Il SEDUM: la pianta ideale per chi non ha il pollice verde

Il sedum è una pianta sempreverde che ha bisogno di poche cure, distribuite esclusivamente nel tempo.

Questo tipo di pianta è l’ideale per chi non ha il tempo da dedicare alle piante, ma che comunque ama averle in casa.

Le piante infatti, permettono di donare colore all’ambiente casalingo, dando allegria. L’unica cosa necessaria e obbligatoria è quella di apprezzarle e curarle con sapienza.

La pianta Sedum è ideale per la coltivazione dei terreni più impervi. In condizioni estreme il sedum riesce a insediarsi senza problemi, dando vita a delle vere e proprie colonie.

sedum pianta sempreverde

La pianta sempreverde ideale per tutte le stagioni

E’ adatto anche per ricoprire terreni scoscesi, che solitamente sono aridi e non irrigati nel quotidiano.

Caratteristiche principali del Sedum

Quello che caratterizza la pianta, è la possibilità di crescere anche in pochi centimetri di terreno.

Inoltre non deve essere obbligatoriamente raggiunta dalle piogge.

Questo significa che non necessita di grandi quantità di acqua e gli occorre poco sedime terricolo.

Il sedum consente di abbellire anche posti solitamente impervi e che tendenzialmente non prevedono la presenza delle piante.

Ad esempio può crescere rigogliosa nei sottogronda o in un terreno roccioso.

In ogni caso, anche il più estremo, la pianta crescerà, si moltiplicherà senza grandi cure, donando quel colore verde acceso, gradevole alla vista, che abbellirà la nostra aiuola o il nostro giardino anche in periodi rigidi, come quelli invernali.

Essendo una pianta sempreverde, è possibile apprezzarla durante tutto l’arco dell’anno.

Cure obbligatorie per un rigoglioso Sedum

Come ho già detto, il sedum non necessita di grandi cure, di conseguenza è adatto alle seconde case, solitamente di scarsa frequentazione.

Comunque, alcuni trattamenti sono necessari per una crescita ideale e rigogliosa della pianta.

sedum pianta facile da coltivare

La pianta è talmente resistente da poter crescere ovunque, anche nei luoghi più impervi

Per prima cosa è possibile bagnare la pianta almeno una volta ogni due settimane. Ovviamente se avvengono precipitazioni stagionali, il sedum non necessita di essere bagnato ulteriormente.

L’ innaffiatura deve essere obbligatoriamente uniforme in modo che le radici vengano bagnate in modo omogeneo.

Se il sedum viene collocato nel vaso, il rinvaso deve essere realizzato un anno si e un anno no.

In questo modo la pianta crescerà regolarmente e rapidamente in poco tempo.

Quando la pianta è nel proprio vaso, non è sbagliato pensare di aggiungere un fertilizzante.

In questo caso è necessario acquistare un fertilizzante specifico per piante chiamate “succulente”, ricco di potassio.

Il composto permette di resistere maggiormente alle temperature basse e dona una colorazione ancora più accesa alla pianta.

Consigli utili per coltivare il Sedum

Anche se è molto resistente, in caso di coltivazione nel terreno, se si ha del tempo da dedicarle, è possibile praticare alcune accortezze che garantiranno un vita longeva della pianta.

Se è possibile, anche se la pianta può vivere in zone d’ombra, è meglio collocare il sedum in una zona calda e soleggiata.

Durante la stagione fredda, se è possibile, è meglio evitare il contatto continuo e diretto delle precipitazioni che possono saturare il terreno d’acqua, “intossicando” la pianta.

E’ importante quindi, come ho già spiegato, garantirle la giusta quantità d’acqua, né troppo poca, né troppo misera.

Se ci si trova di fronte a condizioni meteorologiche limite, solo a questo punto, è meglio prevedere una protezione delle piante.

Per non farle morire, è possibile ripararla con un telo di tessuto non tessuto.

coltivare il sedumIn questo modo non subirà gravosamente l’azione del clima, ma riceverà l’adeguata protezione per sopravvivere, senza incombere in alcun pericolo.

Quello che è comunque importante sottolineare è che la pianta riesce comunque a vivere in ambienti e zone terricole precarie, ma come ogni pianta resistente, non disdegna le cure del proprio “giardiniere”.

Questo vuol dire che è importante garantirle le attenzioni minime se non si ha tempo.

Il sedum risulta comunque una pianta dall’aspetto grazioso, in grado di abbellire un giardino o un balcone; se vive nelle giuste condizioni ha una vita perenne e longeva.

Per chi è privo di pollice verde, ritengo che questa pianta, possa essere un ottimo inizio per imparare a conoscere meglio il mondo del verde, delle piante e dei fiori!

I giardini e le aree verdi migliorano la vita e la salute umana
Dalla seconda metà del ‘900 l’espansione dell’edilizia in occidente in tutte le sue forme architettoniche e funzionali, ha dato un forte impulso a...
I parassiti delle piante: un rapido elenco dei più comuni
Ci sono molti infestanti che possono essere la causa di problemi per i vostri giardini e le vostre piante. Alcuni di questi attaccano un’intera gamma ...
La coltivazione degli agrumi: i frutti del sole
Gli agrumi sono le piante per eccellenza da collocare in frutteti familiari o per decorare giardini e terrazzi. E’ inconfondibile la bellezza delle lo...
HELENIUM: una pianta erbacea dalle mille sfumature
L'Helenium è una di origini Nord Americane. All'interno di un qualsiasi giardino, è in grado di affascinare chiunque, colorando intere zone. ...
Una succulenta dall’aspetto morbido: Cotyledon Ladismithiensis
Questa succulenta ha un portamento insolito e piccole foglie dal margine dentato. Si presenta con vegetazione folta, grazie all’elevato numero di rami...
Un'erbacea perenne dal fogliame che stupisce: il Coleus
Il genere Coleus è una pianta di origine tropicale, appartiene alla famiglia delle Labiatae, comprende circa 150 specie differenti e provenienti quasi...
Il ribes: coltivazione e proprietà di una pianta resistente al freddo
Il ribes è l’unica pianta appartenente alla famiglia delle Grossulariacee, tipica delle regioni montane. Il genere Ribes comprende diverse specie, di ...
Cura di orto e frutteto in previsione del riposo invernale: come mantenere il terreno
La stagione fredda, nonostante comporti il riposo vegetativo della maggior parte delle piante, è comunque un periodo di forte stress per il terreno. P...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!