La Rebutia, una pianta grassa senza spine

Le piante grasse sono delle piante semplici da coltivare e mantenere nel tempo; proprio per questo motivo sono un’ottima prova di partenza per chi si affaccia all’affascinante mondo del giardinaggio.

Inoltre, la maggior parte delle piante grasse vengono particolarmente apprezzate per l’aspetto tropicale ed esteticamente suggestivo.

Anche i fiori assumono forme e colori molto particolari che le rendono belle e quasi irreali.

Rebutia

Rebutia

Oggi voglio presentarvi una pianta grassa particolarmente adatta ai neofiti, in quanto è molto resistente, semplicissima nelle cure e con un aspetto estetico assolutamente suggestivo.

La Rebutia è una pianta grassa appartenente alla famiglia delle Cactacee. Annovera molteplici specie che si riconoscono per la forma e per la varietà cromatica del fiore.

Le sue origini geografiche appartengono al Centro e al Sud America.

Essendo una pianta grassa sopravvive in condizioni di aridità estrema.

Una pianta grassa senza spine

La Rebutia è una pianta globosa di forma semisferica ed una delle sue caratteristiche più sorprendenti, è la mancanza di spine che la rendono facilmente manipolabile.

Al posto delle spine sono presenti delle setole filamentose molto morbide che le donano un aspetto molto lanoso.

Il fusto è completamente rivestito da questi filamenti biancastri che rendono la Rebutia una pianta grassa, buffa ed ornamentale.

Rebutia

Fioritura della Rebutia

Inoltre la maggior parte delle specie sono molto prolifere e fioriscono più volte in modo anche voluminoso. Inizialmente la pianta è monofusto; durante la sua crescita si ramifica sia alla base che nella parte superiore. I suoi fiori sono ampi e voluminosi e vanno dal rosso, all’arancione e dal giallo, al bianco.

I fiori iniziano a sbocciare all’inizio dell’estate e possono ripetere la fioritura più volte durante l’arco dell’anno. La fioritura viene facilitata dalla presenza abbondante di sole. Le gemme si ingrossano sbocciando in un unico grande fiore di circa 3 centimetri.

Coltivare la Rebutia

Come già accennato in precedenza, non necessita di grandi attenzioni, ma come ogni pianta, alcuni accorgimenti possono risultare importanti per garantirle una crescita costante ed equilibrata.

Essendo una pianta cactacea, non ha bisogno di un terreno particolarmente curato, in quanto si adatta bene ad ogni tipologia di terriccio, dal più neutro al più acido.

Una delle cose importanti da considerare è la temperatura che, invece, non deve andare al di sotto dei 7°C.

pianta grassa senza spine

Una pianta grassa senza spine

Di conseguenza, soprattutto al Nord, durante il periodo invernale, è consigliabile proteggerla in apposite serre, oppure collocarla dentro casa in modo da evitare bruschi sbalzi termici.

Un altro fattore importante è l’esposizione, deve essere preferibilmente a Sud.

L’unica cosa da controllare attentamente è che, nelle ore più calde della giornata, non prenda costantemente la luce diretta.

Ovviamente si tratta di un’attenzione in più che se non è possibile effettuare, non mette a rischio la vita della pianta, abituata a sopravvivere anche in ambienti estremamente aridi.

Il rinvaso è un’azione necessaria solo quando la Rebutia, crescendo, non ha più spazio per la crescita radicale o sembra essere soffocata dal vaso.

Per quanto riguarda la concimazione, deve essere fatta con regolarità solo in primavera-estate, 1 volta ogni tre settimane utilizzando un concime per cactacee.

Di fondamentale importanza sono le bagnature che non devono essere assolutamente fatte in modo eccessivo. Si può bagnare 1 volta a settimana, facendo attenzione a non creare ristagni.

L’acqua, per quanto importante, in questo caso, può provocare anche dei danni irrecuperabili, fino al decesso della Rebutia. L’autoregolamentazione della pianta per contenere l’acqua dosandosela in modo costante, è un aspetto fondamentale.

Se viene innaffiata in modo eccessivo, l’acqua ristagna provocando l’indebolimento del fusto.

In caso di basse temperature c’è anche il rischio di congelamento.

Se ci si trova di fronte all’insorgenza di questo fenomeno, la prima cosa da fare è quella di provare a fa asciugare la pianta e successivamente provare a rinvasarla in un terreno equilibrato e quindi privo di ristagni.

Il nemico della Rebutia

Un nemico pericoloso della Rebutia è la Cocciniglia che può dare vita a delle vere e proprie infestazioni che rischiano di causare la morte della pianta.

Se ci si trova davanti a questo tipo di problema è possibile acquistare prodotti specifici per la disinfestazione oppure eliminare i gli insetti attraverso l’utilizzo di un piccolo tampone.

Come avete potuto osservare è veramente semplice avere un Rebutia in casa basta seguire le indicazioni elementari per la sua crescita per ammirarla in tutta la sua bellezza per anni, vedendola fiorire e rifiorire, aumentando anche notevolmente di volume.

Non vi resta che provare!

Il glicine: rampicante primaverile per eccellenza
I glicini e la loro fragranza dolce non possono mancare come sfondo scenografico di ogni primavera; il loro impeto vegetativo è un chiaro simbolo di v...
Coltivazione delle rose rampicanti
Maggio è il mese delle rose e sono in molti quelli che decidono di avere in casa o nel proprio giardino un roseto da ammirare e odorare. Un tipo di...
Il Sedum, una pianta grassa dalle molte varietà e dalle poche esigenza
Il sedum è una pianta succulenta rustica, quindi dalle poche esigenze. Ha bisogno di un terreno ben drenante, possibilmente non fertile, e di una posi...
Come curare la fumaggine e proteggere le piante
La fumaggine è una malattia fungina causata da funghi saprofiti che non attaccano la pianta. Questi funghi si nutrono di una sostanza zuccherina, nota...
Le piante d’acqua e la cura del laghetto nei mesi freddi
Prima dell’arrivo della stagione fredda è importante occuparsi delle piante più sensibili presenti negli specchi d’acqua dei giardini. Alcune temono i...
Coltivare in inverno nell'orto: la bietola
La bietola, Beta Vulgaris, è un ortaggio molto antico. Appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae ed è molto utilizzata in cucina per insalate e pe...
La lantana: pianta ornamentale o invasiva?
La lantana è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle verbenacee originaria delle aree subtropicali americane. Questa pianta venne introd...
Clivia: pianta ornamentale perfetta in casa
Se volete abbellire la vostra casa con una bella pianta ornamentale dalla fioritura colorata, ma purtroppo sapete di non essere dotati di pollice verd...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!