La Stella di Natale: come farla durare più di una stagione

E’ una delle protagoniste del Natale, in questo periodo si vede e si può acquistare praticamente ovunque; stiamo parlando della Stella Di Natale, nota anche come Poinsettia e definita botanicamente come Euphorbia Pulcherrima.

Si tratta di una pianta appartenente alla famiglia delle Euforbiacee, ha come territorio d’origine le regioni montuose del Messico.

Furono gli Spagnoli di Cortes a scoprire questa pianta, gli Aztechi la portavano in dono al sovrano Montezuma.

Stella di Natale

Stella di Natale

Nonostante tutto i conquistatori non portarono questa particolare pianta in Europa. Agli inizi del XIX secolo fu invece l’ambasciatore degli Stati Uniti in Messico a rimanere affascinato da questo esemplare, tanto da portarsela a casa in Carolina per coltivarla. Lui si chiamava Robert Poinsett ed è proprio in suo onore che i botanici decisero di chiamare questo esemplare Poinsettia Pulcherrima. A partire da quel momento la diffusione avvenne in tutto il mondo.

E’ una pianta decidua con una fioritura piuttosto semplice. E’ importante però non farsi ingannare, quelli colorati – che comunemente individuiamo come fiori – sono invece delle brattee apicali. Le brattee, a differenza dei piccoli fiori posti al centro, durano molto tempo.

Se questa pianta viene curata a dovere in breve tempo assume le sembianze di un cespuglio piuttosto gradevole. Vi consigliamo però di fare attenzione al lattice che produce: si tratta di una sostanza velenosa che potrebbe irritare se a contatto con le mucose.

Per quanto riguarda la posizione ottimale per questa pianta vi consigliamo di collocarla in una zona luminosa, evitando accuratamente le correnti d’aria. Scegliete un substrato caldo e procedete con innaffiature abbondanti prima del periodo di fioritura. Da giugno fino al mese di ottobre è consigliabile concimare ogni settimana. Dopo la fioritura si può cimare la pianta e diminuire la frequenza delle innaffiature. Se volete rinvasare aspettate metà maggio quando le temperature saranno ottimali. La moltiplicazione avviene per talea apicale.

Attenzione alle malattie

Euphorbia Pulcherrima - Particolare fiori

Euphorbia Pulcherrima - Particolare fiori

La Stella di Natale può essere colpita da tre differenti agenti: gli insetti, gli acari e i funghi. Di seguito vi illustreremo nello specifico come si presentano questi fenomeni e quali parti delle piante possono interessare.

Insetti

I principali insetti che colpiscono la stella di natale sono Afidi neri: solitamente questi fastidiosi insetti colpiscono le piante giovani e in particolare i boccioli. Visivamente si riconosce la presenza di questo insetto a causa dell’ingiallimento delle parti verdi. Si deve cercare di eliminarli il prima possibile poiché questo virus può essere trasmesso ad altre piante. Un altro insetto molto comune è la cocciniglia farinosa, questo insetto succhia la linfa alla pianta collocandosi sulla parte inferiore delle foglie. Se il problema si protrae a lungo le foglie rischiano di seccare completamente. Le mosche bianche sono gli ultimi parassiti che di solito attaccano la stella di natale: è facile individuarne la presenza poiché si notano gli insetti bianchi in netto contrasto con il verde della pianta. La presenza della mosca bianca si può notare anche a causa dei cambiamenti fisici che l’esemplare presenta durante l’attacco:la crescita rallenta molto e compaiono zone decolorate.

Per eliminare gli insetti per prima cosa è necessario utilizzare insetticidi specifici, ricordatevi di distribuirli in particolare nella parte sottostante delle foglie. In secondo luogo eliminate tutte le foglie danneggiate e spostate le piante malate in un ambiente con una buona aerazione.

Acari

Solitamente la stella di natale viene attaccata dal fastidioso ragnetto rosso: questo parassita danneggia le foglie e provoca macchioline gialle che possono portare fino al disseccamento totale del fogliame. Inoltre la presenza del ragnetto rosso impedisce l’apertura dei boccioli fiorali. Per eliminare questo parassita si devono utilizzare insetticidi liquidi specifici appena si presenta il problema.

Funghi

I funghi sono spesso causati da problemi legati ad umidità o ristagno di acqua. In questi casi sulle piante possono presentarsi macchie fogliari di colore giallo – brune in grado di estendersi rapidamente fino alla morte della pianta. Solitamente un clima caldo – umido ne favorisce la comparsa.

Euphorbia Pulcherrima

Euphorbia Pulcherrima

Un eccesso di acqua invece normalmente può causare ristagni e quindi fenomeni di marciume radicale. Da un ingiallimento si può arrivare fino all’interruzione completa della fioritura, con appassimento completo della pianta. Un ulteriore problema che solitamente può incontrare la stella di natale è la comparsa della muffa grigia: si tratta di ammassi di muffa che si depositano sulle brattee e sulle foglie. Se il fenomeno si protrae si può arrivare fino al rammollimento completo della pianta.

Per risolvere i problemi legati alla comparsa dei funghi è necessario agire con rapidità. Alla comparsa dei primi sintomi si devono utilizzare anticrittogamici specifici per piante da appartamento.

Alberi in casa
L’autunno ha ormai acceso i suoi colori  più intensi. Fiori dorati ,bacche di colore rosso e bruno e  le foglie  porpora scuro ,scarlatte e gialle ...
Il LIMONE LUNARIO: la pianta ideale per la fioritura invernale
Il limone lunario è una pianta ormai considerata italiana a tutti gli effetti, di natura sempreverde. Proprio per questo è ideale la sua presenza a...
Larve di lepidotteri che attaccano tronchi e rami
La maggior parte delle larve si trovano sulle chiome degli alberi e le loro mascelle lavorano in maniera incessante distruggendo le foglie più tenere ...
I lavori di settembre: cosa fare nell’orto e nel frutteto
Ecco la l’elenco dei lavori da eseguire nel mese di settembre per mantenere al meglio orto e frutteto.
Ad ottobre cambia il paesaggio al mare e in montagna
Ad ottobre cambia il clima ed inevitabilmente cambia anche il paesaggio, cambiano i colori e i profumi. Ma cosa succede nei nostri giardini? A seconda...
Resistono alle basse temperature: coltiviamo le Rose rugose o di montagna
Le rose contano un enorme numero di specie, varietà, ed esemplari differenti. Esiste un piccolo gruppo, quello delle rose rugose, decisamente di nicch...
I parassiti degli agrumi: dagli afidi alle mosche bianche alle cocciniglie, consigli per il controll...
Gli agrumi sono tra le specie di piante più diffuse nei piccoli frutteti e nei giardini delle regioni Mediterranee. Oltre che per la produzione dei fr...
Bocche di Leone: pensiamoci in inverno
Durante l’inverno la maggior parte delle piante sono in riposo vegetativo e le fioriture risultano davvero sporadiche e isolate. Ma è proprio in quest...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!