Le Cycas: bellissimi fossili viventi, sembrano palme ma…

Molti esemplari di Cycas impreziosiscono importanti monumenti

Origini nella preistoria

Le cycas sono piante dall’aspetto palmiforme evolute oltre duecento milioni di anni fa.

La apparente somiglianza di queste piante con le palme potrebbe trarre in inganno, infatti le “arcaiche” Cycas e le palme (evolute molto più recentemente) sono in realtà molto distanti dal punto di vista filogenetico.

Queste piante infatti si diffondono e prosperano insieme alle felci arboree e alle conifere durante l’era Mesozoica chiamata appunto “era delle Cicadee”.

La diffusione ed il numero di queste specie di piante si è gradatamente ridotta nel Terziario; oggi le Cycas sono considerate dei veri e propri fossili viventi, il cui studio ha permesso di chiarire molti segreti della paleobotanica.

Le Cycas  in Europa

Tra le specie di Cycas oggi sopravvissute, una in particolare ha assunto grande importanza come pianta ornamentale: la Cycas revoluta.

Questa pianta venne scoperta nel Giappone meridionale in tempi recenti ed il primo esemplare fu messo a dimora in Europa nel 1793, impiantato nell’orto botanico di Palermo.

Proprio in Sicilia si possono ammirare molti esemplari di Cycas che impreziosiscono importanti monumenti, come all’interno del chiostro del duomo di Monreale.

La apparente somiglianza di queste piante con le palme non deve trarre in inganno

Oggi queste piante sono tra le più apprezzate dal punto di vista estetico nell’arredo del giardino o in appartamento, e in tutto il mondo ne vengono commercializzati ogni anno milioni di esemplari.

Caratteristiche

Le Cycas si caratterizzano per avere un apparato radicale piuttosto superficiale, delle foglie pennate piuttosto grandi di colore verde intenso e per essere per lo più dioiche, ovvero a sessi separati.

Queste piante crescono molto lentamente: il tronco aumenta di circa 3 cm all’anno.

Possono venire coltivate facilmente in vaso, avendo cura di effettuare il rinvaso ogni 3-4 anni e di utilizzare vasi non troppo grandi per evitare che si sviluppino troppo le radici a scapito del fusto.

La Cycas revoluta è utilizzata per la preparazione del sago, una fecola di impiego alimentare che si estrae dal tronco.

Questa pianta è infine tanto bella quanto pericolosa: possiede infatti un veleno tossico per ingestione chiamato cycasina, presente nei semi e nelle foglie. Quest’ultimo aspetto la rende poco adatta ai giardini con animali (o negli appartamenti con bambini piccoli).

Le Cure per Le Cycas

Le Cycas si prediligono i terreni sabbiosi e alle estati calde, e si adattano molto bene alle nostre latitudini. Richiedono però molta cura così come la maggior parte delle piante del giardino.

Hanno bisogno di adeguate quantità di acqua, pertanto vanno innaffiate ogni qual volta il terreno è asciutto e vanno evitati i ristagni di umidità. Le concimazioni devono essere ben equilibrate.

E’infine una buona norma potare queste piante tagliando le vecchie foglie, secche e ingiallite, vicino alla base.

Coltivare i frutti di bosco: mirtilli, more, lamponi ... un pieno di vitamine
Nonostante non si tratti più esclusivamente di coltivazioni spontanee questi piccoli frutti vengono ancora chiamati frutti di bosco. Ormai ribes, lamp...
MARZO: è ora di piantare l'Aralia Japonica
L'Aralia è una pianta molto affascinante, che può essere collocata sia in appartamento che in giardino, crescendo rigogliosa in tutta la sua maestosit...
La melanzana: si semina a marzo si raccoglie in estate
Si tratta di una coltivazione estiva tipica dei paesi con climi caldi. E’ infatti l’ortaggio per eccellenza dell’estate. A dimostrazione di ciò esiste...
Il giardino della nonna: ricreiamo un luogo dedicato ai ricordi
Viviamo in un periodo nel quale diventa sempre più attuale recuperare il passato, onorandone i ricordi o recuperando e riutilizzandone gli oggetti. Un...
Rucola e valerianella piantiamole nel nostro orto
La primavera è il periodo ottimale per seminare insalate nel nostro orto. Poco lavoro, pulizia del terreno ed eliminazione degli infestanti, garantira...
Cambio di stagione: arriva l’autunno in giardino
Nonostante l’ondata di caldo, da alcuni definita anomala, che sta investendo parte dell’Italia in questo inizio ottobre, è ormai giunto il momento di ...
Angelica: una pianta medicinale quasi dimenticata
L’angelica è una pianta erbacea alpina dall’aspetto decisamente gradevole. Se curata al meglio è in grado di raggiungere anche dimensioni piuttosto ra...
Approfittiamo dell'inverno per progettare l’orto
E’ proprio il periodo invernale il migliore per decidere come andrà sistemato l’orto nei prossimi mesi. Dotati di cara e penna possiamo ricreare gli s...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!