Muri fioriti con le erbacce perenni

Le erbacee perenni sono tutte quelle piante con la tipica consistenza erbacea, o che più semplicemente non sono provviste di parti legnose.

Il loro ciclo vitale dura più anni. Comportamento tipico delle erbacee è di perdere la parte aerea durante i mesi invernali, per poi dar vita a nuovi germogli la primavera successiva.

Esistono poi delle eccezioni, come la Vinca Minor o la Iberis Sempervirens, in grado di mantenere il fogliame anche nei mesi più freddi.

Piante perenni, cosa sono?

Arabis Alpina

Una pianta perenne: l'Arabis Alpina

Le piante perenni sono principalmente conosciute nei territori d’oltralpe. In Italia se ne impiegano un numero limitato di specie e non sono particolarmente diffuse.

Ciò è riconducibile principalmente a motivazioni climatiche: nei paesi del nord le piogge sono distribuite meglio durante tutto il periodo vegetativo, in più gli sbalzi climatici sono limitati.

Inoltre queste piante, essendo molto più conosciute, nei paesi nordici hanno una commercializzazione molto più capillare e continua. Le perenni conosciute in Italia si possono trovare principalmente nei mesi primaverili, in concomitanza con la loro fioritura.

La gran parte delle erbacee perenni che hanno fioritura estiva ed autunnale sono praticamente sconosciute; nei mesi primaverili o sono ancora in riposo vegetativo oppure si presentano solo con qualche fogliolina.

Motivo per il quale l’acquirente non è ben disposto verso l’acquisto della pianta.

Perché apprezzare le erbacee perenni

Le erbacee perenni sono apprezzate principalmente per la vasta gamma di fiori che producono, variabili per forma e colori. Ne esiste anche una vasta gamma dotata di fogliame molto decorativo, sia grazie al colore che alla consistenza e tessitura delle foglie stesse.

Aubrieta deltoidea

Un'erbaccea perenne: l'Aubrieta deltoidea

Per piante dal fogliame rigoglioso è possibile allungare la stagione di interesse dell’aiuola, non limitandolo solamente alla presenza dei fiori. Il fogliame infatti durerà molto più a lungo della fioritura.

Caratteristiche delle erbacee perenni e utilizzo

La dimensione delle erbacee perenni varia molto; può passare dai pochi centimetri del Thymus, fino ai due metri dell’Heracleum mantegazzianum. Questa enorme versatilità permette un numero infinito di combinazioni di forme e di abbinamenti difficilmente possibili con altre specie di piante.

Le erbacee perenni vengono utilizzate come piante da bordatura, lungo vialetti e percorsi pedonali. In alternativa si possono utilizzare per creare aiuole o possono essere inserite in giardini rocciosi e muri a secco. Un altro interessante utilizzo può essere quello di collocarle come sottochioma di alcuni alberi.

Il muro fiorito

Campanula  Carpatica

Campanula Carpatica

Di seguito elencheremo alcune tra le specie più frequentemente utilizzate nei giardini rocciosi e nei muri fioriti.

Il muro fiorito nello specifico è un muro utilizzato come divisorio o contenimento. Realizzato con sassi posati a secco o con poca malta avrà al suo interno degli spazi vuoti nei quali è possibile inserire delle erbacee.

Sono anche reperibili dei muri prefabbricati, realizzati in cemento, studiati in maniera tale da avere al proprio interno delle cavità che andranno riempite di terriccio adatto.

All’interno sarà possibile porre delle perenni in grado di rendere più bello il muro stesso sia con le fioriture stagionali che con i cuscini di vegetazione.

Le specie più adatte per un muro fiorito

Arabis Alpina

Appartiene alla famiglia delle brassicacee, è originaria dell’Eurasia e del Nord America. In Italia cresce spontaneamente  tra Alpi e Appennini.

E’ una pianta di tipo strisciante o ricadente, ha un’altezza tra i 10 e i 20 centimetri e raggiunge una larghezza di 40 – 50 centimetri.

Ha foglie piccole di forma oblunga e con bordo dentellato, queste in più sono ricoperte da una leggera peluria che le conferisce una colorazione argentata.

In marzo fiorisce dando vita a fiori bianchi a quattro petali.

Di questa pianta ne esistono diverse varietà ibride con fiori dai colori rosa al porpora.

