Alcune curiosità sulle arachidi

Tutti conosciamo le arachidi: siamo soliti sgranocchiarle durante un aperitivo, ci fanno compagnia durante le feste natalizie, sono immancabili durante le lunghissime tombolate che precedono il capodanno. Almeno una volta all’anno finiscono inevitabilmente sulla nostra tavola.

La coltivazione delle arachidi

Nonostante se ne consumi abitualmente le arachidi non sono molto coltivate sul suolo italiano. Le prime coltivazioni risalgono al 1870 nell’area di Valenza, in provincia di Alessandria.

Arachidi

Arachidi

La pianta delle arachidi è originaria del territorio del Sud America, precisamente tra Brasile e Bolivia.

Attualmente tra i più grandi coltivatori di arachidi segnaliamo Cina, India, Nigeria e Stati Uniti.

Le varietà più pregiate sono coltivate invece in Israele: il frutto prodotto in quest’area presenta un guscio color oro e risulta particolarmente resistente alla tostatura.

Le arachidi crescono sotto terra

La pianta delle arachidi è un’annuale erbacea, non raggiunge grosse dimensioni (l’altezza rimane compresa tra i 30 e gli 80 centimetri), ed appartiene all’enorme famiglia delle Leguminose. La fioritura di questa leguminosa avviene nel mese di giugno, ma l’elemento che rende particolare questa pianta avviene subito dopo la fecondazione.

 Arachis hypogaea

Le arachidi crescono sotto terra

Dopo la fecondazione il peduncolo, si tratta della parte che si occupa di unire prima il fiore e poi successivamente il frutto al fusto, si allunga velocemente, incurvandosi verso il basso.

Questo particolare movimento spinge l’ovario fecondato all’interno del terreno: la profondità raggiunta dall’ovario solitamente oscilla tra i 5 e i 15 centimetri.

Raggiunta la profondità ideale il piccolo frutto, dalla forma a baccello tipica di tutte le leguminose, comincia ad ingrandirsi.

Quando il frutto raggiunge la maturità ha una dimensione che si aggira tra i 3 e i 7 centimetri, al suo interno contiene dai due ai 5 semi. Per ogni seme si forma una loggia allargata, all’estremità si avranno invece delle strozzature.

Procedere con la raccolta delle arachidi

E’ possibile iniziare a raccogliere le arachidi quando le foglie iniziano gradualmente ad ingiallire. Per la raccolta esistono dei macchinari apposta, solitamente utilizzati nelle grandi produzioni; per le piccole produzioni basta utilizzare una normale forca.

Dopo il raccolto è opportuno far asciugare i baccelli o all’interno di un forno a bassa temperatura, oppure si consiglia di collocarli sotto un porticato.

Olio di arachidi

Olio di arachidi

Superata la prima fase di asciugatura si deve procedere eliminando tutti i residui di terra. Anche in questo caso, se si tratta di grandi produzioni, è possibile utilizzare delle attrezzature specifiche, in caso di produzione casalinga basterà procedere a mano. In questa fase è opportuno eliminare anche eventuali legumi leggeri (sono sicuramente vuoti) e tutti quelli che si presentano malformati.

La fase successiva prevede una nuova essiccazione: va eseguita o all’interno di un forno, oppure all’interno di cassette di legno.

Se si tratta di colture industriali, a seguito di questa seconda essicazione, si deve procedere con la tostatura, la sgusciatura (se necessario), le salatura (se necessario) e confezionamento finale.

Arachidi non solo da sgranocchiare

Burro di arachidi

Burro di arachidi

Il nome scientifico delle arachidi è Arachis hypogaea, questo fa riferimento direttamente alla particolarità di questa pianta di crescere e svilupparsi sotto terra.

Alla famiglia delle arachidi appartengono circa 40 specie differenti, l’hypogaea è però l’unica coltivata, inesistente allo stato spontaneo.  Esistono però ritrovamenti fossili di arachidi molto antichi, ciò fa presumere che questa pianta fosse già conosciuta, e creata, dall’uomo in tempi lontanissimi.

Normalmente in Italia si consumano le arachidi solo come snack, nel resto del mondo gli utilizzi di questa leguminosa sono molteplici. In oriente, per esempio, viene normalmente utilizzata per ricavarne un olio molto più leggero rispetto a quello d’oliva. Questo olio può essere utilizzato subito, o in alternativa raffinato. I prodotti derivanti dalla raffinatura sono un ottimo olio per frittura e la margarina.

Negli Stati Uniti le arachidi trovano ancora un altro uso. I frutti, dopo la tostatura, si riducono in pasta e si utilizzano per la produzione di burro di arachidi.

Jasminum Nudiflorum (Gelsomino di San Giuseppe): una pianta invernale
Continua la mia ricerca nel trovare piante che possano fiorire durante il periodo invernale. Questo perchè ritengo sia importante poter coltivare i...
Coltivare i frutti di bosco: mirtilli, more, lamponi ... un pieno di vitamine
Nonostante non si tratti più esclusivamente di coltivazioni spontanee questi piccoli frutti vengono ancora chiamati frutti di bosco. Ormai ribes, lamp...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in Maggio
Nel mese di Maggio, con l'incalzare della primavera e di un clima più mite, ci sono molti lavori da fare in giardino e nell'orto che variano a seconda...
La passiflora, coltivazione e curiosità
La Passiflora è una pianta rampicante dal fiore inconfondibile. Predilige per la sua crescita luoghi caldi e terreno ben drenato. Cresce anche nelle r...
Il radicchio rosso. Seminalo adesso nell'orto
Il radicchio rosso è una tipologia di insalata tipica del periodo autunnale, se seminata adesso sarà pronta per essere raccolta e consumata nel mese d...
Proboscidea Louisianica: una pianta quasi carnivora
Si chiama Proboscidea Louisianica, o lusitanica, non si può definire una vera e propria pianta carnivora. Agisce catturando piccoli insetti con facili...
Coltivare le piante tropicali: le serre
La coltivazione delle piante tropicali è imprescindibile da caratteristiche climatiche ben precise. Di sicuro la temperatura è l’elemento più importan...
Hosta. Quaranta specie e più di tremila varietà
Le e Hosta sono piante sempreverdi erbacee facilmente coltivabili sia in piena terra che in vaso con grande successo. Se coltivate in piena terra sono...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!