Fiori e piante da ombra

La luce solare è ovviamente molto importante per la crescita e lo sviluppo delle piante; ne esistono però alcune specie che mal sopportano l’esposizione diretta ai raggi del sole sia nella stagione estiva, sia in quella invernale, soprattutto se coltivati in luoghi caldi e particolarmente asciutti.

Questi esemplari sono piuttosto delicati; per evitare il loro rapido deterioramento è importante scegliere con accuratezza dove trapiantarli, necessiteranno inoltre di cure addizionali.

Le piante ideali per ambienti freschi e in ombra

Fiori piante da ombra

Pervinca

Come accennato in precedenza, nonostante la luce solare sia fonte di vita e garantisca lo sviluppo rigoglioso della maggior parte delle piante, esistono alcuni esemplari che, se esposti ai raggi diretti del sole, potrebbero sviluppare bruciature, avvizzimento, fino alla morte, soprattutto per gli esemplari non abituati per niente alla luce.

Un esemplare che può subire questo trattamento è l’Ortensia; questa pianta, in situazioni di irraggiamento solare prolungato, sviluppano delle evidenti lesioni – spesso irreparabili –sulla superficie di fogli e steli.

Anche specie come le Camelie, il Rododendro, l’Erica e la Pervinca temono la luce del sole e rischiano lesioni dello stesso tipo. Queste piante, oltre al dover stare al riparo dei raggi solari, necessitano inoltre di ambienti freschi e umidi, principalmente nei mesi più caldi dell’anno.

L’origine della maggior parte di queste piante si situa il regioni dai climi caldi, nello specifico nei tropici e nella fascia equatoriale. In questi luoghi occupano solitamente aree ombreggiate, soprattutto perché si trovano in luoghi dalla vegetazione molto fitta,

Ortensia

Ortensia

come per esempio accade con alcune specie di Bromelia e di Orchidee.

Alcuni altri esemplari invece sono originari di aree settentrionali, dove il sole è scarso e a volte praticamente inesistente. La caratteristica generale di queste aree è senza dubbio il cielo coperto per la maggior parte del periodo estivo: questo è infatti l’habitat ottimale per la crescita e sviluppo migliore per questa tipologia di piante.

L’ambiente ideale per la crescita delle piante da ombra

I luoghi ideali per la coltivazione e crescita di questi particolari esemplari di piante ornamentali sono gli spazi che circondano la casa, protetti da strutture e coperture, come avviene nel caso di portici e balconi orientati verso nord. In alternativa anche le aree circondate da muri piuttosto alti, come per esempio i cortili interni: in questo caso arriveranno pochi raggi del sole.

Bromelia

Bromelia

E’ importante cercare di prevedere i movimenti del sole; se sappiamo come questo si muove all’interno del nostro giardino sarà facile sapere dove i raggi del sole non cadranno mai direttamente e i luoghi direttamente esposti. Una buona orientazione ci permetterà di collocare ogni pianta nel luogo giusto, anche nel più inospitale.

Un accorgimento interessante può essere anche quello di realizzare un’aiuola mista da collocare magari al centro del prato. Questa può facilmente essere divisa in settori in base all’esposizione che avrà rispetto al sole. Piante come la Palma delle Canarie possono regalare un’ottima protezione dal sole. Al di sotto si possono tranquillamente piantare esemplari di Pervinca, Ortensia o Impatiens, questi apprezzeranno la scarsa illuminazione e l’ambiente particolarmente fresco.

Per coltivare in vaso queste piante si utilizzano recipienti, per la maggior parte di ceramica o in pietra; questi materiali sono infatti capaci di mantenere un livello soddisfacente di umidità e una temperatura bassa nella parte interna, preservando quindi l’apparato radicale.

Inoltre questi recipienti più invecchiano, trattenendo acqua al loro interno durante l’irrigazione delle piante, più migliorano le loro capacità conservative.

Impatiens

Impatiens

Ultimamente si preferisce l’utilizzo di contenitori realizzati con materiali metallici o legno, questi vengono consigliati soprattutto quando ci si trova in luoghi particolarmente ventilati. In più è bene utilizzarli per esemplari di piante che non necessitano di un’irrigazione abbondante, anche perché l’acqua tende a deteriorarli rapidamente. Questa infatti farà facilmente marcire il legno e arrugginire i metalli.

L’utilizzo di queste piante particolarmente sensibili alla luce solare ma amanti dell’ombra darà la possibilità di rendere rigoglioso ed abitabile anche l’ultimo angolo del vostro giardino, solitamente  considerato un luogo inospitale per la maggior parte delle specie.

Acqua in giardino: Una risorsa esenziale per la crescita delle piante
L'acqua è una risorsa importante, come possiamo risparmiarla e guadagnare il rispetto dell'ambiente? Non solo ponendo attenzione agli sprechi ma con i...
Ficus: specie da giardino e da appartamento
Il Ficus Questo vasto genere di piante che appartiene alla famiglia delle Moracee è uno dei più polimorfi del regno vegetale e comprende, secondo u...
Come realizzare un giardino roccioso
E’ possibile ipotizzare un giardino roccioso quando si è in presenza di terreni in pendenza o scarsamente coltivabili. Pietre disposte in maniera arti...
Pareti verticali vegetali: inverdimento degli edifici
L'inverdimento delle pareti degli edifici non ricopre solo un aspetto di design innovativo, ma bensì risulta essere un ottimo modo per sfruttare  ...
La pacciamatura una tecnica per proteggere le piante
Solitamente si intende la pacciamatura come un mezzo per proteggere apparato radicale, colletto, tronchi, bulbi e rizomi solamente dalle basse tempera...
Piante in casa e sul terrazzo: cosa fare nel mese di Agosto
Durante il mese di agosto ci sono molti piccoli compiti da portare a termine se si vogliono mantenere al meglio le piante ospitate nelle nostre abitaz...
Duranta Repens: una novità sui toni dell'azzurro
La Duranta Repens è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Verbenacee. Questo esemplare è presente sul mercato da appena tre anni; il s...
Giardinaggio a Gennaio: seguire il calendario lunario
Con l’arrivo di gennaio è il momento giusto per mettere via gli attrezzi per un po’ di tempo. Ricordatevi però che prima necessitano di manutenzione, ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!