Quando scegliere il decespugliatore a benzina

Se il vostro giardino ha una conformazione a più livelli, oppure non è completamente pianeggiante, o ancora se esistono dei punti difficilmente raggiungibili con una normale falciatrice, ma avete la necessità di eliminare la presenza di infestanti ed erbacce, allora si consiglia di utilizzare un decespugliatore con motore a scoppio.

Cos’è il decespugliatore a scoppio

decespugliatore

Utilizzare i decespugliatori richiede una certa attenzione

Si tratta di un attrezzo da utilizzare quando si presentano situazioni complicate e punti non troppo agevoli da raggiungere con i normali strumenti.

Il decespugliatore a benzina può essere tranquillamente acquistato ma è possibile noleggiarlo. Si tratta di uno strumento molto simile alla vecchia falce, ed è proprio da questa che ha ereditato la maggior parte delle funzioni. E’ molto comodo perché è possibile utilizzarlo anche in assenza di prese di corrente; si tratta di uno strumento versatile, è possibile fornirlo di testine falcianti differenti a seconda dell’uso specifico.

In vendita esistono vari modelli, i più semplici sono comunemente dotati di un’unica testina a filo, utile per l’erba tenera e non cespugliosa. I decespugliatori professionali invece possono essere dotati di testine molto potenti, con lame in grado di eliminare anche arbusti di piccola dimensione.

Normalmente, quando si possiede un giardino di modeste dimensioni, servono solo tagli in alcuni punti critici, quindi basteranno decespugliatori base. I punti difficilmente raggiungibili dai normali tagliaerbe di solito sono: tutti gli angoli, i vialetti di’ingresso, le porzioni di terreno intorno alle piante e intorno ai vasi.

Testina a filo

Testina a filo

Questo attrezzo è dotato di un potente motore a scoppio, in grado di fornirgli una certa autonomia. E’ comunque opportuno agire nel pieno rispetto della natura, preservando anche la propria salute. E’ quindi molto importante utilizzare solamente benzina alchilata, solitamente reperibile dove si acquistano o affittano i decespugliatori. Si tratta di una sostanza in grado di ridurre molto l’inquinamento: costa relativamente poco, ma soprattutto si tratta di un liquido a basse emissioni, vantaggioso anche per il fatto che lascia il motore pulito.

Quali elementi guardare quando si sceglie un decespugliatore

Come abbiamo già sottolineato esistono molte tipologie di decespugliatori, è possibile quindi trovare facilmente l’attrezzo giusto alle proprie esigenze. E’ comunque opportuno controllare alcuni elementi di base comuni a tutti gli attrezzi normalmente sul mercato.

Di seguito vi forniamo un rapido elenco utile per indirizzarvi nella scelta ottimale.

  • Impugnatura: è molto importante che l’impugnatura risulti solida ed equilibrata. Deve essere regolabile, in modo da adattarsi facilmente a qualsiasi tipo di esigenza.

    Testina con lame

    Testina con lame

  • Peso: è un dato importante da considerare, anche tenendo conto della durata dei lavori da svolgere e all’utente che dovrà svolgerlo. Si consiglia di provare ad utilizzare lo strumento prima di acquistarlo, in maniera da saggiarne con precisione sia l’impugnatura che il peso.
  • Potenza: la potenza del decespugliatore deve essere proporzionale al tipo di lavoro che deve svolgere e alla durata dell’intero lavoro. Attrezzi con potenza maggiore sono in grado di svolgere più velocemente lavori importanti. Per il resto dipende molto dal tipo di testina montato, che varierà a seconda dell’elemento che deve essere falciato.
  • Tracolla: è un elemento molto importante, ha infatti il compito di distribuire il peso dell’attrezzo sul corpo di chi lo usa. Una buona tracolla può alleggerire il lavoro, rendendolo anche più semplice. Anche in questo caso si consiglia di provare la tracolla prima di procedere con l’acquisto: fate attenzione che questa non vi “tagli” la spalla.
  • Testina: i tipi di testine sono molteplici e variano a seconda dell’utilizzo. La differenza sostanziale è tra quelle a filo fisso e quelle a fuoriuscita automatica. Per le testine a filo fisso è necessario procedere con la sostituzione quando il filo si consuma, non si tratta di un’operazione immediata ed è necessario un attrezzo specifico per tirar fuori la bobina. Se invece si tratta di fuoriuscita automatica basterà premere la testina contro il terreno e il nuovo filo scorrerà automaticamente. E’ importante valutare anche il tipo di testina a seconda dell’utilizzo che se ne deve fare, anche i tipi di filo variano molto a seconda di cosa devono tagliare. Se si devono eliminare arbusti, o infestanti, sicuramente sarà necessario sostituire una testina a filo con una a lame.

