Come avere un giardino fiorito con i colori della primavera

Cotogno Giapponese (Chaenomeles japonica)

Cotogno Giapponese (Chaenomeles japonica)

La selezione degli arbusti da piantare all’interno del giardino deve essere fatta accostando con cura e gusto le piante secondo la loro forma e dimensione, i tempi ed i colori della fioritura, la particolarità del loro fogliame. Il risultato di un attenta progettazione ci appagherà a lungo la vista e l’olfatto al risveglio del giardino, con il succedersi prestabilito delle fioriture primaverili, colori e profumi sapranno incantarvi.

Fioriture mese dopo mese

Per avere fioriture sin dal mese di marzo scegliete i cotogni giapponesi (Chaenomeles japonica) e i meli da fiore (Malus) che introduce le prime note di rosso nel giardino; nello stesso periodo i rami nudi delle magnolie si ricoprono di fiori paffuti e variopinti, anche i fiori bianchi delle spiree (Spiraea) e fiori tappezzanti azzurri del Ceanothus Repens accenderanno i primi colori del giardino.

Melo da fiore (Malus)

Melo da fiore (Malus)

Nel mese di aprile si potranno avere fioriture coloratissime e profumate, pronte a soddisfare qualunque esigenza, scegliendo, se avete spazio sufficiente, un alberello di Cornus florida, che con suoi fiori smaglianti in primavera e con magnifici frutti e foglie in autunno coloreranno il vostro giardino per l’intera stagione. Specie intramontabili da inserire nel giardino sono poi le sempre belle ginestre (Cytisus), le peonie dai fiori giganti e gli iris.

(Cornus florida)

(Cornus florida)

Sul finire della primavera per avere ancora bei fiori tra maggio e giugno, si possono mettere a dimora rose, e glicini (Wisteria), con cui si potranno ricoprire muri, archi e gazebo, scegliendo i lillà (Syringa) e le clematidi (Clematis), avremo una raffinata fioritura. Non scordate la Potentilla (gialla , rosa o bianca) e le ortensie, che vi potranno deliziare sino all’autunno.

Una corretta coltivazione garantisce la pronta ripresa dei nuovi arbusti in primavera.

E dunque bene, in fase d’impianto, predisporre una buca molto più grande della zolla radicale da dimorare: le nuove piccole radici avranno così a disposizione una maggiore quantità di terreno soffice in cui svilupparsi con più facilità. Sul fondo della buca distribuite poi uno strato di ghiaia, eviterà così il ristagno dell’acqua prolungato a contatto con le radici, non dimenticate poi uno strato di fertilizzante preferibilmente organico.

Prima di inserire la nuova pianta, ricoprite con un po’ di terra soffice il concime, così da evitare che le radici possano risentire del contatto diretto con il fertilizzante.

Pinks flowers: 5 varietà di fiori in rosa nel vostro giardino
Arrivano le belle giornate,  il sole fa capolino dopo il lungo inverno e la voglia di stare all'aria aperta si fa sentire sempre più; ecco qualche...
Ficus: specie da giardino e da appartamento
Il Ficus Questo vasto genere di piante che appartiene alla famiglia delle Moracee è uno dei più polimorfi del regno vegetale e comprende, secondo u...
Realizzare pareti verdi con le piante rampicanti
Tra le piante più adattabili e diversificate troviamo le rampicanti. Ne esistono molti esemplari diversi, ma lo sviluppo di alcuni tratti comuni hanno...
Non solo gigli: la famiglia delle liliacee
Le Liliacee sono una famiglia di piante molto vasta e varia. Aglio, asparago, amarillis e molte altre piante appartenenti a questo gruppo sono caratte...
Il Ginkgo e le sue foglie a ventaglio
Il Ginkgo, nella sua varietà più nota “biloba”, è un albero dalle fattezze maestose e svettanti. E’ molto facile trovarlo all’interno dei giardini pu...
Curare le rose dopo la fioritura
Le rose si devono curare anche dopo la fioritura, in particolare le specie rifiorenti. Se si presta loro le cure adeguate e si forniscono le energie n...
Creare un giardino a risparmio idrico
La scarsità di acqua può essere un problema stagionale o un problema di tipo strutturale. E’ comunque molto importante tenerne conto, poiché rappresen...
Thunbergia Grandiflora: pianta decorativa o pianta infestante?
La Thunbergia Grandiflora è una pianta originaria del subcontinente indiano, attualmente è presente anche nel continente Australiano come pianta rinse...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!