Piante rampicanti perenni e annuali in vaso

Per tenere le rampicanti in vaso

Esiste un gran numero di piante rampicanti che possono essere coltivate anche in vaso, anche se ovviamente non è per tutte così.

piante rampicanti annuali

Lathyrus odoratus o Pisello odoroso

Anche se coltivate in vaso queste piante, per evitare che soffrano troppo a causa di un’esposizione ai raggi solari prolungata, necessitano di un terreno sempre umido.

E’ quindi molto importante collocarle, in attesa dei mesi estivi, sui terrazzi; in questo modo le radici riusciranno ad essere protette e in ombra anche quando il resto della pianta sarà al sole.

E’ preferibile utilizzare contenitori di terracotta legno o pietra; questi materiali infatti sono in grado di isolarli contro gli sbalzi termici, proteggendoli dal troppo caldo e dal troppo freddo.

Le piante rampicanti annuali

Se coltivate in substrati fertili e ben drenanti, sarà molto facile far crescere piante rampicanti annuali. Consigliamo quindi di utilizzare contenitori dalla dimensioni medie; il fondo deve essere riempito di ghiaia grossa, in maniera tale da mantenere un buon drenaggio del terreno.

Controllate però con attenzione che i buchi posti sul fondo del vaso siano di dimensioni abbastanza grandi per consentire un efficace drenaggio dell’acqua.

Piante rampicanti in vaso

Lathyrus odoratus rosa

Esempio tipico di rampicante annuale è il Pisello Odoroso, Lathyrus odoratus. I fiori molto vistosi di questa pianta variano dalle tonalità del bianco fino al rosso, al viola e al rosa. Caratteristica principale di questa pianta, oltre alla tenue colorazione, è il profumo intenso.

Le radici di questa pianta sono in grado di captare l’azoto dall’atmosfera, quindi non necessità di una concimazione continua, tipica della bella stagione, solitamente effettuata per reintegrarlo all’interno del substrato. E’ però molto importante non tralasciare l’apporto di acqua.

Va innaffiata di frequente, soprattutto se esposta continuamente ai raggi del sole.

Le piante rampicanti perenni

piante rampicanti perenne

La Bignonia è una piante rampicanti perenne

Le piante perenni necessitano di cure maggiori per la loro coltivazione. E’ importante collocarle in vasi molto grandi e profondi. Sono dotate di getti più poderosi rispetto alle annuali, quindi richiedono basi decisamente più stabili.

Un esempio appartenente a questa famiglia è il caprifoglio, caratterizzato dai profumatissimi fiori bianchi; oppure segnaliamo la più insolita bignonia: questa pianta ha una crescita molto rapida ed una fioritura caratterizzata da fiori dal colore rosso – arancio.

Un tipico rampicante perenne è anche il più noto glicine, Wisteria sinensis. Il glicine, se si vuole trapiantarlo, necessita un vaso largo dai 50 ai 60 centimetri, con una profondità di almeno 30 centimetri.

Anche le clematidi sono una scelta interessante. Vi consigliamo di evitare la varietà Montana: questa tipologia ha una crescita davvero molto rapida e invasiva; questa potrebbe occupare tutto il vostro spazio disponibile in un tempo davvero limitato.

Tutte le altre varietà hanno invece una crescita normale, consigliamo l’Atragena o la Viticella.

Ricordatevi di rinnovare e smuovere, ogni due anni, lo strato più superficiale del terreno che ospita le rampicanti. Ciò garantirà una crescita migliore.

Le cocciniglie: nemiche dei rampicanti e delle piante d’appartamento

Le cocciniglie sono degli insetti, appartengono alla famiglia degli Emetteri. Sono tra i parassiti più diffusi e decisamente pericolosi che possono

Clematidi

Clematidi

attaccare piante d’appartamento e le piante da giardino.

Questi insetti hanno capacità differenti di movimento a seconda che si trovino nella forma adulta o giovanile. La forma giovanile è responsabile delle nuove colonizzazioni, poiché è in grado di muoversi velocemente. La forma adulta è la più visibile, principalmente perché risulta immobile.

Le cocciniglie attaccano le piante succhiando loro la linfa vitale. Sono in grado di collocarsi sia sui tessuti nuovi che su quelli già maturi, molto spesso si nascondono o si collocano in posizioni quasi invisibili e piuttosto difficili da raggiungere.

Le varietà più tristemente note sono principalmente tre, anche se se ne annovera una varietà decisamente più ampia.

Le cocciniglie più frequenti

Cocciniglia

Cocciniglia

Tra le più frequenti segnaliamo la cocciniglia a scudetto: questa è protetta dall’ambiente esterno da una specie di involucro ceroso rigido. Questa corazza rigida può essere eliminata o applicando una pressione alterale, oppure schiacciandolo (naturalmente sempre protetti da guanti.

Un altro esempio di cocciniglia molto nota è la cotonosa. Questo parassita infesta soprattutto gli agrumi in vaso. Può essere eliminata con trattamenti appositi.

Si consiglia, una volta utilizzato il trattamento, di racchiudere la pianta sotto un telo di plastica; in questo modo il principio attivo avrà modo di agire senza disperdersi nell’ambiente.

Altri parassiti molto noti sono le cocciniglie che attaccano l’apparato radicale. Queste sono invisibili all’esterno, si possono controllare utilizzando prodotti sistemici: questi verranno assorbiti dalle piante ed entreranno in circolo nel sistema linfatico.

Le cocciniglie delle radici sono le più pericolose, soprattutto per il fatto che sono difficilmente individuabili e di conseguenza diventa difficile combatterle con efficacia.

Un prato verde rigoglioso: il sogno di tutti gli amanti del giardino
Storia del prato verde all’inglese L’utilizzo dei tappeti erbosi all’interno del giardino si diffuse alla fine del XVIII secolo soprattutto negli a...
Seguire il calendario lunario di Aprile 2011
Nel mese di aprile tutto cresce più rapidamente. E’ proprio in questo mese che è bene tenere le piante sotto controllo, pianificando un regime di conc...
Realizzare pareti verdi con le piante rampicanti
Tra le piante più adattabili e diversificate troviamo le rampicanti. Ne esistono molti esemplari diversi, ma lo sviluppo di alcuni tratti comuni hanno...
Coltivare le fragole anche come piante ornamentali
Le piante di fragole sono molto longeve, si riproducono mediante divisione degli stoloni radicali, o in alternativa con propaggine degli stessi. Quest...
Quando e come piantare le rose nel modo giusto
Se vogliamo avere delle belle rose che decorino il nostro giardino è importante, prima di tutto, piantarle nella maniera corretta. Di seguito vi sveli...
Preparare il giardino al nord: piantare le rose a radice nuda
Per prima cosa è giusto chiarire cosa sono le rose a radice nuda; premettendo che si possono trovare anche altri esemplari sempre a radice nuda. Le pi...
Piante aromatiche non solo in cucina: dalla cosmesi all’uso ornamentale
Le piante aromatiche sono tra gli esemplari che, se coltivati a dovere, possono avere molteplici usi differenti. Normalmente si utilizzano con frequen...
Punteruolo rosso delle palme, quali sono le specie più resistenti da mettere in giardino?
L’arrivo in Italia del Punteruolo rosso delle palme, Rhynchophorus ferrugineus, avvenuto tra il 2005 ed il 2006, ha determinato, nel corso di 7 anni, ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!