Capire meglio l’influenza della luna sulle piante

L’effetto esercitato dalla luna sul nostro pianeta influenza la vita dei campi e delle colture. Questo particolare effetto era già noto anche agli egizi, i quali erano soliti svolgere determinate operazioni proprio quando la luna si trovava in determinate fasi lunari.

Anche durante la coltivazione del nostro orto possiamo tener conto dell’effetto della luna, ciò ci aiuterà ad avere un raccolto migliore. Pensate si tratti semplicemente di una credenza popolare. Leggete il resto e lo scoprirete.

L’influsso della luna e le credenze popolari sulla luna

Fasi lunari

Fasi lunari

Se parlate con qualche contadino di qualsiasi età vi dirà che la luna influisce sicuramente sulla crescita delle piante. Non è mai stata elaborata una vera e propria teoria in merito ma stando a guardare i fatti non si può far altro che dar loro ragione.

Naturalmente esistono prove tangibili che la luna esercita un effetto sulla terra. Segnaliamo per esempio il noto fenomeno delle maree, così come sull’influenza che questa normalmente esercita sulla vita del mare e quindi sulle abitudini dei pescatori.

Poi ci sono le credenze popolari con meno validità provata, come per esempio il consiglio dei parrucchieri di tagliarsi sempre i capelli con luna crescente se si vuole favorire la ricrescita; si deve scegliere la luna calante se invece si preferisce mantenere il taglio per più tempo.

Un altro fatto indiscutibile, ma senza validità scientifica, è l’influenza che anche in questo caso la luna esercita sulle nascite e i concepimenti: pare che il plenilunio sia un momento favorevole. Come abbiamo detto non è possibile ricavare una vera e propria teoria scientifica ma le infermiere dei reparti di maternità vi potranno raccontare dell’enorme casistica in merito.

Riportando una frase fatta che afferma che “l’esperienza non è scienza” non possiamo far altro che controbattere affermando che nel caso della coltivazione di un orto quello che effettivamente importa sono i risultati effettivi. Basandosi sull’esperienza i contadini hanno sempre utilizzato il calendario lunario per regolarsi su quando seminare e quando raccogliere, evidentemente si tratta in ogni caso di un metodo collaudato che vale comunque la pena seguire.

Vi suggeriamo quindi di applicare questa “credenza popolare” anche nella coltivazione dell’orto di casa, oltre ad avere un raccolto più rigoglioso potrete stabilire anche un forte legame con la natura.

Quali sono le differenti fasi lunari e come riconoscerle

Le fasi lunari da seguire durante la coltivazione sono quattro:

  • Luna nuova: è conosciuta anche con il nome di “luna nera”, questo particolare nome viene assegnato perché si tratta della parte di luna non visibile dalla terra poiché non è illuminata dal sole. Per essere precisi in verità è la Terra che si frappone tra Sole e Luna, la sua ombra viene poi proiettata sulla superficie lunare che ovviamente appare scura.
    Capire le fasi lunari

    Capire le fasi lunari

     

  • Luna crescente: si tratta della mezzaluna caratterizzata dalla gobba “a ponente”, questa luna inizia a crescere circa una settimana dopo la luna nuova.
  • Luna piena: questa fase si ritrova a due settimane dalla comparsa della luna nuova. In questa fase la luna è completamente illuminata e di forma tonda.
  • Luna calante: è l’opposto della luna crescente, presenta infatti la a “levante”. Questa fase inizia tre settimane dopo la luna nuova.

A questo punto non possiamo che citarvi il famoso detto popolare che recita in questo modo: “Gobba a ponente, luna crescente, gobba a levante, luna calante”.

Cosa fare durante le diverse fasi lunari: Luna Crescente

Durante la fase crescente della luna pare che i succhi linfatici vengano “attirati” dal terreno in superficie. Si tratta di una fase particolarmente propizia per la crescita delle piante. Di seguito vi elenchiamo cosa fare e cosa no durante questa fase.

