Progettare il proprio giardino: fasi preliminari alla realizzazione

Anche se molti giardinieri non saranno d’accordo con questa affermazione il giardino è molto più di un vivaio; è senza dubbio l’estensione della nostra casa, anch’esso dotato di elementi architettonici. In questo caso anche le piante sono considerate e trattate come elementi architettonici veri e propri. Considerando il giardino sotto quest’ottica è facile comprendere che andrà progettato in tutti i suoi elementi in maniera tale da vivere gli spazi in maniera corretta, posizionando in maniera giusta le varie essenze, tenendo conto in maniera esatta delle varie esposizioni del sole a seconda della funzione da svolgere in un’area piuttosto che in un’altra, e via dicendo.

Come iniziare con la pianificazione del giardino

progettare giardino

Giardino classico

Prima di partire con la vera e propria progettazione e piantumazione del giardino è necessario prendere in analisi degli elementi basilari come il clima, l’esposizione, il tipo di suolo e la pendenza del sito.  Una volta analizzati questi elementi si potrà iniziare a pianificare il proprio giardino.

E’ importante tener presente la conformazione dell’ambiente circostante: i venti dominanti, la luce solare disponibile, la struttura del suolo, la disponibilità di acqua e tutto l’ambiente circostante.

Fatto ciò si potrà iniziare a sviluppare un progetto.  Lo scopo finale di un giardino è quello di essere funzionale, bello da guardare, e soprattutto semplice da mantenere. Quindi è bene dedicare un po’ di tempo per osservare il terreno sul quale si agirà, per cercare di capire meglio come questo giardino agirà sul proprio quotidiano.

Analisi del sito

Per prima cosa si deve prendere nota dell’esistente, il giardino deve essere messo in rapporto con la propria abitazione. Si deve riuscire a progettare in maniera tale da ridurre al minimo fatica, costi e materiali, utilizzando l’esistente e integrandolo col nuovo.

Ecco alcune domande da porsi durante l’analisi del sito:

  • Come  si orienta il sito?
  • Che pendenza ha il sito?
  • Sono già presenti elementi naturali?
  • Qual è il tipo di terreno?
  • Dove scola l’acqua?
  • Dove sono collocati i servizi?
  • Esistono aree particolarmente problematiche?
  • Sono già presenti alberature?
  • Ci sono delle vedute degne di nota da tenere in considerazione?

Tenendo presente questi elementi, sia che siate voi i progettisti, sia che vi affidiate ad un professionista, si potrà partire con la progettazione vera e propria. Un’analisi puntuale di questo tipo consente di concentrarsi su una sola area alla volta ma senza perdere di vista il progetto complessivo.

Rapporto tra l’abitazione e il giardino

La realizzazione di un giardino crea conseguenze anche sui processi fisici e naturali dell’ambiente circostante. E’ bene quindi stare attenti che il giardino non abbia un impatto negativo sull’abitazione.

progettazione giardini

Aiuola di fiori assortiti

Ci sono quindi una serie di cose che vanno prese in considerazione:

  • Individuare posizione e profondità di tubature, cavi telefonici o elettrici per non danneggiarli
  • Convogliare eventuali perdite di acqua o in scoli esistenti o in appropriati elementi di raccolta
  • Assicurarsi che la crescita delle radici non precluda lo scolo dell’acqua
  • Non collocare nulla sopra il rivestimento impermeabile della casa
  • Non porre materiali di riempimento contro assi di rivestimento esterni o rivestimenti in pietra
  • Evitare di accumulare materiali a ridosso della casa onde evitare ristagni e fenomeni di umidità
  • Non piantare mai alberi accanto a canali di scolo
  • Non piantare grossi alberi in prossimità delle fondamenta e  i muri di sostegno
  • Non piantare alberi sempreverde in punti  in cui potrebbero oscurare il sole durante il periodo invernale

Preparare il terreno per il giardino

E’ importante preservare le risorse naturali, sia per mantenere intatto l’ambiente sia per risparmiare tempo e denaro durante la realizzazione del giardino. Cercate quindi di riciclare più elementi possibili. Inoltre se la vostra idea è quella di realizzare un giardino piuttosto vasto sarà utile dotarsi di un calendario ben preciso degli interventi da fare, in modo tale da svolgere ogni passaggio nel periodo più adatto. Pulire e preparare correttamente il luogo nel quale avrà vita il vostro giardino può farvi valutare il progetto secondo nuove prospettive.

Ecco alcuni consigli pratici:

  • Togliere tutte le erbacce dal sito e se necessario chiedere consiglio a degli specialisti
  • Smistare e conservare sassi, pietre, mattoni e similari e alloggiarli dove si prevede la costruzione di muri, o dove si prevede la necessità di materiale di riempimento
  • Lasciare le piante più forti su argini e bordi scoscesi, si eviteranno eventuali erosioni del terreno
  • Ripulire tutte le strutture preesistenti, come passerelle, muretti e similari, per verificarne la resistenza o la necessità di eventuali riparazioni

Dopo aver sistemato il sito dove si realizzerà il giardino si dovranno definire i materiali necessari per iniziare i lavori. E’ importante anche definire un luogo dove si potranno conservare tali materiali durante i lavori.

Dare forma al progetto del giardino

progetto giardino

Esempio di giardino acquatico

Dopo aver pulito il terreno e definito il progetto si potrà iniziare a tracciare l’architettura del giardino. Il consiglio è quello di creare apposite zone da adibire alla vita all’aperto e al relax, possibilmente sopraelevate. Passo successivo sarà quello di fornire un adeguato sistema di drenaggio. Un buon drenaggio consentirà un pieno utilizzo  del terreno e metterà al riparo da danni dovuti ad umidità nel suolo e ristagni di acqua piovana.

L'ORTO d'appartamento
Se si abita in città spesso diventa difficile riuscire a realizzare il proprio orticello. La mancanza di giardini privati disponibili e le case...
L’Aloe Vera e i suoi benefici
L’aloe è e una pianta grassa. E’ una pianta che tollera bene la siccità ma resiste difficilmente a temperature inferiori agli 0°C. Una temperatura mit...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l'orto ad Aprile
I cambiamenti climatici che avvengono ad inizio primavera sono differenti a seconda dei climi. In più l'aumentare delle temperature provoca anche lo s...
Le malattie fungine delle rose: come proteggerle
Le rose non vanno difese semplicemente dai parassiti a noi ben noti. Esiste infatti una serie di malattie, denominate fungine, che rischiano di danneg...
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare in giugno
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare nel mese di giugno per curarle al meglio.
La protezione dal sole e dal calore eccessivo delle specie più delicate
Luce e calore solare sono elementi indispensabili per la crescita di ogni pianta, sia questa coltivata che spontanea. Durante la stagione più calda è ...
Cosa fare a Gennaio: gestire le piante in casa e sul terrazzo
Durante i mesi invernali orto e giardino hanno sicuramente bisogno di meno cure, ma per gli amanti delle piante i piccoli lavori da sbrigare non si fe...
Il carrubo, una pianta resistente e longeva
Il carrubo, Ceratonia siliqua, è una pianta tipica della macchia mediterranea appartenente alla famiglia delle leguminose. L’origine di questa specie ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.