Piante officinali, piante medicinali e piante aromatiche

L’origine del nome pianta officinale è latina; deriva dalla parola “officina”, che si riferisce ai laboratori farmaceutici dove si lavoravano le erbe per creare composti medicinali poi utilizzati per la medicina popolare.

Ora il termine ha un significato più ampio e comprende anche le piante aromatiche; ciò è anche supportato dalla legge numero 99 del gennaio 1931 che definisce: “per piante officinali si intendono le piante medicinali, aromatiche e da profumo”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce pianta medicinale “ogni vegetale che contiene in un organo, o in più organi, delle sostanze che possono essere utilizzate a fini terapeutici o che sono i precursori di emisintesi chemio-farmaceutiche.”.

Le piante aromatiche vengono invece utilizzate per aromatizzare i cibi, i liquori e fanno parte della composizione dei cosmetici.

Le erbe medicinali hanno al loro interno principi attivi di varia natura che fanno parte delle classi degli alcaloidi, eterosidi, delle gomme, degli enzimi e delle vitamine.

Le piante aromatiche invece producono principi attivi odorosi spesso utilizzati per preparare profumi, bevande e cosmetici.

Con le erbe officinali è possibile creare molti medicinali come sciroppi, pomate, unguenti, infusi e decotti.

Come coltivare le erbe aromatiche

Piante Aromatiche

Piante Aromatiche

Anche per le piante officinali, come per tutte le piante, esiste una fascia temporale utile per la coltivazione. Questo lasso di tempo per le piante medicinali viene chiamato “tempo balsamico”: è il periodo in cui nelle piante si riscontra la maggiore concentrazione di principio attivo.

A seconda di molte caratteristiche come l’origine spontanea o no della pianta, così come la posizione, l’altitudine o le caratteristiche del terreno ogni pianta avrà un periodo preciso per la raccolta. Va sottolineato comunque che le piante di crescita spontanea possiedono una quantità molto più alta di principio attivo rispetto a quelle che vengono coltivate.

Per la raccolta si suggerisce di scegliere una giornata particolarmente asciutta e serena, in modo tale da evitare un eventuale deterioramento causa umidità di pianta e radici.

Metodi di essiccazione delle piante medicinali

Dopo aver raccolto le piante medicinali, queste dovranno essere pulite dagli scarti e dalle parti danneggiate. Il processo di essiccatura è un processo molto delicato e si deve prestare una grande attenzione durante la realizzazione.

E’ fondamentale per le piante medicinali conservare i principi attivi. E’ quindi consigliabile la conservazione in luoghi arieggiati, lontani soprattutto dai raggi del sole. Erbe, fiori, foglie e gemme andranno posti a riposare su dei graticci di tela durante tutto il periodo di essiccazione.

Le tecniche di essiccazione si differenziano tutte a seconda della tipologia di pianta o di erba, alcuni fiori per esempio durante il processo di essiccazione vanno appesi al contrario in modo tale da far circolare liberamente l’aria da tutti i lati.

Per quanto riguarda radici e tuberi prima di passare al processo di essiccazione andranno lavati e tagliati, successivamente messi ad essiccare.

Se il processo di essiccatura avviene nel modo corretto le piante manterranno quasi inalterato il colore originale.

Resa in prodotto finale

La resa non è standard ma si può approssimare che con un kg di foglie si possono ricavare 150 grammi di prodotto; la quantità può salire a 300 grammi se si tratta di radici e similari, sempre partendo da un kg di prodotto originale.

piante officinali

Esempio di erbario medievale

Per le cortecce si riesce a ricavare fino alla metà del prodotto originario.

Raccolta delle erbe officinali

La raccolta delle erbe medicinali non è particolarmente difficoltosa. Oltre ad utilizzare una certa delicatezza durante la raccolta è molto importante scegliere il periodo adatto. In primavera si potranno raccogliere radici, tuberi, bulbi e rizomi, il tutto prima che la pianta inizi a crescere, o in alternativa nel tardo autunno quando la pianta sarà del tutto essiccata.

Cortecce e gemme andranno raccolte in primavera, periodo nel quale è più facile staccarle grazie alla presenza abbondante di linfa.

Le foglie e gli steli vanno raccolti prima della fioritura, le erbe in ogni periodo e i fiori prima che siano sbocciati del tutto.

Conservazione delle piante officinali

E’ importante conservare le piante essiccate al riparo da ogni agente atmosferico. L’ideale è collocarli in contenitori di vetro e porcellana o in sacchetti di tela grossa.

La plastica invece è altamente sconsigliata perché potrebbe formare della condensa al suo interno che potrebbe dare origine a della muffa.

Va comunque sottolineato che i principi attivi delle piante diminuiscono col tempo e dopo uno o due anni iniziano a perdersi.

Le piante officinali nella storia

Erbe Medicinali

Erbe Medicinali

Le erbe officinali vengono utilizzate da tempi immemorabili, e per molto tempo questi rimedi sono stati l’unica risorsa della medicina. Ed è grazie a questo che ne è stata ampiamente approfondita la conoscenza.

Il formulario del Pen –Tsao (8700 a. C.) è uno degli scritti più antichi dove vengono descritte polveri, decotti  pomate, unguenti  derivati da piante officinali.

Ovviamente poi va citato Ippocrate, che nel V secolo a. C. classificò le erbe in base alle loro azioni.

Si ricorda il Medio Evo come periodo particolarmente importante per lo sviluppo dell’alchimia e quindi per l’utilizzo di derivati di piante medicinali. Anche i Monaci Benedettini studiarono e svilupparono importanti trattati di botanica tra le mura dei loro monasteri.

Nel XIX secolo si isolarono molti principi attivi derivanti da erbe officinali. Primo fra tutti la salicina, derivata appunto dalla corteccia dei salici. Ma già Ippocrate ne aveva individuato  i poteri antidolorifici e antifebbrili. Seppur ignorandone il principio attivo.

L’ ORCHIDEA: scegli quella che fa' per te
Esistono più di 35.000 specie di orchidee nel mondo, che vengono altrettanto suddivise in 700 generi differenti. Solitamente nei maggiori centri co...
Coltivare l’orto biologico per verdure sane e buone
Se si pensa all’orto di sicuro si pensa anche ai prodotti salutari che produrrà. In più attualmente l’amore per gli “ortaggi fai da te” è ormai una re...
Buddleja in fiore: poche cure indispensabili
La Buddleja davidii, specie più nota sul territorio Italiano, è di semplice coltivazione. Si tratta di una pianta rustica che sopporta bene sia le alt...
Composizioni con le PIANTE ACQUATICHE
Per cambiare un po', soprattutto se si vuole avere un angolo del proprio giardino o del proprio balcone particolare, con un non so' che di esotico, si...
Il calendario lunario del mese di settembre
Con l’arrivo di settembre l’aria è più fresca, grazie anche ai tanto attesi temporali. Molte piante si risvegliano dal torpore, la ripresa vegetativa ...
IDROCOLTURA: coltivare le proprie piante senza l'ausilio della terra
L'idrocoltura è un tipo di coltivazione particolare che consente di far crescere le proprie piante in assenza di terra. Grazie a questo, si tratta di ...
Pensare per tempo alle varietà primaverili: la pianta di pesco
L’origine del nome di questa pianta ne fissa la terra d’origine il Persia, ma l’origine effettiva del pesco è da ricercarsi in Cina, dove effettivamen...
Approfittiamo dell'inverno per progettare l’orto
E’ proprio il periodo invernale il migliore per decidere come andrà sistemato l’orto nei prossimi mesi. Dotati di cara e penna possiamo ricreare gli s...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!