Come avere un giardino fiorito con i colori della primavera

Cotogno Giapponese (Chaenomeles japonica)

Cotogno Giapponese (Chaenomeles japonica)

La selezione degli arbusti da piantare all’interno del giardino deve essere fatta accostando con cura e gusto le piante secondo la loro forma e dimensione, i tempi ed i colori della fioritura, la particolarità del loro fogliame. Il risultato di un attenta progettazione ci appagherà a lungo la vista e l’olfatto al risveglio del giardino, con il succedersi prestabilito delle fioriture primaverili, colori e profumi sapranno incantarvi.

Fioriture mese dopo mese

Per avere fioriture sin dal mese di marzo scegliete i cotogni giapponesi (Chaenomeles japonica) e i meli da fiore (Malus) che introduce le prime note di rosso nel giardino; nello stesso periodo i rami nudi delle magnolie si ricoprono di fiori paffuti e variopinti, anche i fiori bianchi delle spiree (Spiraea) e fiori tappezzanti azzurri del Ceanothus Repens accenderanno i primi colori del giardino.

Melo da fiore (Malus)

Melo da fiore (Malus)

Nel mese di aprile si potranno avere fioriture coloratissime e profumate, pronte a soddisfare qualunque esigenza, scegliendo, se avete spazio sufficiente, un alberello di Cornus florida, che con suoi fiori smaglianti in primavera e con magnifici frutti e foglie in autunno coloreranno il vostro giardino per l’intera stagione. Specie intramontabili da inserire nel giardino sono poi le sempre belle ginestre (Cytisus), le peonie dai fiori giganti e gli iris.

(Cornus florida)

(Cornus florida)

Sul finire della primavera per avere ancora bei fiori tra maggio e giugno, si possono mettere a dimora rose, e glicini (Wisteria), con cui si potranno ricoprire muri, archi e gazebo, scegliendo i lillà (Syringa) e le clematidi (Clematis), avremo una raffinata fioritura. Non scordate la Potentilla (gialla , rosa o bianca) e le ortensie, che vi potranno deliziare sino all’autunno.

Una corretta coltivazione garantisce la pronta ripresa dei nuovi arbusti in primavera.

E dunque bene, in fase d’impianto, predisporre una buca molto più grande della zolla radicale da dimorare: le nuove piccole radici avranno così a disposizione una maggiore quantità di terreno soffice in cui svilupparsi con più facilità. Sul fondo della buca distribuite poi uno strato di ghiaia, eviterà così il ristagno dell’acqua prolungato a contatto con le radici, non dimenticate poi uno strato di fertilizzante preferibilmente organico.

Prima di inserire la nuova pianta, ricoprite con un po’ di terra soffice il concime, così da evitare che le radici possano risentire del contatto diretto con il fertilizzante.

Acqua in giardino: Una risorsa esenziale per la crescita delle piante
L'acqua è una risorsa importante, come possiamo risparmiarla e guadagnare il rispetto dell'ambiente? Non solo ponendo attenzione agli sprechi ma con i...
Progettare il giardino: zone in pendenza
Le zone in pendenza sono le sfide più grandi da superare per chi si occupa di architettura di giardini. Il momento dello scavo è il più faticoso dura...
Il Melo: coltivazione, potatura, varietà e curiosità
l melo è un albero dalle origini antichissime. Dei frutti di quest’albero si hanno reperti già in epoca preistorica. Presente da sempre sia nella mito...
La melanzana: si semina a marzo si raccoglie in estate
Si tratta di una coltivazione estiva tipica dei paesi con climi caldi. E’ infatti l’ortaggio per eccellenza dell’estate. A dimostrazione di ciò esiste...
La lavanda: un pianta officinale molto usata in aromaterapia
La Lavandula officinalis è una pianta appartenente alla famiglia della labiate originaria dei paesi Mediterranei dove cresce spontanea nelle zone ...
Un fiore invernale: la Camelia Sasanqua
Le camelie invernali sono le piante che meglio rispondono alle richieste dei più esigenti. Si tratta di esemplari particolarissimi, frutto di ricerche...
Il Ligustro, una specie rustica da giardino
Il ligustro è una specie ornamentale appartenente alla famiglia delle oleaceae (come l’olivo e la forsizia). Il ligustro è tra le specie coltivate ...
Il complesso mondo delle piante grasse
Siamo abituati a definire tutta una serie di esemplari come “piante grasse”. Va precisato che tale definizione è impropria dal punto di vista botanico...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!