La Forsizia gialla iniza a fiorire: è arrivata la primavera

I tipici fiori gialli della forsizia, che compaiono addirittura prima delle foglie, sono il più classico dei segnali dell’arrivo della primavera. Queste sono infatti tra le prime piante in grado di ravvivare i nostri giardini e terrazzi.

Forsizia gialla

Forsizia gialla

Queste coloratissime piante stanno bene isolate in un giardino, che renderanno luminoso grazie al loro colore dorato, ma stanno ancora meglio a formare una siepe. In questo caso possiamo usarle da sole oppure preferirle in contrasto con altri cespugli con fioritura contrastante.

E’ comunque importante ricordare che, data la loro fioritura precoce, quando le altre piante inizieranno a fiorire la forsizia avrà già completato la sua fioritura e si sarà ricoperta di foglie dal colore verde brillante.

Sarà quindi un’ottima idea accostare la forsizia a delle altre piante con fioritura che venga esaltata da questo fogliame particolarmente vivace.

Coltiviamo la forsizia sul terrazzo

Le forsizie sono ottime anche per la coltivazione in vaso. E’ importante che le dimensioni del vaso non siano minori di 40 centimetri sia per diametro che per profondità.

Collocate le piante in una posizione particolarmente soleggiata: la fioritura sarà molto più ricca e rapida.

Naturalmente anche se decidete di coltivare la forsizia in giardino è bene collocarla in una zona particolarmente soleggiata, anche in questa situazione più luce riceverà maggiori saranno i benefici per la crescita della pianta stessa.

Se si vuole ottenere un forte effetto cromatico si può accostare alla forsizia anche la ginestra precoce: anche questa pianta da fiori di un bellissimo giallo.

Ginestra

Ginestra

Se invece preferite un accostamento a contrasto vi consigliamo di associarla all’azzurro tipico del ceanothus.

Giocando ancora con i colori una buona idea potrebbe essere di collocare alla base dei vasi di forsizia dei contenitori più piccoli con all’interno aubriezia dalle colorazioni blu o viola, o masse dal colore dorato tipiche dell’alisso saxatilis. L’effetto vi stupirà.

Inoltre grazie alla coltivazione in vaso, una volta terminata la fioritura, la pianta potrà essere comodamente spostate per mettere in rimo piano nel vostro terrazzo le nuove fioriture sia primaverili che estive.

Come curare la forsizia

Le forsizie non necessitano di particolari cure. Possono sopportare temperature molto rigide, fino ai 15 – 20° sotto zero.

Se si acquistano in questo periodo le forsizie vanno messe a dimora subito con la zolla. Sia che si facciano crescere in giardino che in vaso è necessario mescolare il terriccio, prima della messa a dimora, con del fertilizzante granulare a lenta cessione.

Ceanothus a contrasto

Ceanothus a contrasto

Come substrato va benissimo utilizzare del terriccio di tipo universale, leggero e fertile. Se coltivata in vaso necessita di aggiunte periodiche di fertilizzante per piante fiorite.

Se coltiviamo la forsizia in vaso non dovrà mai mancare acqua alla pianta in pieno stato vegetativo. Il terreno deve essere sempre preferibilmente fresco. Mescolare all’acqua di annaffiatura un po’ di fertilizzante, ricco di fosforo e potassio, renderà più rigogliosa la fioritura.

Potatura della forsizia

Al termine della fioritura è opportuno sfoltire un po’ la pianta, in maniera tale da garantire una rigogliosa fioritura per l’anno successivo. Caratteristica della forsizia è infatti quella di fiorire sui rami nati l’anno precedente. Vanno infatti eliminati principalmente i rami vecchi, in maniera tale di dare la possibilità ai nuovi rami di crescere rigogliosi.

Con un po’ di pazienza è possibile dare alla forsizia la forma di un alberello; ciò può essere fatto lasciando il fusto centrale e più vigoroso ed eliminando i rami laterali. Un buon risultato si otterrà dopo circa uno o due anni di sfoltimenti “mirati”. Una soluzione di questo tipo è da prediligere principalmente per gli ambienti piccoli quali balconi o terrazzi.

Moltiplicare la forsizia

Il mese migliore per moltiplicare questa pianta è proprio marzo. In questo mese è soprattutto consigliata la moltiplicazione tagliando un ramo di

Cespugli di forsizia

Cespugli di forsizia

circa 30 centimetri non ancora del tutto lignificato.

Si dovrà procedere tagliando le foglie nel primo terzo, successivamente andrà collocato in un vaso con terreno morbido e molto sabbioso; bisognerà accertarsi che il substrato sia sempre piuttosto umido.

Dopo circa un anno questo ramo avrà sviluppato le radici necessarie per essere trapiantato.

Laghetto in giardino e giochi d’acqua nel verde
Non si può immaginare un giardino senza acqua. Se ne ha bisogno sia per bagnare le piante sia come elemento di composizione e d’arredo. Numerose s...
La Scelta dei Rampicanti nel giardino:Glicine,Passiflora, Buganvillea,Edera,Vite Canadese
Come scegliere le piante  rampiacanti Le piante rampicanti possono trovare un valido impiego nella decorazione del giardino, abbellendo la faccia...
Muri fioriti con le erbacce perenni
Le erbacee perenni sono tutte quelle piante con la tipica consistenza erbacea, o che più semplicemente non sono provviste di parti legnose. Il loro...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in giugno
Cosa fare nel mese di giugno a seconda che ci si trovi al mare o in montagna. Piccoli consigli per far crescere al meglio le piante.
Una pianta rampicante decorativa: la Bignonia grandiflora
E’ una pianta dal grande valore decorativo, soprattutto grazie ai fiori dalla caratteristica forma a tromboncino. Questi fiori hanno solitamente una c...
Fioriture invernali che sfidano il freddo
Quando si pensa all’inverno e ad un giardino invernale la prima immagine che viene in mente è quella di una landa desolata, magari invasa da neve. Non...
Echium fastuosum, pianta resistente al clima secco e dalla splendida fioritura
L’ Echium fastuosum è una bellissima pianta perenne e sempreverde, appartenente alla famiglia delle Borraginacee. Questa pianta è originaria dell’isol...
Le margherite: spazio al colore nella famiglia delle composite
Tutti conoscono le margherite, ma forse non tutti ne conoscono le particolarità. Gli esemplari che fanno parte di questo nutrito gruppo appartengono a...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.