Raccogliere gli asparagi fuori stagione grazie ad una caldaia a biomasse

Raccogliere gli asparagi fuori stagione

Raccogliere gli asparagi fuori stagione

Ormai per molti ortaggi e frutta non esistono più le stagioni.

E’ infatti possibile trovare con estrema facilità prodotti fuori stagione, grazie soprattutto all’importazione o alla coltivazione sotto tunnel.

Esistono però ancora alcune varietà di ortaggi strettamente stagionali, tra questi ci sono sicuramente gli asparagi.

Una caldaia a biomassa da la possibilità di anticipare il raccolto addirittura a febbraio.

Anticipare la stagione degli asparagi di due mesi

Anticipare la stagione degli asparagi addirittura a febbraio è ormai una realtà. La soluzione non prevede né l’utilizzo di serre, né una spesa esagerata: ciò è reso possibile grazia alla scelta di una caldaia alimentata a cippato. Il tutto senza – ovviamente – inquinare. Il vantaggio sarà quindi doppio: sia ecologico che economico.

Coltivazione degli asparagi - Pic By Fon - tina

Coltivazione degli asparagi - Pic By Fon - tina

Il cippato è un materiale di lavorazione del legno, si tratta di piccole scaglie che vanno dalla dimensione di alcuni millimetri fino ad un massimo di un paio di centimetri. Per la produzione si fanno passare tronchi e ramaglie attraverso una macchina denominata proprio cippatrice. Normalmente questo materiale viene utilizzato come combustibile. Inoltre il cippato, come ogni tipo di biomassa ligno – cellulosica, è una fonte rinnovabile.

La realizzazione di questa caldaia a biomassa è stata affidata a Uniconfort, la cooperativa di riferimento si trova a Bibione, in provincia di Venezia.

La raccolta degli asparagi

Uniconfort - Biomasse

Uniconfort - Biomasse

Di solito è possibile raccogliere gli asparagi a partire da metà Aprile. Se la stagione è particolarmente fortunata il raccolto si estenderà fino oltre la fine di maggio.

Come ben sappiamo gli asparagi sono degli ortaggi piuttosto cari, soprattutto nel primo periodo di raccolta, con il proseguire della stagione, e l’immissione di grandi quantità di prodotto sul mercato, il prezzo inevitabilmente tende ad abbassarsi.

La possibilità di avere un raccolto di asparagi anticipato provoca delle ricadute positive anche per quanto riguarda il prezzo sul mercato. Perché si possano avere dei vantaggi economici in questo settore è comunque indispensabile che i prezzi si assestino su valori convenienti, ma che la produzione fuori stagione rimanga comunque economicamente sostenibile.

L’idea di Uniconfort

La proposta di Uniconfort per la coltivazione fuori stagione degli asparagi è piuttosto semplice. La caldaia a cippato ha una potenza di 700Kw, che servono per la produzione di acqua calda che alimenta un circuito posto sotto terra, collocato esattamente a 5 centimetri dalle radici degli asparagi. La dimensione dell’appezzamento è di circa cinque ettari. Il primo raccolto è previsto per il 20 febbraio. Per quanto riguarda le quantità si sono stimata circa 430 kg di asparagi a raccolto stagionale.

Cippato - utilizzato come combustibile

Cippato - utilizzato come combustibile

Il combustibile utilizzato e i finanziamenti: un progetto vantaggioso

Il combustibile utilizzato per il funzionamento della caldaia arriva direttamente da una cooperativa che si occupa di manutenzione dei boschi collocata nelle vicinanze. Si tratta quindi di materiale fornito ad un prezzo davvero basso, in questo modo il risparmio risulta quasi di un terzo sul costo dell’energia.

In soli 5 anni si prevede il totale ammortamento dei costi. In più questa attività è stata riconosciuta come degna di nota anche dall’Unione Europea che, in collaborazione con l’associazione Veneto Agricoltura, ha erogato fondi che hanno coperto circa il 40% dell’investimento.

L'Azalea: cura, coltivazione e specie
Le azalee sono caratterizzate da colori vivaci, ricchissimi di sfumature. Le foglie sono di un verde brillane. Appartengono alla famiglia dei Rododend...
Il bambù per creare rinfrescanti zone d'ombra in giardino
Creare una zona d’ombra utilizzando il bambù è un’operazione molto facile. La frescura sarà garantita, in più non saranno necessarie cure particolari,...
Piante carminative: proprietà ed utilizzi
Per carminativo s'intende quell'aggettivo che segue i nomi di piante officinali (curative) che intervengono in varie affezioni digestive. L'etimolo...
Thunbergia Grandiflora: pianta decorativa o pianta infestante?
La Thunbergia Grandiflora è una pianta originaria del subcontinente indiano, attualmente è presente anche nel continente Australiano come pianta rinse...
Contro il vento: come proteggere le piante
Il freddo intenso e le correnti d’aria possono creare molti più danni di quanto si possa immaginare. Il vento e l’abbassamento di temperatura sono una...
Affrontare i malanni invernali con le proprietà del timo
Il timo è un compatto arbusto perenne che cresce a forma di cespuglio. Una delle caratteristiche di questa pianta è l’enorme produzione di rami che te...
Angelica: una pianta medicinale quasi dimenticata
L’angelica è una pianta erbacea alpina dall’aspetto decisamente gradevole. Se curata al meglio è in grado di raggiungere anche dimensioni piuttosto ra...
Il fico, albero coltivato da millenni
Il nome scientifico del fico è Ficus carica, con riferimento al fatto che questa pianta si ritiene abbia origine in Asia minore e precisamente nella r...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!