Larve di lepidotteri che attaccano tronchi e rami

La maggior parte delle larve si trovano sulle chiome degli alberi e le loro mascelle lavorano in maniera incessante distruggendo le foglie più tenere e i boccioli.

Le larve che si trovano all’interno di tronchi e rami sono decisamente un numero inferiore rispetto a quelle che attaccano con voracità la

Rodilegno giallo

Rodilegno giallo

chioma. Tra queste segnaliamo:

  • Rodilegno giallo, o Zeuzera pyrina
  • Rodilegno rosso, o Cossus cossus

Delle farfalle piuttosto pericolose per gli alberi

Gli insetti adulti derivanti da queste larve sono dei lepidotteri. Le dimensioni di questi insetti sono medie, le ali assumono un colore bianco – grigio con delle maculature nere per il rodilegno giallo, il rodilegno rosso sarà invece caratterizzato da maculature di colore grigio scuro. Questi insetti compaiono durante il mese di giugno.

Le uova vengono deposte proprio sotto la corteccia, oppure è facile trovarle in piccole aperture o all’interno di ferite che si trovano sui tronchi. Lo sviluppo delle larve avviene durante tutta la stagione stiva proprio all’interno dei rami o di queste fessure del legno.

Rodilegno giallo in azione

Rodilegno giallo in azione

Queste larve raggiungono dimensioni di circa 5 – 6 centimetri, non hanno nessun tipo di peluria; le larve del rodilegno giallo sono di colore giallo con dei puntini neri, per il rodilegno rosso i puntini sono di colore rosso – bruno.

Le larve in questione scavano lunghe gallerie all’interno dei tronchi e dei rami degli alberi. Tra le essenze più colpite ci sono: acero, betulla, salice, pioppo, carpino, frassino e molti alberi da frutto.

Le tracce di segatura indicano la presenza delle larve

Gli attacchi di questo tipo di larve sono facili da notare, si rileva infatti la presenza, sia sulla corteccia che nel legno, di fori di gallerie. Questi fori hanno un diametro che può variare da circa 4 – 5 millimetri fino ad un centimetro circa. Inoltre è facile individuare un attacco di larve anche a causa della presenza di granelli di segatura dal colore bruno rossastro e dalle gocce di linfa che si accumulano lungo il tronco e sulla corteccia.

La presenza di queste gallerie crea gravi danni al legno, poiché si impedisce un flusso corretto sia di linfa che di acqua. Ciò può causare il deperimento della pianta, riscontrabile principalmente con appassimenti e disseccamenti del fogliame, soprattutto per quanto riguarda gli elementi più giovani.

Rodilegno rosso

Rodilegno rosso

Un altro problema conseguente all’attacco delle larve è l’invasione da parte di microorganismi fungini che potrebbero colpire il legno danneggiato e indebolito. Anche i batteri potrebbero colpire la pianta, continuando a danneggiarla e alterarla.

Questi insetti procurano molti più danni rispetto a quelli che normalmente colpiscono solo la chioma e l’apparato fogliare, poiché riescono ad incidere sulla durata della vita della pianta stessa.

In più se si presentano più attacchi differenti su un medesimo esemplare si potrebbe comprometterne seriamente la stabilità.

Un attacco di larve difficile da combattere

Esemplari compromessi dal rodilegno

Esemplari compromessi dal rodilegno

Eliminare questi insetti è davvero un’operazione complicata. I risultati più soddisfacenti si ottengono quando si riesce ad intervenire prima della comparsa dei fori nel tronco. E’ comunque possibile cercare di eliminarle iniettando prodotti specifici all’interno di questi fori. Quando però i fori sono innumerevoli questi interventi volti a curare la pianta risultano del tutto inefficaci. Se le piante sono completamente compromesse vanno tagliate, o in alternativa estirpate e poi bruciate.

Si consiglia di evitare di piantare esemplari di piante dello stesso genere nel luogo di estirpazione degli esemplari malati.

Una soluzione per salvaguardare le piante può essere quella di combattere gli esemplari adulti di lepidotteri, in maniera da eliminarli prima della deposizione delle uova. Per far ciò si possono utilizzare trappole attrattive con feromoni di aggregazione: si tratta di sostanze chimiche in grado di funzionare da esca, attirando e catturando le farfalle che si avvicinano.

Le rose, il prato, le siepi: cosa fare in Aprile
Durante il mese di aprile andranno curati anche alberi, arbusti, rosai e prati. Si devono concimare i prati, potare le sempreverdi, curare le siepi.
Gli insetti infestanti primaverili: la Metcalfa
Attenzione agli insetti infestanti primaverili Col periodo primaverile oltre alla ripresa vegetativa della maggior parte delle piante potrebbero comp...
I fitofarmaci per la salute delle nostre piante
La salute delle nostre piante passa anche attraverso l’uso dei fitofarmaci, è necessario però utilizzarli con moderazione. Qualsiasi sia la composizio...
Consigli utili per la cura delle piante d’appartamento
Con l’arrivo dell’estate e l’innalzarsi della temperatura le piante in appartamento hanno bisogno di qualche cura in più. Per prima cosa bisogna aumen...
Le larve d'insetti estive: come eliminare i parassiti dalle piante
Le larve non sono per niente facili da individuare. Appena si nota la loro presenza vanno eliminate la più presto, poiché amano cibarsi principalmente...
Coltivare le orchidee: una sfida possibile
Far fiorire le proprie piante da fiore è sempre un’enorme soddisfazione. Quando si tratta di far rifiorire le orchidee ogni anno la soddisfazione è an...
Piantare i bulbi a fine estate per la fioritura primaverile
Dalla metà del mese di settembre è possibile iniziare a piantare le bulbose per la fioritura primaverile; tra queste elenchiamo: tulipani, crochi, mus...
Piante e fiori invernali: la Camellia Japonica Citation
La Camellia è una delle piante ideali se si vuole avere un balcone fiorito anche durante l'inverno, solitamente accompagnato da temperature estremamen...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!