Come utilizzare i decespugliatori

Dopo aver scelto l’attrezzo giusto è importante utilizzarlo nel modo giusto. Di seguito alcuni consigli e indicazioni.

  • Utilizzare sempre occhiali protettivi e visiera: è importante proteggere gli occhi da accidentali lanci di sassi o piccoli legnetti. Le testine falcianti ruotano in modo estremamente rapido, lanciando tutto ciò che incontrano anche a 10 metri di distanza.
  • Azionare il decespugliatore quando è completamente abbassato: per sicurezza è opportuno azionare l’attrezzo quando si trova a livello del suolo.

    Decespugliatore a benzina

    Decespugliatore a benzina

  • Non utilizzare il decespugliatore in modo improprio: è importante utilizzare il decespugliatore solamente per le operazioni preposte, quindi si deve evitare di utilizzarlo per rifilare siepi o tagliare arbusti troppo duri, non è quello il suo utilizzo e si rischia di rovinare il filo.
  • Non montare sul decespugliatore testine o attrezzi non consigliati: utilizzare solo ciò che consiglia la casa produttrice, non agire di spontanea volontà, potrebbe rivelarsi estremamente pericoloso, non solo per noi ma anche per chi ci sta attorno.
  • Non utilizzare il decespugliatore in presenza di bambini o animali domestici: quando si utilizzano questi strumenti è bene rispettare una distanza di sicurezza di almeno 15 metri.
  • Esaurire la benzina: a fine stagione è importante esaurire la benzina presente nel serbatoio del decespugliatore, in questo modo si evita che si formino depositi ne carburatore, compromettendone la funzionalità.

Coltivare piante in casa -II Parte-
Coltivare piante in casa è una pratica antica che risale già al 1400 a.C.. Esistono infatti testimonianze di piante ornamentali presenti nelle case de...
Il consolidamento dei terreni con le piante
Molti terreni possono risultare pericolosi e smottati. Proprio per questo l'ingegneria naturalistica si è prefissata di studiare il modo idoneo per co...
Lavori in giardino mese per mese: Marzo
Abbiamo notato tutti che le giornate si stanno allungando e pian piano anche le temperature stanno cambiando. I rami stanno assumendo colorazioni verd...
Contro le zanzare scegliamo le piante giuste
Con l’aumentare dell’umidità, soprattutto nelle ore più fresche delle giornate estive, quando si potrebbe godere di un po’ di meritato riposo, qualche...
Duranta Repens: una novità sui toni dell'azzurro
La Duranta Repens è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Verbenacee. Questo esemplare è presente sul mercato da appena tre anni; il s...
Piante rampicanti da vaso: la Thunbergia Grandiflora
Si tratta di una rampicante, meno nota rispetto alla più famosa e diffusa Thumbergia Alata: una pianta decorativa stagionale venduta in piccoli vasi, ...
Come coltivare lo Zafferano (Crocus Sativus)
Lo zafferano è una spezia molto apprezzata in ambito culinario e solitamente viene acquistata all'interno dei supermercati in piccole bustine, anc...
Come curare le piante grasse in inverno
Molti di voi avranno sicuramente una pianta grassa in casa e sul balcone. Le piante grasse infatti, sono tra le più apprezzate in ambito domest...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!