I fiori all’ombra

Ormai siamo in estate, le giornate sono sempre più lunghe e più calde. Per alcune piante questo periodo è il migliore perché possono finalmente fruire di moltissime ore di luce.

Esistono però molti esemplari che mal sopportano l’esposizione diretta ai raggi del sole, sia durante la stagione estiva che durante quella invernale. Si tratta inoltre di esemplari piuttosto delicati, in grado di deteriorarsi con estrema facilità. Per questo è necessario scegliere con cura il luogo dove farle crescere, in più si tratta di esemplari  che necessitano di un maggior numero di cure per poter vegetare al meglio.

Se avete poco tempo, o poca pazienza, vi consigliamo di non scegliere piante di questo tipo.

Fiori al fresco e all’ombra

É noto a tutti che le migliori fioriture si ottengono in presenza di sole, ma non tutti sanno che alcuni esemplari, se sottoposti alla luce diretta del sole, rischiano pericolose bruciature, soprattutto durante la stagione estiva.

fiori all'ombra

Fiori all'ombra: le Ortensie non amano troppo sole

In questo caso una sovraesposizione all’irraggiamento solare comporta, oltre alle bruciature, l’avvizzimento, fino alla totale – e repentina – morte dell’esemplare nei casi più gravi.

Una pianta che mal sopporta la sovraesposizione alla luce è la comunissima Ortensia, nota anche come Hydrangea. In caso di esposizioni prolungate sarà facile notare la comparsa, sia sugli steli che sulle foglie, lesioni talmente gravi da essere completamente irreparabili.

Un altro esemplare piuttosto noto come la Camelia non deve essere esposto ai raggi diretti del sole. Anche il Rododendro, l’Erica e la Pervinca hanno bisogno di luoghi ombreggiati; in più è preferibile spostare queste piante in luoghi freschi e umidi appena le temperature si alzano.

I territori d’origine

Le orchidee sono sensibili alla luce

Le orchidee sono sensibili alla luce

L’origine della maggior parte di questi esemplari sensibili alla luce del sole sono i Tropici o la fascia equatoriale, in ogni caso luoghi estremamente caldi. Nei luoghi d’origine queste piante si trovano solitamente nelle parti più ombreggiate, al riparo dalla fitta vegetazione.

Tra gli esempi di piante tipiche di questi territori vi segnaliamo sicuramente le bromelie e alcune varietà di orchidee.

Una grossa parte di piante di queste piante refrattarie alla luce solare sono originarie di territori settentrionali, in questo caso le ore di,luce sono decisamente ridotte, spesso addirittura inesistenti.

Il cielo coperto anche nella stagione più calda consente loro di vegetare al meglio, senza incorrere in nessun tipo di ustione o problemi simili.

Il luogo ideale per la coltivazione dei fiori all’ombra

Nonostante tutto è possibile far crescere le piante che non amano la luce anche nei nostri territori. Bisognerà solo scegliere con cura il luogo giusto che le ospiterà e sara utile dedicar loro del tempo per curarle al meglio.

Per esempio è possibile collocare queste piante in luoghi protetti: se non basta la protezione offerta dalle facciate stesse degli edifici si può scegliere di collocare in strutture coperte, come per esempio dei sottoportici o dei balconi rigorosamente esposti a nord. Anche i cortili interni, dotati di muri piuttosto alti, sono n grado di offrire la giusta protezione agli esemplari più sensibili.

japanese azalea rhododendron japonicum

Japanese Aazalea , Rhododendron Japonicum

Visto che la maggior parte delle piante che non amano la luce del sole prediligono un ambiente fresco e umido si consiglia di collocarle in recipienti in ceramica o in pietra: materiali di questo tipo sono in grado di trattenere l’umidità più a lungo, in più la temperatura del terreno risulterà nettamente più bassa, in modo tale da preservare anche l’apparato radicale da eventuali, e pericolosi, surriscaldamenti.

Anche se normalmente è facile trovare contenitori in legno o in metallo – speso scelti per le piante che necessitano di essere irrigate davvero poco – noi tendiamo a sconsigliarveli: l’acqua purtroppo contribuisce a deteriorarli con estrema facilità, il legno marcisce e il metallo arrugginisce velocemente.

Naturalmente le piante che non amano la luce solare possono essere coltivate anche in piena terra. In questo caso è consigliabile conoscere l’orientamento del proprio giardino: conoscendo i movimenti del sole potremo scegliere il luogo meno esposto ai raggi solari, in modo tale da garantire a queste piante un’ottima vegetazione.

In autunno bacche e fiori colorati in giardino
Quest’anno l’autunno tarda ad arrivare ma tutti ne conosciamo i colori. Esiste una gamma di arbusti e di alberi in grado di regalare sorprendenti effe...
Coltivare l'orto in città: corsi, spunti e idee al Castello di Pralormo
Come vi abbiamo già segnalato in altri nostri articoli presso il Castello medievale di Pralormo, To, si terrà dal 31 Marzo al 1 Maggio 2012 MESSER TUL...
La potatura dell’edera: come contenerne la crescita per regolare la forma
L’edera è una pianta di tipo sempreverde, rustica, rampicante, dall’aspetto cespuglioso molto comune, tra le poche provenienti anche dal continente Eu...
Laghetti, fontane, cascate: elementi idrici per il giardino acquatico
Il fascino dell’acqua è universale, e vale sia in presenza di climi caldi che di climi freddi. Qualsiasi giardino acquisterà di bellezza grazie alla p...
Coltivare piante aromatiche in vaso
E' il momento di risparmiare, su tutto! E allora un buon metodo alternativo e sostenibile per risparmiare senza rinunciare, è quello di diventare “pic...
Cosa fare in Maggio per le piante in casa e in balcone
Non tutti disponiamo di un giardino ricco di fiori o di un orto, ma molti di noi hanno un balcone fiorito o semplicemente delle piante in casa. Anche ...
Cosa fare in Aprile per le piante in casa e in balcone
Durante il mese d'aprile anche le piante d'appartamento e le piante del balcone necessitano di cure. E' importante conoscere quando andranno effettiva...
La Forsizia gialla iniza a fiorire: è arrivata la primavera
I tipici fiori gialli della forsizia, che compaiono addirittura prima delle foglie, sono il più classico dei segnali dell’arrivo della primavera. Ques...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!