Piante e fiori invernali: la Camellia Japonica Citation

La Camellia è una delle piante ideali se si vuole avere un balcone fiorito anche durante l’inverno, solitamente accompagnato da temperature estremamente rigide.

Oggi però voglio parlarvi di una specie di Camellia particolare, in grado di resistere a condizioni climatiche estreme.

Si tratta della Camellia Japonica Citation. Questa specie appartiene alla famiglia delle Theaceae ed è in grado di sopportare temperature relativamente restrittive, resistendo molto bene sia al caldo che al freddo più gelido (riesce a sopportare temperature fino a -15°C senza risentire del gelo), anche se, in condizioni di caldo estremo e freddo glaciale comincia ad avere i primi e gravi cedimenti di salute.

Ma vediamo le sue caratteristiche florovivaistiche.

Camellia Japonica Citation

La Camellia Japonica Citation è una pianta molto apprezzata oltre che per la sua resistenza, anche per i suoi ampi e raffinati fiori di un colore rosato molto delicato.

I fiori si compongono di pochi stami filamentosi ed i petali sono irregolari nella forma.

Come tipologia di pianta appartiene alle acidofile.

Le foglie sono di forma lanceolata e d un verde smeraldo vivo e acceso.

Quando ci si trova a dover acquistare la pianta in vaso è consigliabile verificare che non abbia subito danni durante i vari spostamenti che avvengono nei garden.

La pianta si deve presentare in buona salute, rigogliosa e forte senza aver subito forti tagli che probabilmente potrebbero identificare delle problematiche di salute già in atto o comunque avvenute.

La Camellia Japonica Citation non richiede grandi cortezze ma è una pianta da fiore che ben si accosta alla decorazione di balconi e terrazze invernali.

Coltivare Camelie in salute

Piante e fiori invernali

Piante e fiori invernali: la Camellia Japonica Citation

Al contrario di molte piante non ama la luce direttae costante del sole, soprattutto durante le ore centrali.

E’ quindi preferibile collocarla ad ovest o ad est, dove è possibile garantire la Camellia Japonica Citation di assorbire la luce, anche in modo abbondante, solo di pomeriggio o durante la mattinata.

Essendo una pianta acidofila il terreno nel quale riesce ad attecchire e cresce in modo equilibrato è sano e di natura acida.

Non è possibile prevedere un’altra tipologia di terriccio in quanto ne risentirebbe molto la sua salute.

Anche per quanto riguarda il concime vale la stessa regola. Non è possibile utilizzare altro fertilizzante se non quello a reazione acida specifico per piante acidofile; in questo modo si evita un pericoloso innalzamento del ph della pianta.

La pianta deve essere poi bagnata in abbondanza esclusivamente durante il periodo estivo.

Per il resto dell’anno occorre verificare che il terreno risulti soffice e morbido.

Non amando i ristagni d’acqua è consigliabile preparare un terreno che garantisca un buon drenaggio.

Anche per le bagnature estive occorre fare comunque un po’ di attenzione.

In quanto se ci si rende conto che il drenaggio non è sufficientemente equilibrato, è sconsigliabile eccedere con le innaffiature, rischiando di provocare ristagno e marcescenza.

Malattie e parassiti della pianta

Camellia Japonica

Gemma della Camellia malata

Uno dei problemi riscontrati più frequentemente è quello delle scottature solari. Solitamente ciò che viene riscontrato è la presenza di macchie gialle e marroni sulle foglie. L’unica cosa che si può immediatamente fare è quella di spostare la Camellia in un luogo più riparato.

Un’altra malattia molto frequente di cui bisogna essere a conoscenza è la Apoplessia che è causata da un fungo: il Glomerella cingulata.

Il fungo cresce in ambienti umidi e si sposta grazie alle goccioline presenti in ambiente.

L’apoplessia è una malattia grave che provoca una rapida morte della pianta. Inizialmente ciò che si nota è un normale invecchiamento delle foglie; il passo successivo è quello della marcescenza delle radici che ovviamente ne provoca la morte.

Sono due i modi per difenderla da questa malattia. Durante la primavera e le grandi piogge, occorre proteggerla con dei trattamenti preventivi fungicidi.

Se invece, l’attacco da parte del fungo è già in atto l’unica cosa che resta da fare è quella di fare dei tagli netti eliminando tutte le parti malate in modo da evitare il rischi di nuove infezioni.

Un’altra malattia sicuramente meno grave, è la muffa grigia dei fiori che è solitamente provocata dalla presenza di un’eccessiva umidità ed uno scarso ricircolo dell’aria.

Ciò che consente di verificare questa malattia è la presenza di una vera e propria polverina grigia.

Per eliminare il problema aumentate il ricircolo dell’aria, evitate ambienti umidi e non lasciate petali e elementi marci vicino alla pianta in modo da non aiutare la proliferazione della muffa.

Dopodiché è possibile acquistare dei prodotti specifici all’interno dei garden in modo da eliminare del tutto il problema.

Mantenere la Camellia Japonica Citation sana, vi consentirà di apprezzarla per tutto l’inverno e oltre.

Il LIMONE LUNARIO: la pianta ideale per la fioritura invernale
Il limone lunario è una pianta ormai considerata italiana a tutti gli effetti, di natura sempreverde. Proprio per questo è ideale la sua presenza a...
La Nemesia Sunsatia: un ibrido che fiorirà fino all'autunno
La Sunsatia Proven Winners forse è una di quelle novità degne di nota. Questi ibridi di nuova realizzazione sono ideali per decorare barconi e giardin...
Piante rampicanti perenni e annuali in vaso
Esiste un gran numero di piante rampicanti che possono essere coltivate anche in vaso, anche se ovviamente non è per tutte così. Anche se coltivate i...
La pacciamatura una tecnica per proteggere le piante
Solitamente si intende la pacciamatura come un mezzo per proteggere apparato radicale, colletto, tronchi, bulbi e rizomi solamente dalle basse tempera...
Poco spazio? Coltiva le erbe aromatiche in pareti verticali
Anche con poco spazio a propria disposizione è possibile realizzare una coltivazione di piante aromatiche utili per insaporire la cucina. Basta sfrutt...
Scegliere il Platano per valorizzare parchi e giardini
Il Platanus Orientalis, cioè quello nostrano, grazie alla particolare corteccia dalla colorazione cangiante, ha un grande valore ornamentale. In più s...
La Dracaena draco: una pianta elegante millenaria
La Dracaena draco, o sangue di drago (Drakaina = femmina del drago) è una pianta monocotiledone originaria delle isole Canarie appartenente alla f...
Come e quando mettere a dimora le piante in giardino
Le giuste conoscenze che riguardano la messa a dimora delle piante ornamentali sono un importante fattore nel determinare il successo della progettazi...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!