La Polygala myrtifolia o Poligala a foglie di mirto: una pianta esotica integrata nel giardino mediterraneo

Polygala myrtifolia

La Polygala fiorisce fino all'autunno inoltrato

La Polygala myrtifolia o Poligala a foglie di mitro è un arbusto sempreverde originario del Sud Africa, appartenente alla famiglia delle Polygalacee. Questa pianta venne introdotta alla fine del ‘700 in Olanda e successivamente nel resto d’Europa, essendo già molto apprezzata per il suo particolare effetto decorativo.

Il nome “Poligala” deriva dal greco (poli = molto, gala = latte) ed è dovuto alla credenza del passato, rivelatasi poi inesatta, che le piante appartenenti a questo genere, se usate per l’alimentazione dei bovini, potessero aumentarne la produzione di latte.

Tra le specie coltivate in Italia appartenenti al genere Polygala si annoverano, oltre a P. myrtifolia, anche P. chamaebuxus (nota anche come falso bosso) P. lutea e P. paucifolia. Alcune di queste specie trovano impiego nella farmacopea, tuttavia l’utilizzo più diffuso è di carattere ornamentale.

Una pianta esotica nel giardino mediterraneo

Oggi la P. myrtifolia viene considerata tra le specie ornamentali più diffuse nelle isole maggiori e nella riviera ligure per il suo facile adattamento alle condizioni pedoclimatiche presenti. Inoltre per il suo habitus sempreverde ed il valore estetico dei fiori si associa perfettamente alle specie alla flora spontanea delle regioni mediterranee.

Polygala myrtifolia: caratteri botanici  

La Polygala myrtifolia si presenta come un arbusto folto, alto 1-2,5m, fusto eretto ramificato e robusto. Le foglie sono di colore verde glauco, persistenti, alternate, glabre e piatte di circa 2,5cm di lunghezza.

I fiori sono di colore violaceo (anche se esistono anche varietà a fiore bianco) e sono riuniti in racemi lunghi 2,5-3cm.

La fioritura inizia a marzo e si protrae per tutta l’estate ad in genere anche fino all’autunno inoltrato.

Tecnica colturale

La Poligala è una pianta di facile adattamento a tutti i terreni da giardino ben drenati e soleggiati; resiste bene al pieno sole ma predilige i luoghi ombreggiati. Pertanto è utilizzabile sia per la formazione di siepi decorative che anche in zone di sottobosco.

Si adatta male nelle zone caratterizzate da inverni troppo rigidi, dove può essere coltivata in serra in vasi di 20-25cm e portata fuori in estate in zone semi-ombreggiate.

In caso di coltivazione in vaso è opportuno rinvasare ogni 2-3 anni fornendo nuovo terriccio.

Nelle zone con inverni miti, la pianta può essere facilmente allevata all’aperto.

In estate è opportuno somministrare abbondanti irrigazioni ogni 15-20 giorni.

Moltiplicazione

poligala potatura

La coltivazione può essere in vaso o in piena terra per la formazione di siepi

La moltiplicazione viene effettuata principalmente per talea. In aprile-maggio si prelevano talee lunghe 7-8cm dai germogli laterali e si piantano  in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali posti in un grosso vaso.

In serra le talee vanno mantenute ad una temperatura controllata intorno a 16 gradi, ma nelle zone temperate possono anche essere tenute all’aperto. La percentuale di attecchimento è di solito piuttosto bassa. Dopo la radicazione, le piantine possono venire poste in piccoli vasi.

Potatura della Poligala

Le piante giovani vanno sottoposte a cimatura per favorire l’emissione dei germogli laterali. Per favorire la ramificazione è opportuno effettuare una potatura in febbraio riducendo la lunghezza dei rami della metà.

L’irrigazione del giardino
L’irrigazione è una tecnica agricola che affonda le sue radici nel passato. In Italia venne valorizzata in particolare dagli arabi che la importaro...
Stella di Natale, caratteristiche e consigli per curarla
Il nome scientifico è Euphorbia pulcherrima, ma tutti la conosciamo come Stella di Natale. Si tratta di è una pianta tropicale appartenente alla fa...
Come coltivare le piante grasse: necessità e attenzioni per le succulente
Le piante succulente sono tra le più resistenti in natura e le cure da dedicare a quest’ultime non sono eccessive. Va considerato però che serviranno ...
L'AGAVE ATTENUATA: una pianta grassa che viene dal Messico
L'Agave è una pianta molto amata, soprattutto nei luoghi di mare, dove spicca per la sua inconfutabile eleganza. L'Agave Attenuata è scientificamen...
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare in giugno
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare nel mese di giugno per curarle al meglio.
Aree verdi amiche degli animali
Alcuni considerano gli animali nemici dei nostri giardini, capaci di rovinare solamente quello che si è riusciti a coltivare spendendo una gran quanti...
Coltivare le piante aromatiche: alcuni trucchi del mestiere e facili regole per la conservazione
Per alcune tipologie di piante aromatiche è possibile raccogliere il fogliame durante tutto l’anno, come per esempio accade con rosmarino, salvia e al...
La passiflora, coltivazione e curiosità
La Passiflora è una pianta rampicante dal fiore inconfondibile. Predilige per la sua crescita luoghi caldi e terreno ben drenato. Cresce anche nelle r...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!