Progettare il giardino: zone in pendenza

Le zone in pendenza sono le sfide più grandi da superare per chi si occupa di architettura di giardini.

Il momento dello scavo è il più faticoso durante il processo di realizzazione del giardino, soprattutto se le risorse economiche sono scarse e andrà eseguito a mano.

La realizzazione di terrazze è il modo più efficace e conveniente per superare pendenze e dislivelli. Di sicuro un graduale dislivello, magari a gradoni. È di sicuro più bello da vedere di una ripida discesa.

Scavare e riempire

Scavando per ottenere un’area livellata si produrranno dei detriti. Il modo più agevole per scavare e riutilizzare i detriti è quello di scavare fino alla metà dell’altezza e riutilizzare il materiale di risulta per collocarlo più in basso. In maniera tale da realizzare due muretti, più piccoli e di facile costruzione.

Ecco alcuni consigli pratici da seguire durante uno scavo:

  • E’ conveniente iniziare lo scavo dalla parte più alta e depositare i detriti verso il basso per evitare di doverli trasferire da qualche altra parte.
  • Utilizzare pioli o carrelli per tracciare le aree sulle quali eseguire lo scavo, con corda e livella si farà un lavoro più preciso.
  • Non superare i 90 cm nella realizzazione dei muri di sostegno per non dover incorrere a controlli edilizi.
  • Lasciare stabilizzare il terreno prima di proseguire con altre operazioni.

Tipologie di muri da giardino

Muro a secco

Realizzazione muro di pietra

Realizzazione muro di pietra

La pietra è senza dubbio uno dei materiali più utilizzati per la realizzazione di terrazzamenti. Per realizzare questa tipologia muraria è possibile riutilizzare le pietre raccolte durante a preparazione del sito. E’ consigliabile realizzare un substrato di argilla o rocce, reso compatto da della terra grassa.

Ecco quali sono i passi da seguire per la realizzazione di un muro a secco:

  • Utilizzando una corda si deve delimitare il muro, poi con della calce o della vernice spray vanno indicate le fondamenta
  • Scavare un canale di circa 45 – 60 cm fino a raggiungere la base solida e poi compattare il tutto
  • Iniziare con la posa delle pietre, utilizzando quelle più piccole per stabilizzare quelle più grandi
  • Riempire il muro con calcinacci sfusi per garantire un buon drenaggio. Si può anche collocare un tubo di drenaggio dietro al muro per facilitare l’uscita dell’acqua
  • Se si colloca una pavimentazione di fronte al muro ricordarsi di porre un canale di scolo tra muro e pavimentazione

Muro di legno

Legno trattato o traversine di legno duro sono particolarmente indicati per costruire muri semplici ma decisamente solidi.

Realizzazione muro di legno

Realizzazione muro di legno

I metodi per costruire muretti di legno sono molti ma di sicuro il metodo “trave puntello” è il più affidabile.

Di seguito alcuni suggerimenti per la realizzazione:

  • Tracciare le guide per i puntelli e praticare le buche per l’inserimento
  • Inserire i puntelli e riempire i buchi con calcestruzzo ad alta resistenza. Ricordarsi di praticare dei piccoli buchi per far drenare l’acqua presente nel calcestruzzo
  • Quando il calcestruzzo si è solidificato va creata una base dietro il puntello e va preparato il terreno per collocare il primo strato di traversine
  • Collocare le traversine sulla base  e fissarle al puntello con dei bulloni, lasciando un po’ di spazio tra una traversina e l’altra
  • Una volta completato il muro si dovranno riempire gli interstizi vuoti con ghiaia e sabbia. Lasciare un condotto di scolo davanti al muro per drenare l’acqua
  • Livellare a filo i puntelli con la trave superiore

Muratura intonacata

La muratura intonacata viene utilizzata principalmente nelle architetture da giardino più formali. Sono più complicate da costruire ed è sconsigliato il “fai da te”. E’ molto importante realizzare un corretto sistema di drenaggio per evitare il distacco dell’intonaco dalla muratura a causa dell’umidità.

E’ consigliabile non costruire muri di questo tipo di un’altezza superiore ai 75 cm.

Muro di pietra

Muro di pietra

Ecco come procedere con la realizzazione:

  • Tracciare le linee di fondamenta e scavare un canale
  • Compattare il suolo e realizzare uno strato di cemento o malta per formare la base della muratura
  • Porre una rete rinforzante  e versare il calcestruzzo fino all’altezza del terreno
  • Far solidificare il calcestruzzo  e iniziare a disporre i mattoni ricordandosi di lasciare delle fessure per il drenaggio
  • Continuare con il posare i mattoni
  • Verniciare il retro del muro con un composto bituminoso e fissare un foglio di materia plastica, ricordandosi di tagliare in corrispondenza delle fessure drenanti
  • Porre un tubo di drenaggio alla base del muro e poi riempire con ghiaia grossa
  • Porre dell’intonaco impermeabile in cima e nella parte anteriore del muro
  • Quando il muro sarà stabile e asciutto livellare ad altezza necessaria il retro del muretto usando del terriccio chiaro e sabbioso. Compattare bene in aderenza col muro

Altri tipi comuni di muro da giardino

Nei negozi di “fai da te” è facile reperire una vasta gamma di materiali per la realizzazione di muri da giardino. Molti sono in cemento armato e realizzati con parti ad incastro, facili da assemblare.

VASI per balconi e ambienti interni ecologici
Progettare un balcone fiorito o un interno con piante e fiori, non deve essere per forza banale. Anche in questi casi un tocco di originalità non g...
Come proteggere il giardino dal gelo invernale
Alcune piante temono il freddo e necessitano di cure particolari, soprattutto quando arriva la stagione fredda e le temperature gelive dell'inverno. ...
Fiori per giardini, balconi e aiuole in Aprile
Il gladiolo da valorizzare Aprile  è il mese giusto per curare i gladioli. Scegliete un luogo soleggiato per piantare i cormi, in breve tempo spu...
Il bambù per creare rinfrescanti zone d'ombra in giardino
Creare una zona d’ombra utilizzando il bambù è un’operazione molto facile. La frescura sarà garantita, in più non saranno necessarie cure particolari,...
Thunbergia Grandiflora: pianta decorativa o pianta infestante?
La Thunbergia Grandiflora è una pianta originaria del subcontinente indiano, attualmente è presente anche nel continente Australiano come pianta rinse...
Ad ottobre cambia il paesaggio al mare e in montagna
Ad ottobre cambia il clima ed inevitabilmente cambia anche il paesaggio, cambiano i colori e i profumi. Ma cosa succede nei nostri giardini? A seconda...
Fiori gialli: allegri anche in autunno
Guardando i giardini in autunno tutto sembra molto triste. Serve una sferzata di colore per ravvivare le giornate più grigie. In questo articolo vi su...
Progettare un giardino: per prima cosa conoscere l’ambiente
Se si dispone di un piccolo spazio di terra e si vuole realizzare un giardino non basterà affidarsi al caso e mettere semplicemente a dimora alcune pi...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!