La Melaleuca e i “miracoli” del Tea Tree oil

Molti avranno sentito parlare del Tea Tree oil e delle sue proprietà miracolose, sembra infatti che riesca a curare tutti i malanni, e pure molto altro. Ma quanti di voi sanno esattamente di cosa si parla? Quanti di voi sanno che si tratta di un olio essenziale super concentrato? Forse in pochi, quindi cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sul Tea Tree o Melaleuca e sulle sue capacità curative.

Cos’è la Melaleuca

Il Tea Tree oil trae origine dalla Melaleuca alternifolia, pianta diffusa principalmente nei territori dell’Australia. Si può considerare l’Australia come un territorio piuttosto isolato, dotato di flora e fauna particolari che difficilmente sono presenti nel resto del piante. La pianta del Tea Tree fa parte proprio di quella flora, nonostante si tratti di un esemplare utilizzato dall’uomo fin dai tempi più lontani. “Il guaritore più versatile della natura” secondo gli aborigeni della tribù Bundjalung, che utilizzano gli oli essenziali della Melaleuca fin dai tempi più antichi, ed è anche grazie al loro apporto che questo olio essenziale è giunto fino ai giorni nostri.

L’olio essenziale usato in erboristeria

Il Tea Tree oil è un olio essenziale molto utilizzato in erboristeria; si estrae dalla Melaleuca (detta anche Albero del the). Questa pianta cresce solo in determinate aree paludose del Nuovo Galles del Sud in Australia.

Olio essenziale di Melaleuca

Olio essenziale di Melaleuca

Il nome di questa pianta le è stato attribuito poiché proprio lo scopritore dei territori australiani James Cook era solito preparare un infuso rinfrescante utilizzando le foglie di Melaleuca. In seguito non solo è rimasto il nome di Tea Tree a questa pianta, ma con il tempo se ne sono anche riscoperte tutte le qualità benefiche e curative già conosciute dagli aborigeni.

L’olio essenziale estratto da questa pianta ha un odore molto forte, così come il sapore; tutte le proprietà curative attribuite a questa pianta derivano principalmente dall’utilizzo di questo particolare olio essenziale.

L’olio estratto dalla pianta di tea tree ha capacità antisettiche, antimicotiche, antibatteriche e antivirali, funziona in maniera ottima come deodorante ed ha anche un leggero potere anestetico. Per quanto riguarda la composizione di quest’olio si contano circa 48 composti differenti, ed è per questo che si tratta di una sostanza in grado di alleviare così tanti problemi. In particolare sono però due gli elementi che svolgono un’attività salutare: il Terpinene e il Cineolo. Questi due elementi devono essere contenuti in una percentuale ben precisa (cioè oltre il 30% e meno del 15%), in maniera tale da rispettare le giuste quantità contenute in natura all’interno dell’olio di Melaleuca, quantità maggiori inoltre risulterebbero quasi sicuramente irritanti.

Sfruttare al meglio le capacità del Tea Tree

Melaleuca,

Melaleuca, conosciuta anche come pianta del the

Dopo aver capito cos’è il tea tree è importante sfruttarne al meglio le capacità curative e le proprietà. Per prima cosa è consigliabile scegliere se utilizzare l’olio essenziale puro, oppure in concentrazioni minori – quindi diluito in liquidi o pomate. Naturalmente dipende dall’utilizzo che ne dovrete fare di questa sostanza, ma soprattutto dipenderà dalla sede di applicazione della stessa. Se vengono rispettate le concentrazioni dei vari elementi che lo compongono il tea tree non è una sostanza irritante, normalmente può quindi essere utilizzato puro, è comunque consigliabile evitare soprattutto in zone delicate, come ad esempio le mucose. Abbiamo già elencato quali sono le proprietà del tea tree, possiamo quindi utilizzare questa sostanza per curare dermatiti, piccole ustioni, punture di insetti, eritemi, micosi, acne, herpes e tutta una serie di infiammazioni cutanee di lieve entità.

Naturalmente in caso di disturbi diffusi e persistenti consigliamo sempre di contattare il proprio medico curante e di evitare l’automedicazione.

