La senape: non solo un ottimo condimento

Quella che abitualmente si trova sul mercato e che noi chiamiamo senape in verità è un preparato a base di senape. Tra le più famose e conosciute ci sono senza dubbio le mostarde. E’ opportuno comunque fare una precisazione terminologica: sia in Francia che in Inghilterra con il termine “mostarda” si indicano indifferentemente sia la pianta di senape che tutti i derivati da essaIn Italia con lo stesso termine siamo soliti indicare una preparazione piccante che ha come ingrediente principale della frutta candita di solito aromatizzata con senape in polvere.

Sinapis Alba

Sinapis Alba, photo by Ava Babili on Flickr

La senape più utilizzata nel nostro paese è costituita da una miscela di semi di senape bianchi e neri in polvere, il tutto va poi mischiato con altri ingredienti per ottenere la cremosità che conosciamo. Il prodotto così ottenuto è perfetto come condimento per carni e pesce.

La patria della senape è senza dubbio la Francia, la più nota si prepara con semi bianchi e neri, sia interi che frantumati: si tratta della “senape all’antica”. Tra le senapi tradizionali c’è anche l’”Alsaziana”: preparata solo con grani di senape bianca, in modo da ottenere un risultato meno piccante ma più agre.

Una variante ancora differente è quella della senape inglese; in questo caso si tratta di un preparato in polvere dal colore giallo ottenuto da semi di senape bianchi, neri e curcuma.

Brassica Juncea

Brassica Juncea, photo by zampano!!! on Flickr

Poiché la senape provoca un aumento dell’afflusso di sangue e irritazioni locali, nonché la stimolazione delle secrezioni gastro – intestinali una volta ingerita, si consiglia di consumarla con moderazione. Uno dei vantaggi della senape consiste nell’insaporire piacevolmente la maggior parte dei cibi senza aumentarne il contenuto calorico, risulta quindi particolarmente indicata in caso di diete.

Conoscere la senape: la pianta aromatica

La Sinapis Albina, meglio nota come Senape, è una pianta erbacea annuale dal fusto eretto e ramoso, riesce a raggiungere normalmente un’altezza di circa 30 – 60 centimetri.

Le foglie di questa pianta sono alterne, normalmente suddivise in cinque lobi con il segmento finale più grande degli altri. I fiori sono di un tipico colore giallo – verde, si raccolgono in grappoli che una volta maturati conterranno i preziosi semi di colore giallo ocra.

E’ molto facile trovare la senape allo stato selvatico, soprattutto in prossimità di campi o vicino a siepi, muretti e orti.

I semi della senape non hanno né odore né gusto fino a quando non vengono triturati o messi in ammollo in acqua. Ne esistono molte specie differenti, ma tra le più comuni abbiamo:

Brassica Nigra

Brassica Nigra, photo by Wei Jiang

–       senape bianca (Sinapis Alba)

–       senape nera (Brassica Nigra)

–       senape bruna (Brassica Juncea)

–       senape selvatica (Sinapis Arvensis)

L’origine della senape può essere datata in India verso il 3000 a.C. per poi spostarsi in occidente. Già i romani la utilizzavano sia per aromatizzare i cibi che come rimedio medicamentoso. In Francia diventò molto popolare a partire dal 1500, quando nacque la prima corporazione di “Senapieri” ad Orleans. Circa 50 anni dopo seguì l’importante corporazione di Digione, ancora adesso molto rinomata per la sua produzione.

Senape: coltivazione, raccolta e conservazione

Semi di senape

Semi di senape

La senape è una pianta rustica, cresce bene in ogni luogo anche se preferisce terreni argillosi e calcarei. Per la semina si deve procedere nei mesi primaverili direttamente a dimora. E’ importante procedere con irrigazioni regolari e continue almeno fino alla germinazione. Successivamente non sono necessarie cure colturali di nessun tipo. Per avere una continuità nel consumo del fogliame si consiglia di piantare più semine con intervalli di un mese circa, in questo modo si potrà avere a disposizione sempre fogliame tenero.

Normalmente si raccolgono i semi al massimo della loro maturazione, ma è possibile raccogliere anche le infiorescenze a scopo alimentare. E’ importante raccogliere le foglie circa 15 giorni dopo la semina se si vogliono consumare fresche, successivamente assumono un gusto troppo forte e non risultano più tenere.

Per la conservazione dei semi è importante procedere prima con l’essiccatura.

La rosa di Natale. Un fiore bianco fra la neve
La rosa di Natale fiorisce a dicembre. Il suo nome botanico è Elleboro. I suoi fiori bianchi crescono sotto la neve, anche con pochissimi raggi di sol...
Il frutteto: coltivare gli alberi da frutto
Per coltivare frutti saporiti non sono necessari grandi accorgimenti; basta una piccola porzione di terra in giardino, in alternativa andranno bene an...
Il Friuli in primavera: un incanto da scoprire in Carnia
La regione della Carnia è la più ricca d’Europa per quanto riguarda le specie vegetali, tra fiori ed erbe, ospitate; se ne contano infatti circa 2100....
Il basilico, coltivazione e proprietà
Il basilico è una pianta annuale erbacea appartenente alla famiglia delle labiate ed originaria dell’Asia tropicale e dell’Africa. Si caratterizza...
Piante rampicanti da vaso: la Thunbergia Grandiflora
Si tratta di una rampicante, meno nota rispetto alla più famosa e diffusa Thumbergia Alata: una pianta decorativa stagionale venduta in piccoli vasi, ...
Piantare i bulbi a fine estate per la fioritura primaverile
Dalla metà del mese di settembre è possibile iniziare a piantare le bulbose per la fioritura primaverile; tra queste elenchiamo: tulipani, crochi, mus...
La luna di novembre
Durante il mese di novembre l’abbassamento della temperatura è percepibile da tutti. In più diminuiscono le ore di luce e aumenta l’umidità. L’insieme...
Coltivare in inverno: la brina, un fenomeno molto comune a dicembre
Il freddo è arrivato, ce ne siamo ormai resi conto. Le giornate sono più corte e le ore di luce sono sempre meno. Se si abita nelle ragioni del nord l...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!