Per dar maggior vigore alla pianta, se non si decide di raccoglierne i semi, dopo la fioritura si consiglia di recidere gli steli florali.

Questa pianta perenne resiste bene al freddo, non necessita né di particolari cure, né di un particolare substrato, anche se è preferibile che sia fresco.

Aubrieta deltoidea

Anche questa pianta appartiene alla famiglia delle Brassicacee. Si tratta di una specie di origine mediterranea, dalle dimensioni modeste e di tipo strisciante. Origina cuscini sempreverdi fioriti durante tutto l’anno e abbondanti fioriture all’inizio della primavera.

Ha fogli piccole, dal colore verde brillante e ricoperte da una leggera peluria. Il fiore è anch’esso piuttosto piccolo, fiorisce in grappoli nei mesi di marzo e aprile. Anche di questa varietà esistono molti ibridi dalle colorazioni che vanno dal rosa al violetto.

muri fioriti Salvia Farinacea

Salvia Farinacea

Questa pianta resiste con qualsiasi tipo di terreno. Si adatta anche a suoli calcarei e non necessita di innaffiature durante il periodo estivo.

Campanula  Carpatica

Le campanulacee racchiudono circa 250 specie diverse di piante erbacee di tipo annuale, bi annuale o perenne. Sono originarie del continente europeo.

Questa pianta, originaria dei Carpazi, raggiunge un’altezza di 25 – 30 centimetri e un diametro di circa 30 – 40 centimetri.

Durante la fioritura da origine a siepi molto vistose. Ha foglie piccole dal margine arrotondato e seghettato, dal colore verde chiaro, persistenti anche nei mesi più freddi.

Ha un fiore largo a forma di calice dal colore blu – viola o più tipicamente bianco.

Fiorisce in estate e si adatta molto bene ai giardini rocciosi, ma può essere collocata anche nelle tasche dei muri. Resiste bene in pieno sole e necessita solo di un substrato ben drenato.

Salvia Farinacea

Quest’erbacea perenne è originaria dell’America centrale e meridionale.

Le foglie di questa pianta, a differenza delle altre specie di salvia, non sono profumate; in più sono lisce e piuttosto sottili, di forma allungata, verde chiaro brillante sulla parte superiore  e grigiastro su quella inferiore.

Hanno la particolarità di essere ricoperte di pruina, una particolare patina che se strofinata da una sensazione simile a quella della farina, ed è da qui che ne deriva il nome.

Il fiore cresce su piccole pannocchie che crescono dal centro della pianta. Solitamente è di un bel blu acceso, ma è possibile trovarne varietà bianche e rosa.

Fiorisce ininterrottamente da aprile a novembre.

Progettare il giardino:L’impiego del colore nella creazione dei giardini
L’impiego del colore nel giardino Nella progettazione del giardino capita sovente di dover effettuare delle scelte che riguardano gli accostamenti ...
Tipi di fiori differenti e infiorescenze
Chi è appassionato di giardinaggio e di fiori riesce a riconoscere quasi sicuramente i fiori di molte piante. Questa operazione risulta più complicata...
SARRACENIA: una pianta carnivora ornamentale
Le piante carnivore vengono viste sempre come delle specie affascinanti, in quanto presentano delle caratteristiche insolite rispetto alle normali pia...
Il Sedum: una pianta succulenta da fiore
Il sedum è una pianta multiforme diffusa su tutto il territorio: è facile trovarlo sia nelle regioni caratterizzate da clima tropicale che in quelle a...
Consigli su come curare i giardini rocciosi in estate
La stagione estiva è sempre il periodo più problematico per tutte le piante. Anche il giardino roccioso non fa eccezioni e ha bisogno di cure spec...
Come fare il compostaggio ed una compostiera fai da te
Il compostaggio è una tecnica di uso comune in grado di trasformare tutti i rifiuti verdi in ottimo concime di prim’ordine. In più si tratta di una pr...
Le piante in casa: fertilizzazione e trattamenti fitosanitari
Normalmente le piante da appartamento riescono a crescere al meglio se si soddisfano i loro bisogni di acqua, luce e terra; ogni pianta ha poi necessi...
Giardinaggio di ottobre: curare alberi, arbusti, rosai e prati
La nuova stagione è alle porte, ma l’estate ha lasciato il segno del suo passaggio. Con l’abbassarsi delle temperature e l’aumentare delle intemperie ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!