Il tea tree può essere utilizzato anche per alleviare lievi disturbi delle mucose del cavo orale, come gengiviti, afte ed herpes labiali. Anche l’utilizzo del tea tree in lozioni può alleviare molti disturbi di lieve entità. Lo si consiglia infatti in caso di infezioni vaginali (sia per lavaggi esterni che interni), è perfetto per sciacqui e gargarismi, ma è anche ottimo per massaggi e in caso di tosse. L’utilizzo in crema può alleviare problemi di acne, sia eliminandola che contrastandone la ricomparsa, funziona infatti come potente antibatterico.

Studi sul Tea Tree in campo medico

Fonti mediche ufficiali attribuiscono al tea tree proprietà antimicotiche, antisettiche e antibatteriche. I primi studi sulle capacità antisettiche di questa sostanza risalgono agli anni ’20, negli anni ’30 il tea tree oil veniva prescritto normalmente per curare infezioni micotiche di vario tipo. Con la fine della guerra è aumentato l’uso massiccio di antibiotici e farmaci di sintesi, rallentando quinti l’utilizzo di sostanze naturali.

Tea Tree Oil dai molteplici usi

Tea Tree Oil dai molteplici usi

La rinascita si attesta negli anni ’60, con la riscoperta della medicina tradizionale e delle sue virtù. A partire dagli anni ’70 sono anche ricominciati gli studi scientifici per testarne in maniera puntuale le proprietà. Nel 2006 è stata condotto un importante studio sulle proprietà del Tea Tree Oil da parte di un team di microbiologi australiani. Tutte le loro impressioni sono state poi raccolte e pubblicate sulla prestigiosa rivista Clinical Microbiology Rewiews. Anche in questo caso è stata riscontrata una potente azione antibatterica e antifungina che rende il tea tree efficace al pari di antibatterici, antimicotici e antibiotici di origine farmaceutica.

Anche se esistono studi scientifici che attestano le capacità curative del tea tree oil vi consigliamo comunque di consultate il vostro medico in caso di problemi prolungati e persistenti. Ricordatevi inoltre che, anche se di origine naturale, gli oli essenziali spesso agiscono come i normali farmaci, se non peggio. State quindi attenti ad un uso prolungato di queste sostanze, rischiereste di causare danni maggiori di quelli che dovrebbero normalmente curare.

Duranta Repens: una novità sui toni dell'azzurro
La Duranta Repens è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Verbenacee. Questo esemplare è presente sul mercato da appena tre anni; il s...
Un'erbacea perenne dal fogliame che stupisce: il Coleus
Il genere Coleus è una pianta di origine tropicale, appartiene alla famiglia delle Labiatae, comprende circa 150 specie differenti e provenienti quasi...
Curare le piante al ritorno dalle vacanze
Quando si torna dalle ferie è facile trovare le proprie piante un po’ sofferenti. Servono solo poche mosse per riportarle al normale splendore; di seg...
Piante che fanno bene: il nespolo selvatico
Le nespole selvatiche presentano frutti di colorazione marrone chiaro, il periodo di maturazione coincide con il mese di novembre. Si tratta di frutti...
Resistono alle basse temperature: coltiviamo le Rose rugose o di montagna
Le rose contano un enorme numero di specie, varietà, ed esemplari differenti. Esiste un piccolo gruppo, quello delle rose rugose, decisamente di nicch...
Il cavolo ornamentale: perfetto da coltivare sul balcone
Il cavolo non è solo un ortaggio, esistono infatti molte varietà della pianta decisamente decorative. Questi particolari esemplari di ortaggio derivan...
Piante sempreverdi da appartamento: come sceglierle
Le sempreverdi sono gli esemplari perfetti da ospitare in appartamento. Si tratta di piante molto semplici da curare e molto resistenti, quindi partic...
Piante spontanee del Mediterraneo. Due lamiacee: il the siciliano e il camedrio femmina
Piante spontanee del Mediterraneo: Prasium majus, il the siciliano Il the siciliano è una labiata spontanea di molte regioni italiane che si affaccia...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!