Il Rododendro potatura, cure, malattie

I Rododendri sono piante molto apprezzate, soprattutto per la rigogliosa fioritura, capace di colmare e arredare intere porzioni di giardino.

Rododendro potatura In natura il Rododendro è originario di climi montuosi dell’Europa e dell’Asia e quindi si tratta di una pianta che resiste a climi tradizionalmente freddi.

Un ibrido molto apprezzato del Rhododendron è l’Azalea, altrettanto amata per il pregio ornamentale.

In ogni caso sia i rododendri che le azalee necessitano di cure particolari, a seconda del clima, per poter fiorire e crescere adegutamente.

Cure per il rododendro

Il terreno per le piante acidofile

La prima cosa importante da tenere da conto è il terreno, che deve avere delle caratteristiche specifiche per permettere una crescita equilibrata.

La condizione migliore è quella di avere a disposizione un terreno acido con un PH che deve aggirarsi intorno ai 4,5 e 5,5.

Questo è il terriccio che permette di far fiorire e crescere corposamente il Rododendro e l’Azalea, piante comunemente conosciute per essere acidofile.

Rododendro cureSe il terreno ha un PH basso, la cosa migliore da fare è renderlo fertile attraverso l’utilizzo di humus oppure preferendo un terreno acido di bosco.

L’unico vero problema è quando il terreno a disposizione è di tipo calcareo che rende poco semplice la coltivazione della pianta.

Il PH alto mette a rischio la vita del rododendro; infatti, in queste condizioni, la pianta smette di crescere e fatica a fiorire.

In ogni caso sarà importante apportare del fertilizzante di tipo organico, sia durante la messa a dimora che durante il suo mantenimento.

Posizione ed esposizione delle piante

Il rododendro e le azalee, essendo originarie di luoghi abbastanza freddi, amano essere posizionate in luoghi parzialmente ombreggiati.

Proprio per questo motivo, in luoghi caldi, non amano un’esposizione costante al sole che ne provocherebbe danni irreparabili, come il disseccamento delle foglie.

Se abitate al Nord non dovreste avere grossi problemi nel coltivarle in quanto sono piante che sopportano bene le basse temperature, a patto che le proteggiate dalle gelate improvvise che potrebbero essere loro fatali.

Azalea e rododendro vogliono costanti irrigazioni

Al contrario di quello che si potrebbe pensare, l’ azalea ed il rododendro, necessitano di costanti irrigazioni.

Nei mesi più caldi, in cui la pianta è più sofferente, è necessario bagnarla più frequentemente, anche perchè proprio in questo periodo si ingrossano le gemme, per dare inizio alla fioritura.

Anche se amano l’acqua, come molte piante, detestano il ristagno, quindi è importante bagnarle, senza eccedere.

Potatura del rododendro

Rhododendron AzaleaPer quanto riguarda la potatura, questa deve essere fatta solo per controllare la crescita delle grandi piante, in modo da formare la chioma.

Il periodo più giusto è quando è terminata la fioritura.

Malattie e parassiti del rododendro

Il rododendro può essere attaccato da una serie di problemi che possono essere di tipo nutrizionale, di tipo fungino oppure dettato dall’attacco di insetti.

In ognuna di queste problematiche diventa necessario intervenire attraverso cure specifiche.

In caso di ingiallimento delle foglie si può trattare di una carenza d’azoto; diventa necessario concimare attraverso l’utilizzo di fertilizzanti specifici per piante acidofile.

Se invece vediamo sulle foglie una serie di puntini color bronzo, in questo caso l’attacco è avvenuto da parte di acari, che sono tra i peggiori nemici della pianta. Un altro segno riconoscitivo di questa problematica è un costante deperimento del rododendro. In questo caso è necessario utilizzare dei prodotti specifici chimici, da richiedere direttamente in vivaio.

Se invece vediamo sul fogliame un marciume di colore scuro, probabilmente si tratterà di un attacco da parte della muffa grigia che colpisce la pianta soprattutto durante le stagioni umide e piovose.

Questi sono sono solo alcuni dei problemi del rododendro, in ogni caso, se farete attenzione alla sua corretta crescita, l’unica cosa che vi rimarrà da fare sarà quella di ammirare un risultato assolutamente grandioso e affascinante.

Agrifoglio e vischio, le piante del Natale: come coltivare e addobbare
Agrifoglio e Vischio le piante del Natale Quando si parla del Natale, della sua magia, non si può far a meno di prendere in considerazione oltre ai...
Vasi per piante: materiali e tecniche di pulizia
Esistono molti tipi di vasi ma vengono quasi tutti realizzati con quattro principali materiali: terracotta, cemento, legno e plastica. Verranno elenc...
La Forsizia gialla iniza a fiorire: è arrivata la primavera
I tipici fiori gialli della forsizia, che compaiono addirittura prima delle foglie, sono il più classico dei segnali dell’arrivo della primavera. Ques...
Coltivare il BAMBU' in casa ed in giardino
Il bambù è una pianta che da qualche anno è molto apprezzata anche in Italia. Si tratta di una pianta appartenente alla famiglia delle graminacee e...
Il giardino a giugno: bordature e aiuole fiorite
Cosa fare per coltivare al meglio aiuole e bordature nel mese di giugno.
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare in giugno
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare nel mese di giugno per curarle al meglio.
I fiori delle Alpi e il giardino alpino (Alpine Garden)
E’ proprio nel periodo tra giugno e luglio che le Alpi e gli Appennini si popolano di piccole meraviglie. La coltivazione di questi particolari esempl...
La Polygala myrtifolia o Poligala a foglie di mirto: una pianta esotica integrata nel giardino medi...
La Polygala myrtifolia o Poligala a foglie di mitro è un arbusto sempreverde originario del Sud Africa, appartenente alla famiglia delle Polygalac...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!