La Rosa Rugosa, coltivare d’inverno.

Durante i mesi più freddi spesso è difficile pensare al proprio giardino. Sappiamo bene che con neve e gelo sono davvero pochi gli esemplari verdi in grado di sopravvivere, ancora meno sono le piante da fiore.

Quello che spesso si dimentica è che per ottenere fioriture rigogliose nei mesi primaverili spesso è necessario procedere con la semina proprio durante i mesi invernali.

Tra gli esemplari di piante da seminare con il freddo vi consigliamo la Rosa Rugosa, si tratta di una pianta cespugliosa di particolare bellezza, in grado di offrirvi coloratissime fioriture dall’intensa profumazione.

Conoscere la Rosa Rugosa

Il luogo d’origine di questa particolare piante è l’Asia, nello specifico i territori del Giappone. Questa varietà di rosa si è diffusa anche in Europa e in America del Nord, in questi territori è particolarmente apprezzata a scopo ornamentale e decorativo. Il particolare nome di questa varietà di rosa è dato dalle caratteristiche del fogliame verde scuro e molto resistente alle intemperie e alle malattie, proprio per questa ragione si tratta di una pianta particolarmente adatta ai giardini piuttosto che alla collocazione in vaso, e quindi in appartamento.

La Rosa Rugosa

La Rosa Rugosa

Il fiore della rosa rugosa è molto profumato, può essere di colore viola, rosa o bianco. A seconda delle varietà varieranno invece i petali: si può avere un fiore semplice composto da cinque petali, uno doppio o semidoppio, con numero variabile di petali, ma comunque da cinque in su.

Per quanto riguarda la fioritura di questa pianta solitamente è piuttosto abbondante, inizia con il mese di giugno ma può durare fino a settembre inoltrato, anche se di entità minore.

Nel periodo autunnale le rose rugose producono un numero piuttosto elevato di bacche rosse, soprattutto le varietà a fiore semplice.

Forse non tutti sano che le bacche di Rosa Rugosa sono commestibili. Solitamente vengono utilizzate per la preparazione di marmellate e di liquori. Si racconta che un prelibato purè realizzato proprio con le bacche di Rosa Rugosa fu servito, ed apprezzato, anche dalla Regina Vittoria.

Fate molta attenzione perché questa pianta presenta un gran numero di spine, soprattutto localizzate su foglie e su rami non più giovani.

Alcune varietà di queste piante raggiungono dimensioni di circa due metri, sono da piantare in gruppo e assumono la tipica forma cespugliosa, sono quindi perfette da utilizzare come siepi informali.

Bacche di Rosa Rugosa

Bacche di Rosa Rugosa

In alternativa esistono altre varietà molto compatte, perfette per delle aiuole molto fitte, che non superano i 50 – 60 centimetri di altezza.

Coltivare le Rose Rugose

Si tratta di una pianta di facile coltivazione poiché decisamente robusta. Come abbiamo già detto questo esemplare è in grado di resistere alle basse temperature, al vento, all’inquinamento, ma anche alle malattie specifiche delle rose come per esempio la ruggine.

Per mettere a dimora la Rosa Rugosa è necessario realizzare uno scavo con una profondità pari ad almeno 50 centimetri, inoltre va garantito un ottimo drenaggio in grado di evitare ogni tipo di ristagno di acqua. Per quanto riguarda invece la tipologia di terreno questo esemplare di rosa si adatta bene in qualsiasi situazione, è però importante garantire alla pianta una posizione ben soleggiata.

Un cespuglio di Rosa Rugosa

Un cespuglio di Rosa Rugosa

Innaffiate circa ogni quindici – venti giorni. Il terreno, per ottenere una crescita ed una fioritura rigogliosa, deve essere costantemente mantenuto fresco. La ripresa vegetativa della Rosa Rugosa inizia in primavera, vi consigliamo di procedere aggiungendo ogni mese del concime minerale complesso, arricchite inoltre il terriccio con del compost o del letame maturo, in modo tale da apportare la giusta quantità di nutrimenti necessari alla crescita della pianta stessa e allo sviluppo di nuovi germogli.

Non è molto semplice coltivare questo esemplare in vaso ma se decidete di farlo ricordatevi che le innaffiature devono essere piuttosto frequenti, inoltre è necessario cambiare il terriccio almeno ogni due anni.

Questo esemplare di rosa necessita di essere potato in modo leggero, soprattutto per dare una forma aggraziata ed arrotondata alla composizione. Procedete con scadenza annuale, preferibilmente nel mese di febbraio.

Coltivare Biologico: il terreno
Anche se all’apparenza non sembra ogni terreno è un organismo vivente, in corso di continue trasformazioni. Il terreno ha assunto la forma conosciuta...
Concimazione e fertilizzazione delle piante: consigli utili
Spesso le piante vengono coltivate in terreni non abbastanza buoni o non del tutto adatti alla loro crescita; ciò avviene per esempio nei vasi, fiorie...
Coltivare l’orto biologico per verdure sane e buone
Se si pensa all’orto di sicuro si pensa anche ai prodotti salutari che produrrà. In più attualmente l’amore per gli “ortaggi fai da te” è ormai una re...
Impianti di irrigazione: tipologie per irrigare al meglio
Innaffiare le piante è senza dubbio un impegno, si è ripagati dallo spettacolo offerto dalla natura: l’odore di terra bagnata, le gocce su foglie e fi...
Come risparmiare l’acqua in giardino
Nei mesi estivi è normale verificare un aumento del consumo idrico. Le piante coltivate hanno infatti bisogno di maggiori quantitativi di acqua per le...
La luna di ottobre 2011
Mentre l’autunno tinge la natura di colori caldi, le piante si preparano al tanto atteso riposo vegetativo. E’ necessario fin da ora preparare sia fio...
L'importanza dei materiali inerti per la vita delle piante
Abbiamo parlato più e più volte dell'importanza di drenare il terreno, in modo tale da evitare ristagni d'acqua e consentire di fornire alla pianta il...
Aromatiche poco conosciute: la Santoreggia
La santoreggia è nota anche come erba dei Satiri. I romani utilizzavano normalmente quest’erba aromatica, Satureia Hortensis, per insaporire le salse ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.