Specchi d’acqua vitali: i giardini acquatici

I fiori d’acqua e tutte le piante coltivate all’interno di specchi d’acqua o giardini umidi vivono solo durante la bella stagione, cioè quando sono presenti sia alte temperature che luce solare.

L’abbassarsi delle temperature provoca generalmente gelate; queste specie non sopravvivono a tale fenomeno atmosferico, risulta assolutamente impossibile la loro fioritura con queste condizioni sfavorevoli.

Un ambiente zen: petali e acqua

fiori d'acqua

Ranuncoli d'acqua

Acqua e fiori sono un connubio perfetto. L’acqua è in grado di creare un luogo fresco all’interno di un ambiente di piante, in più è l’elemento base per lo sviluppo di tutti i vegetali, nonché necessaria per la vita stessa di ogni essere vivente.

Quando le piante fioriscono la comparsa dei fiori colora l’ambiente, che si inebria di aromi che rendono il luogo ricco di vitalità.

All’inizio dell’estate ogni specchio d’acqua raggiunge il massimo del proprio splendore: è proprio in questo momento che gli esemplari coltivati raggiungono l’apice del loro sviluppo, tra gli steli compaiono le prime gemme e le prime timide foglie.

I primi a risvegliarsi sono i Ranuncoli d’acqua, dal colore bianco, specie decisamente apprezzata, dotata di steli galleggianti e in grado di sopravvivere il luoghi più ostile, ad esempio dove è possibile trovare della corrente.

Quando temperatura e irraggiamento solare diventano ottimali comincia la comparsa dei petali, ciò accade in apparente disordine ma la sensazione

Giaggiolo acquatico

Giaggiolo acquatico

che pervade il giardino acquatico è di movimento è dinamismo: la macchina della natura si è definitivamente attivata.

Spiccano senz’altro i grandi fiori della Ninfea. Questo fiore, da sempre ammirato, spunta dalla specchio d’acqua, sul quale galleggiano le sue foglie rotonde, si riflette direttamente sull’acqua regalando bellissimi effetti visivi.

Anche il Giaggiolo acquatico regala un’elegante fioritura dalle tonalità gialle. Questa specie cresce sempre sui margini che delimitano le zone d’acqua e la terraferma.

Altra pianta comune nei giardini acquatici è il Papiro; questo non si distingue per la fioritura e per i colori dei suoi petali, ma per la particolare siluette delle proprie infiorescenza, molto simili ad eleganti ombrelli stilizzati.

Cure essenziali per le piante acquatiche

Le cure da riservare alle specie acquatiche che prolificano negli specchi d’acqua sono praticamente inesistenti. Si riducono quasi esclusivamente all’eliminazione dei residui vegetali ormai deteriorati che occuperanno lo specchio d’acqua ogni volta che le condizioni meteorologiche diventeranno inclementi.

Specchi d’acqua

Ninfea

A causa della mancanza di spazio nei giardini o in ogni tipo di area verde, dove ogni centimetro quadrato risulta iper – sfruttato, non sarà possibile dar vita a grandi giardini acquatici.

Spesso ci si deve accontentare di piccoli specchi d’acqua realizzati con materiali impermeabili, oppure in alternativa si possono utilizzare recipienti di medie dimensioni nei quali coltivare le specie acquatiche.

Soprattutto in queste condizioni è importante procedere con operazioni di conservazione piuttosto costanti nel tempo, poiché in questi casi molti esemplari possono essere coltivati solamente in recipienti indipendenti.

La fertilizzazione dell’acqua, per stimolare la produzione di nuove gemme, deve avvenire solo nel periodi di massimo sviluppo vegetativo. Si può versare del concime granulare direttamente nell’acqua o depositarlo in ogni vaso, sempre in quantità limitate.

Nei mesi caldi dell’anno è opportuno sostituire l’acqua, se è possibile attuando anche una depurazione, senza comunque l’utilizzo di prodotti

 giardini acquatici

Papiro

chimici per mantenerla pulita.

Se ci si trova in zone dai climi particolarmente freddi è possibile utilizzare dei sistemi elettronici per riscaldare l’acqua ed evitare la formazione di strati di ghiaccio.

Un sistema più semplice da utilizzare nei mesi meno favorevoli per cercare di mantenere l’acqua più calda, evitando le gelate, è anche quello di porre semplicemente dei teli di plastica sopra lo specchio d’acqua.

Un ultimo consiglio che diamo a proposito delle specie acquatiche è quello di non concentrarne troppe nello stesso luogo. Le specie acquatiche infatti sono provviste di rizomi dalla crescita rapida, che se non si sta attenti invaderanno tutto lo spazio che avete disponibile, diminuendo anche la disponibilità di ossigeno e di sostanze nutritive, penalizzando anche la fioritura delle piante stesse, che non potrà più avvenire in maniera vigorosa.

Coltivare piante in casa -II Parte-
Coltivare piante in casa è una pratica antica che risale già al 1400 a.C.. Esistono infatti testimonianze di piante ornamentali presenti nelle case de...
Coltivare le fragole anche come piante ornamentali
Le piante di fragole sono molto longeve, si riproducono mediante divisione degli stoloni radicali, o in alternativa con propaggine degli stessi. Quest...
I GIRASOLI: coltivazione, cura e nemici
I girasoli sono piante molto apprezzate soprattutto per il loro colore e la loro dimensione. Una delle caratteristiche principali, da cui deriva an...
Thunbergia Grandiflora: pianta decorativa o pianta infestante?
La Thunbergia Grandiflora è una pianta originaria del subcontinente indiano, attualmente è presente anche nel continente Australiano come pianta rinse...
E’ tempo di piantare un nuovo albero in giardino
L’estate sta volgendo al termine e l’autunno, con le sue temperature miti e il terreno ancora tiepido dalla stagione appena trascorsa, è il periodo ot...
Coltivare l’orto in attesa dell’inverno
L’estate è il periodo più rigoglioso per l’orto: le varietà da poter coltivare sono innumerevoli e rese più gustose grazie al clima favorevole e alle ...
Curare l’orto: quando seminare le cipolle
La cipolla è una bulbosa biennale, normalmente coltivata come pianta annuale. Si presenta con l’aspetto di un bulbo di grandi dimensioni, fatto a stra...
I Sedum, un genere di piante grasse di facile coltivazione
Il genere Sedum appartiene alla famiglia delle crassulacee, ovvero delle piante grasse. Il nome Sedum deriva dal latino sedeo, mi siedo, ed allude al ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.