fare per coltivare al meglio aiuole e bordature nel mese di giugno.
Coltivare il CAPRIFOGLIO dal profumo inebriante
Il Carifoglio, pur essendo una pianta rustica molto bella, non si trova spesso all'interno dei giardini, è capace di crescere ovunque, in diverse cond...
Curare le piante in vaso, prevenire i danni peggiori
Anche per le piante in vaso l’estate risulta un periodo difficile da sostenere, in particolare il mese di agosto, quando normalmente si raggiungono le...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!