Pronto soccorso per le piante contro erbacce e afidi

Erbacce infestanti: quando diventa necessario il diserbo

 erbacce infestanti

Contro le erbacce infestanti spesso l'unico rimedio è il diserbante

Non è sempre particolarmente facile riuscire a mantenere bordature e vialetti di passaggio liberi dalle antiestetiche erbacce.

Queste molto spesso sono in grado di germogliare tra le fessure degli autobloccanti che costituiscono la pavimentazione, o tra la ghiaia che compone un sentiero.

Capita molto spesso che queste erbacce siano talmente ostinate da rendere complicato, o del tutto inutile, estirparle manualmente.

A mali estremi, estremi rimedi. Si dovrà quindi procedere, possibilmente a inizio estate, ad un trattamento di diserbo di tipo chimico. Questo è l’unico modo per combattere in modo risolutivo le infestanti caparbie e ben sviluppate.

Per eliminare in modo duraturo ogni tipo di infestante si consiglia l’utilizzo di prodotti sistemici ad azione ormonica.

Con la parola “ormonica” si sottolinea l’azione di interferenza nel sistema ormonale dell’erbaccia infestante. E’ importante non utilizzare questo tipo di prodotti vicino a piante ornamentali, aiuole e bordature, poiché risultano molto invasivi e scarsamente selettivi.

Come procedere con l’utilizzo del diserbante

Per l’acquisto di diserbante liquido e della pompa a spalla con getto nebulizzante vi consigliamo di rivolgervi a consorzi agrari o garden center specializzati, saranno in grado di consigliarvi al meglio ed indirizzarvi verso la scelta adatta alle vostre esigenze.

Diserbanti

Diserbanti

Quando utilizzate diserbanti chimici indossate sempre una mascherina dotata di filtri intercambiabili e proteggetevi le mani con guanti in gomma, è importante che il prodotto non venga né inalato, né in contatto con la vostra pelle.

Per intervenire sulle zone problematiche è opportuno attendere una giornata asciutta e caratterizzata dall’assenza di vento. Evitate le giornate ventose, poiché si rischierebbe una dispersione del getto nebulizzato, con la conseguente contaminazione di aiuole vicine, animali ed esseri umani.

In più le piante da eliminare non devono essere bagnate, in maniera tale da rendere più efficace il trattamento.

Procedete nebulizzando il prodotto sulle erbacce infestanti da colpire. Assicuratevi di aver letto bene le dosi da utilizzare, è infatti sconsigliato eccedere col prodotto, poiché un eccesso di prodotto non potenzierà l’effetto ma piuttosto risulterà solo dannoso per le piante.

Non sarà efficace neanche spruzzare aree prive di piante per ottenere un effetto preventivo contro le erbacce. E’ opportuno utilizzare prodotti di altro tipo per prevenirne la comparsa.

Un rimedio contro gli afidi

Le sigarette uccidono gli afidi?

rimedio contro gli afidi

Il tabacco è un rimedio contro gli afidi

Possiamo affermare che le sigarette possono contribuire all’eliminazione degli afidi. La nicotina è una sostanza con origine vegetale, si trova contenuta all’interno delle foglie di tabacco. E’ questa sostanza che in prevalenza può essere utile all’eliminazione degli afidi.

Procedete in questo modo. In una garza racchiudete la quantità di tabacco di cinque sigarette, lascia telo macerare per un’intera notte in un contenitore con una piccola quantità di acqua tiepida. Si otterrà una sostanza liquida di colore marrone. Diluite la sostanza ricavata in due litri di acqua; aggiungete alla miscela tre gocce di detersivo utilizzato per i piatti, possibilmente di Marsiglia. Irrorate le piante con questa miscela.

Si tratta di una soluzione efficace ed ecologica per combattere gli afidi. Esiste però un inconveniente. Purtroppo per qualche giorno le piante emaneranno un forte odore di tabacco.

Il giardino a maggio: bordure e aiuole fiorite
Siamo ormai a primavera inoltrata; molte piante ci hanno regalato magnifiche fioriture, altre dovranno ancora fiorire. Di seguito elencheremo cosa far...
La Rosa, il fiore di Maggio
La rosa è il fiore più amato dagli italiani. Ogni anno, grazie alla sua spiccata variabilità genetica, gli ibridatori propongono nuove varietà. I viva...
Piante in vaso: irrigare risparmiando acqua
Il problema maggiore nel gestire un terrazzo durante la stagione estiva è sicuramente l’irrigazione: con l’aumentare della temperatura deve diventare ...
Il Ginkgo e le sue foglie a ventaglio
Il Ginkgo, nella sua varietà più nota “biloba”, è un albero dalle fattezze maestose e svettanti. E’ molto facile trovarlo all’interno dei giardini pu...
Le particolarità dell’Hibiscus moscheutos o Ibisco d’acqua
L’Hibiscus moscheutos nei vecchi testi si classifica come Hibiscus palustris ed è comunemente noto come Ibisco d’Acqua. Ama i terreni umidi ma non co...
Fiori gialli: allegri anche in autunno
Guardando i giardini in autunno tutto sembra molto triste. Serve una sferzata di colore per ravvivare le giornate più grigie. In questo articolo vi su...
Lavori di giardinaggio in attesa della bella stagione
Siamo ancore a Gennaio ma la bella stagione non è poi così lontana. Per non trovarci completamente impreparati è consigliabile iniziare, con calma ovv...
Piante aromatiche e problemi fitosanitari: come risolverli
Le piante aromatiche per natura sono molto resistenti ed in grado di adattarsi con facilità alle diverse condizioni ambientali. Di solito i problemi f...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!