Il tarassaco: proprietà, ricette, utilizzo

Tarassaco, soffione, dente di leone, girasole dei prati…

Il tarassaco il cui nome scentifico è Taraxacum officinale fa parte della famiglia delle Asteracee o Composite.

dente di leone

Il tarasacco, o dente di leone è una pianta molto diffusa nei prati sia in pianura che in zone montuose

E’ una  pianta erbacea perenne molto diffusa in prati e luoghi erbosi di tutta l’Italia, dalle zone montuose a quelle di pianura, infatti a seconda della regione viene chiamata diversamente: stella gialla, girasole dei prati, capo di frate, dente di leone, radicchio selvatico, piscialetto al Sud e pìsacàn al Nord, per i poteri diuretici della pianta.

La pianta del tarasacco presenta radice a fitone, fusti alti sino a 40 cm, privi di foglie che sono oblunghe e riunite in una rosetta basale.

Il tarasacco è noto anche come soffione in quanto una volta sfioriti i bei fiori di color giallo intenso si formano i caratteristici globi piumosi che i bambini amano soffiare.  La fioritura avviene tra aprile e novembre.

Tarassaco proprietà

Il tarassaco è una pianta ricca di proprietà, contiene Vitamine A, B, C, D, Sali minerali, in particolare il potassio, Inulina, Principi Amari.

Tarassaco o taraxacum officinale

Tarassaco o taraxacum officinale è detto anche stella gialla, girasole dei prati, capo di frate, dente di leone, radicchio selvatico, piscialetto e pìsacàn

A scopi fitoterapici si utilizza soprattutto la radice della pianta mentre in cucina si utilizzano le foglie, che possono essere consumate sia crude che cotte e i fiori per fare ottime marmellate.

E’una pianta con effetti diuretici e leggermente lassativi, un buon digestivo, utile anche per stimolare l’appetito.

In fitoterapia è utilizzato per le sue proprietà coleretiche e colagoghe, in caso di itterizia, e di insufficienza epatica in generale.

Non è una pianta tossica ma come per ogni erba utilizzata a scopi medicinali si deve consultare un medico prima di assumerla per valutare controindicazioni, interazioni con altri medicinali ecc.
Il dente di leone, assunto sotto forma di decotto, è utile anche per purificare la pelle grazie alle sue prorietà disintossicanti.

Usi in cucina: ricette a base di tarassaco

Foglie di tarassaco:

Come già accennato il tarasacco è molto utilizzato in cucina, le foglie si possono trovare anche dall’ortolano e possono essere cotte in acqua bollente, non troppo per non far perdere tutte le prorietà diuretiche e disintossicanti tipiche della pianta, e condite con limone sale e olio extravergine d’oliva o in alternativa saltate in padella con olio e aglio.

soffione tarasacco

soffione tarassaco

Molto utilizzato l’accostamento delle foglie di tarasacco con le uova per preparare torte salate o frittate. E’inoltre tradizione consumare le foglie cotte a Pasquetta con le uova sode.

Crude, soprattutto le foglie più piccole e tenere, sono invece ottime in insalata primaverili, non a caso un altro dei suoi nomi popolari in uso al Nord è insalata matta.

Fiori di tarassaco:

I boccioli del fiore possono essere conservati sott’aceto o, cotti con sale e aceto, essere messi sott’olio, il risultato è simile ai capperi.

Il fiore è invece ottimo per: preparare confetture, essere  fritto con la pastella, condire la pasta.

Come realizzare un giardino roccioso
E’ possibile ipotizzare un giardino roccioso quando si è in presenza di terreni in pendenza o scarsamente coltivabili. Pietre disposte in maniera arti...
Fiori profumati, in aromaterapia, in profumeria, in cucina
Buona parte delle essenze utilizzate per produrre prodotti per profumare il corpo derivano dai fiori. Alcune sono particolarmente caratteristiche, com...
Coltivare l’origano, il profumo del mediterraneo
L’origano si usa sia fresco che essiccato, è una delle piante aromatiche più usate nella nostra cucina, non potrà quindi mancare sul terrazzo o sul da...
Le erbe di campo in cucina: un tesoro gastronomico spesso dimenticato
Fiori e foglie di erbe selvatiche possono sicuramente essere considerati un vero e proprio tesoro per i nostri piatti. In cucina hanno da sempre rives...
Coltivare le piante aromatiche: alcuni trucchi del mestiere e facili regole per la conservazione
Per alcune tipologie di piante aromatiche è possibile raccogliere il fogliame durante tutto l’anno, come per esempio accade con rosmarino, salvia e al...
Anthemis maritima o camomilla maritima, come coltivarla in giardino
La camomilla maritima, in termine tecnico scientifico, Anthemis maritima, è una piante selvatica erbacea che cresce in modo spontaneo in alcune zo...
Un albero di noci nel frutteto
Il noce appartiene alla famiglia delle juglandacee. Si tratta di esemplari longevi che riescono a raggiungere altezze considerevoli, fino anche a 30 m...
Fioriture invernali che sfidano il freddo
Quando si pensa all’inverno e ad un giardino invernale la prima immagine che viene in mente è quella di una landa desolata, magari invasa da neve. Non...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!