  • Semina: questa fase lunare è perfetta per effettuare la semina di tutte le piante con fioritura. In più per quanto riguarda gli ortaggi tradizionalmente in questa fase si consiglia di provvedere alla semina di melanzane, meloni, zucche, cetrioli, lattughe, bietole, peperoni, prezzemolo, cicoria, angurie, e in generale ogni pianta che cresce con lentezza. Ciò perché pare che la luna influisca facendo crescere i vegetali in altezza. Anche le piante di tipo rampicante subiscono positivamente questo influsso, approfittatene quindi per seminare anche piselli, fave e lenticchie.
    Capire le fasi della luna

    Capire le fasi della luna


  • Non vanno seminati: i tuberi non si devono seminare in questa fase lunare, si rischia infatti che diventino troppo duri e con scarsi nutrimenti. Vanno evitate anche le insalate a cespo poiché andrebbero a seme con rapidità, diventando subito dure.
  • Raccolta: con la luna crescente è il momento opportuno per raccogliere i frutti da consumare immediatamente, come per esempio pesche, albicocche, fragole.
  • Trapianti: tutte le piantine da fiore devono essere trapiantate in questa fase lunare. Lo stesso vale per tutti gli ortaggi da frutto in superficie; in generale si può seguire la regola di trapiantare con luna crescente quello che è possibile seminare con la stessa luna.
  • Va bene per: la luna crescente è perfetta anche per la messa a dimora di tutti gli arbusti e le siepi.
  • Non va bene per: con luna crescente non si devono effettuare trattamenti antiparassitari, concimazioni. In più non vanno eliminate le erbacce poiché tenderebbero a ricrescere velocemente.

Cosa fare durante le diverse fasi lunari: Luna Calante

La fase di luna calante funziona all’opposto rispetto a quella crescente: la luna agisce spingendo i succhi linfatici all’interno del terreno rendendo il periodo particolarmente indicato per tuberi e tutti gli ortaggi che crescono sotto terra.

Luna piena

Luna piena

 

  • Semina: con luna calante si devono seminare tutti gli ortaggi che devono andare a seme. Seminate quindi finocchi, spinaci, valeriana, sedano, basilico, cicorie, cavolfiore, cipolla, ecc ecc.
  • Trapianti: per effettuare i trapianti è opportuno scegliere i primi giorni di questa fase lunare: l’azione della luna agirà per spingere i succhi linfatici in basso, favorendone quindi la rapida radicazione. Questa fase lunare è favorevole anche per realizzare gli innesti. Normalmente è possibile trapiantare tutti gli ortaggi già seminati con luna calante.
  • Raccolta: con luna calante è possibile raccogliere la frutta a lunga conservazione, come per esempio la frutta secca e le patate.
  • Indicata per: la luna calante va bene per eliminare le infestanti, trattare le piante con antiparassitari, potare, fertilizzare e concimare.
  • Non va bene per: con questa fase di luna non si devono seminare ortaggi e frutta che crescono sopra il terreno.

Per sintetizzare

Con luna crescente è possibile seminare tutti gli ortaggi che crescono al di sopra del terreno; la luna calante è invece indicata per seminare tutti gli ortaggi che crescono sotto terra, perfetta è anche la coltivazione delle verdure con crescita da cespo.

Le Cycas: bellissimi fossili viventi, sembrano palme ma...
Origini nella preistoria Le cycas sono piante dall’aspetto palmiforme evolute oltre duecento milioni di anni fa. La apparente somiglianza di...
Coltivare piante in casa -II Parte-
Coltivare piante in casa è una pratica antica che risale già al 1400 a.C.. Esistono infatti testimonianze di piante ornamentali presenti nelle case de...
Le rose, il prato, le siepi: cosa fare in Aprile
Durante il mese di aprile andranno curati anche alberi, arbusti, rosai e prati. Si devono concimare i prati, potare le sempreverdi, curare le siepi.
Piante carminative: proprietà ed utilizzi
Per carminativo s'intende quell'aggettivo che segue i nomi di piante officinali (curative) che intervengono in varie affezioni digestive. L'etimolo...
La Rebutia, una pianta grassa senza spine
Le piante grasse sono delle piante semplici da coltivare e mantenere nel tempo; proprio per questo motivo sono un'ottima prova di partenza per chi si ...
La zucca: proprietà coltivazione e curiosità
La zucca è un alimento dalle molteplici qualità. Fa bene prima di tutto alla linea, ha infatti un bassissimo potere calorico, circa 15 calorie per ett...
Dalla nocciola piemontese a quella romana, scopriamo le varietà di nocciole italiane
Le nocciole italiane sono considerate le migliori al mondo. Si tratta di una pianta dalle origini molto antiche, già presente da tempi immemori su tut...
La Melaleuca e i “miracoli” del Tea Tree oil
Molti avranno sentito parlare del Tea Tree e delle sue proprietà miracolose, sembra infatti che riesca a curare tutti i malanni, e pure molto altro. M...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!