SPATIFILLO: cure e caratteristiche della pianta

Il fiore di cui vi voglio parlare oggi, è molto amato in quanto risulta essere elegante e raffinato all’interno di ogni ambiente.

spathiphyllum wallisii

spathiphyllum wallisii

E’ una pianta bella da collocare sul balcone oppure in appartamento, riempe gli spazi rendendoli graziosi.

In termine scientifico è chiamato Spathiphyllum wallisii, ma solitamente è conosciuto ai più come “spatifillo”.

Il termine è nato dalla conformazione fisica del fiore stesso composto da due parti visivamente ben definite : la spata vessillifera e lo spadice conico.

Lo spatifillo è una pianta comune nelle nostre case anche per la sua capacità di resistere nel tempo.

Questa pianta, infatti riesce a fiorire e rifiorire negli anni; in condizioni non adeguate, pur non fiorendo, resiste attendendo i miglioramenti climatici.

Insomma, una pianta intelligente e forte, in grado di conservarsi, aspettando il momento migliore per fiorire e crescere in modo equilibrato.

Con alcuni accorgimenti e un po’ di attenzione riuscirete ad avere uno spatifillo bello e sinuoso.

Consigli per l’acquisto dello Spatifillo

Come sempre è utile essere consapevoli prima di recarsi in un vivaio, o in qualunque altro negozio specializzato nella floricoltura, delle caratteristiche che deve avere la pianta che decidete di acquistare, in modo tale da non rischiare di sceglierne una magari vecchia o con qualche problema di salute.

Questi piccoli consigli vi permetteranno di acquistare uno spatifillo sano e pronto a crescere.

Quando vi recherete in negozio sappiate che la cosa migliore è scegliere uno spatifillo che abbia già uno o due fiori, in questo modo sarete sicuri che la pianta è abbastanza matura per essere coltivata senza necessitare di particolari attenzioni soprattutto climatiche.

Non vi preoccupate dell’altezza poichè se vi è la presenza del fiore, le piante hanno già raggiunto la giusta maturità per essere portate a casa.

Caratteristiche dello Spatifillo

spatifillo cura

Il fiore dello spatifillo si compone dalla spata e dallo spadice

Come detto in precedenza il fiore è composto dalla spata e dallo spadice.

La specie tipicamente acquistata è alta intorno ai 30 cm.

Le sue foglie sono lanceolate e i fiori nascituri sono gialli e riuniti in uno spadice cilindrico.

Come si denota da queste poche righe esplicative la pianta è medio grande e permette di realizzare una serie di angoli verdi in casa e non, estremamente piacevoli.

Spatifillo: cure e coltivazione

Lo spatifillo necessita di alcune attenzioni obbligatorie e non farle, mettere a rischio la sua longevità.

In primo luogo la pianta non ama la luce diretta del sole, quindi è importante soprattutto durante il periodo estivo, collocarla al riparo dai raggi solari, preferendo la luce indiretta.

In inverno, soprattutto se posizionato in casa, lo spatifillo deve stare vicino alla finestre in modo da recuperare la luce diretta piu lieve, ma molto importante per la sua crescita ed il suo benessere.

Se notate che la vostra pianta di Spatifillo ha le foglie gialle spostatela dal luogo prescelto perchè significa che sta’ prendendo troppa luce che sta’ deteriorando la pianta.

Per quanto riguarda l’acqua, lo spatifillo deve essere bagnato con regolarità in modo che la terra non risulti mai completamente asciutta.

In estate ovviamente bisognerà fare maggiore attenzione, annaffiandola un giorno si ed un giorno no. In inverno basterà bagnarla una volta alla settimana.

Ovviamente a seconda del luogo, la quantità d’acqua necessaria cambierà, ma voi prendete sempre di riferimento il terriccio, non lasciatelo mai secco.

Di altrettanta importanza è la ricreazione del suo habitat naturale.

Lo spatifillo cresce in ambienti umidi, quindi per riproporre questa situazione, occorre lasciare nel sottovaso una serie di ciottoli che dovranno essere sempre bagnati in modo da rilasciare in maniera equilibrata e graduale, l’umidità necessaria.

Durante l’estate o in ambienti estremamente caldi, è necessario inumidire le foglie in modo diffuso e non eccessivo.

spatifillo pianta

La graziosità del fiore rende la pianta dello spatifillo molto amata negli ambienti domestici

Il terriccio deve essere molto nutriente, quindi nel dubbio, acquistatene uno grasso e per piante esigenti.

Anche la concimazione è un fattore importante. Deve essere fatta una volta ogni quindici giorni se viene collocata in casa, mentre una volta alla settimana se è in ambienti privi di riscaldamento.

Ogni anno in primavera deve essere rinvasata in modo da garantirle una crescita equilibrata e costante.

Accorgimenti importanti nella cura dello Spathiphyllum

Poiché non ama la luce del sole diretta, ogni volta che andiamo ad innaffiare lo spatifillo, ruotiamolo in modo tale da equilibrare il passaggio della luce sulla pianta, evitandone un indebolimento causato dalla radiazione solare.

E’ assolutamente vietato utilizzare i prodotti lucidafoglie, mentre è importante idratare almeno una volta al mese le foglie attraverso un panno inumidito con acqua.

Come avete notato è una pianta che richiede qualche cura in più rispetto alle altre che vi ho presentato in precedenza, ma il risultato di avere uno spatifillo in salute, fa’ si che valga la pena ogni sforzo fatto.

Le PIANTE PERENNI INVERNALI: il modo migliore per avere il giardino fiorito in inverno
Le piante perenni, sono piante resistenti anche alle temperature più basse. La cosa più importante è che queste piante riescono ad illumina...
La coltivazione degli agrumi: i frutti del sole
Gli agrumi sono le piante per eccellenza da collocare in frutteti familiari o per decorare giardini e terrazzi. E’ inconfondibile la bellezza delle lo...
La cura dei Bonsai durante il periodo estivo
Durante il periodo estivo i bonsai vanno sottoposti a maggiori cure; per iniziare è possibile spostare all’aperto i bonsai da interni. Si possono tran...
Coltivare l’orto in attesa dell’inverno
L’estate è il periodo più rigoglioso per l’orto: le varietà da poter coltivare sono innumerevoli e rese più gustose grazie al clima favorevole e alle ...
Come curare i bonsai in inverno
Per prima cosa è necessario spendere alcune parole per spiegare cosa sono i Bonsai. Il termine bonsai ha origine da due ideogrammi giapponesi: il prim...
Giardinaggio a Gennaio: seguire il calendario lunario
Con l’arrivo di gennaio è il momento giusto per mettere via gli attrezzi per un po’ di tempo. Ricordatevi però che prima necessitano di manutenzione, ...
Cosa fare a Gennaio: gestire le piante in casa e sul terrazzo
Durante i mesi invernali orto e giardino hanno sicuramente bisogno di meno cure, ma per gli amanti delle piante i piccoli lavori da sbrigare non si fe...
Bocche di Leone: pensiamoci in inverno
Durante l’inverno la maggior parte delle piante sono in riposo vegetativo e le fioriture risultano davvero sporadiche e isolate. Ma è proprio in quest...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!