Le bulbose: da fiore, primaverili o estive, una categoria di piante a parte

Nel giardino esistono differenti tipologie di piante. Alcune hanno uno sviluppo decisamente prevedibile durante tutto l’anno. Altre, come le bulbose, sono sempre una sorpresa. Soprattutto quando, dopo mesi di letargo, si risvegliano dando alla luce magnifici fiori.

Le bulbose si comportano come un particolare tipo di vivaci

Canna Fiorifera

Canna Fiorifera

Le bulbose sono piante molto particolari; un po’ come le vivaci fioriscono in una stagione ben precisa. Questo periodo coincide con la ricomparsa della pianta, e più precisamente di stelo e foglie.

Potremmo considerare le bulbose come delle vivaci con una parte alloggiata nel terreno, questa parte è viva durante tutto l’anno, ma fiorisce solo in un momento preciso.

Le bulbose sono ancora più particolari perché la parte della pianta che si trova sotto terra è molto facile da estrarre, conservare e ri-trapiantare ovunque; questo processo può essere fatto tutte le volte che se ne ha la necessità senza particolari problemi.

L’aspetto delle bulbose varia molto a seconda della specie di appartenenza, ed è apprezzabile a pieno solo quando la pianta ha raggiunto l’apice dello sviluppo.

Molte di queste particolari piante hanno steli sulla superficie del terreno, ma li tengono sotto terra. Ciò accade nel caso dei rizomi delle Calle e nei bulbi dell’Aglio, il cespuglio si presenta semplicemente come un gruppo di foglie dall’altezza limitata.

In alcune specie gli steli raggiungono altezze decisamente considerevoli, fino a superare il metro e mezzo, come avviene per esempio nel caso della Canna Fiorifera.

Come conservare le bulbose

Durante il periodo di massimo sviluppo le piante bulbose vanno curate come il resto delle piante ornamentali.

Ci si dovrà comportare diversamente durante il periodo di riposo vegetativo della pianta, che durerà per tutta la stagione fredda.

Begonia

Begonia

Se lo spazio lo consente è meglio lasciare bulbi, cormi e tubercoli nel terreno, in maniera tale che i periodi di fioritura si adattino esattamente alle caratteristiche climatiche della zona in cui si trova la pianta.

In caso dei rizomi come quelli dell’Iris questa è l’unica procedura da seguire, poiché queste piante in brevissimo tempo perdono tutta la loro forza vitale.

Esistono poi specie appartenenti alla famiglia delle bulbose, come la Begonia, che provengono da regione a clima caldo: queste non sono in grado di sopportare le temperature invernali. Viceversa ce ne sono altre che provengono da regioni fredde, come per esempio il Bucaneve, che non sopportano né i terreni particolarmente secchi, né le temperature troppo elevate tipiche dei climi estivi.

Se la vostra necessità è quella di utilizzare le porzioni di terreno precedentemente occupate dalle bulbose vi converrà estrarre i bulbi quando le foglia avranno completato il periodo di avvizzimento, successivamente potrete conservare i bulbi in un luogo fresco, asciutto e buio in attesa del periodo ottimale per ripiantarli.

Per mantenere al meglio i bulbi è opportuno porli in sacchetti di carta o in contenitori ricoperti di sabbia, lontani da luce e umidità.

Come riprodurre le bulbose

Bucaneve

Bucaneve

Le bulbose sono piante erbacee a carattere vivace, riconoscibili per la tipica struttura sotterranea ricca di nutrienti, il bulbo.

In realtà il bulbo non è altro che uno stelo modificato e ingrossato; il tubero invece è semplicemente una radice modificata nella medesima maniera.

Esempi di bulbose costantemente presenti nella nostra vita quotidiana sono l’Aglio come bulbo e lo Zenzero come radice, anche se in realtà è un rizoma. Altro esempio di bulbosa utilizzata nella vita comune è la Patata, questa è un tubero.

Iniziando a conservare le sostante nutritive, dalla fine della fioritura fino all’avvizzimento delle foglie, le bulbose resistono bene ai mutamenti climatici e alle intemperie. Quando la stagione migliora queste piante sono in grado di rifiorire.

Queste piante possono riprodursi con i semi; ma piante nuove possono ottenersi anche con bulbi, cormi e rizomi.

I tuberi si riproducono facilmente, questi crescono separatamente lungo tutte le radici della pianta. Sarà quindi piuttosto facile estrarli e separarli dalla radice. La Dalia può essere riprodotta in questa maniera.

Per quanto riguarda i bulbi di Croco e Tulipano si forma un agglomerato molto simile ad una testa d’aglio, si potranno facilmente separare i germogli e

Dalia

Dalia

riutilizzare.

Nel caso del Giglio delle Conivalli, dell’Iris e della Calla si può procedere con la moltiplicazione tramite rizomi. Basterà praticare un taglio per dividere il rizoma in parti differenti avendo cura di mantenere per ogni parte un germoglio già sviluppato.

E’ importante puntualizzare che spesso, durante l’estrazione della bulbosa dal terreno, può capitare di provocare dei danni alla pianta, con conseguente sviluppo dei funghi nel punto di incisione dell’attrezzo utilizzato per l’estrazione.

In casi di questo tipo è importante lasciare cicatrizzare il bulbo all’aria aperta, prima di introdurlo nuovamente nel terreno. Si consiglia di procedere con molta attenzione durante queste operazioni, in maniera da arrecare meno danni possibili alle piante.

Il frutteto anche in balcone, meglio se con i frutti antichi
l frutteto ha un aspetto molto decorativo, per esempio durante il cambio di stagione è molto bello osservare il mutare dei colori. Scegliendo le forme...
Fiori per giardini, balconi e aiuole in Aprile
Il gladiolo da valorizzare Aprile  è il mese giusto per curare i gladioli. Scegliete un luogo soleggiato per piantare i cormi, in breve tempo spu...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in giugno
Cosa fare nel mese di giugno a seconda che ci si trovi al mare o in montagna. Piccoli consigli per far crescere al meglio le piante.
La mimosa, una pianta australiana integrata nel giardino mediterraneo
L’ Acacia dealbata, comunemente detta mimosa, è una pianta appartenente alla famiglia delle Leguminose, proveniente dalle zone tropicali e sub-tropica...
Creare un giardino a risparmio idrico
La scarsità di acqua può essere un problema stagionale o un problema di tipo strutturale. E’ comunque molto importante tenerne conto, poiché rappresen...
Alcune curiosità sulle arachidi
La pianta delle arachidi è un’annuale erbacea, non raggiunge grosse dimensioni (l’altezza rimane compresa tra i 30 e gli 80 centimetri), ed appartiene...
Piante autunnali: la Cosmea (Cosmos bipinnatus)
La Cosmea ( Cosmos bipinnatus) è una delle piante più comuni della famiglia delle Composite. La pianta è originaria dell'America centro meridio...
I Sedum, un genere di piante grasse di facile coltivazione
Il genere Sedum appartiene alla famiglia delle crassulacee, ovvero delle piante grasse. Il nome Sedum deriva dal latino sedeo, mi siedo, ed allude al ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!