La potatura estiva o potatura verde

La potatura comprende una serie di interventi che servono a modificare in maniera completamente naturale il modo di vegetare e di produrre frutti di una pianta.

Non si tratta quindi semplicemente di praticare dei tagli, è un’operazione molto più complessa, consiste principalmente nel modificare la forma della pianta.

Potatura

Potatura

Gli obiettivi principali che si vogliono raggiungere con le operazioni di potatura sono:

  • Cercare di dare una forma più idonea e aggraziata alla pianta, in maniera tale da gestire al meglio le quantità di luce.
  • Accelerare lo sviluppo degli esemplari più giovani, per far raggiungere loro nel minor tempo possibile la struttura definitiva.
  • Veicolare al meglio ogni forma di nutrimento prodotto dalla pianta, cercando di evitare gli sprechi.
  • Estendere il ciclo produttivo sia di fiori che di frutti.

La potatura verde

Una particolare forma di potatura è quella estiva, che viene comunemente chiamata “verde”. E’utile praticare potature nei mesi estivi soprattutto per contenere lo sviluppo eccessivo, anzi in alcuni casi lo potremmo tranquillamente definire “esuberante”, di un certo numero di piante.

Attrezzi potatura

Attrezzi potatura

Inoltre le potature sono importanti per rendere minima la possibilità di eventuali attacchi fungini e parassitari. Realizzare potature può essere anche un valido aiuto per preservare una quantità di energie prodotte dalle piante, in questo modo potranno essere utilizzate in maniera più proficua per permettere lo sviluppo di nuovi fiori e di frutti.

Nei mesi primaverili si concentra la maggiore attività delle piante, è proprio in questo periodo rigoglioso che si sviluppano nuovi rami e si rafforzano i fusti, spesso addirittura in maniera eccessiva. Uno sviluppo esagerato rischia purtroppo di andare a discapito della pianta.

In primavera anche le avversità climatiche o eventuali attacchi di parassiti creano dei problemi: possono far seccare parti della pianta, creando fastidiosi inestetismi o asimmetrie nel portamento dell’esemplare.

E’ proprio per evitare il protrarre questo tipo di situazioni che è importante pianificare interventi di pulizia mirati. Questi saranno l’ideale per riequilibrare il portamento della pianta, ma soprattutto daranno nuovo vigore allo stato vegetativo.

Potature con tagli su misura

Con l’arrivo dell’estate giunge anche il periodo propizio per praticare alcuni tipi di interventi di potature specifici. Ora le piante si trovano in una fase vegetativa ancora piuttosto attiva, questo favorisce anche il processo di cicatrizzazione, rendendolo notevolmente più rapido. Ogni tipo di ferita che si creerà con interventi, anche regolamentari, di potatura, riuscirà a guarire, garantendo una significativa ricrescita in tempo per la fase di riposo invernale.

E’ molto importante comprendere che gli interventi di potatura non devono essere drastici. In più ogni pianta ha le sue esigenze, queste devono essere rispettate al meglio. Sarà quindi fondamentale, prima di procedere con qualsiasi tipo di operazione, conoscere individualmente ogni esemplare, in maniera tale da coglierne ogni specifica necessità.

Eseguire la cimatura

Uno dei compiti principali della potatura è quello di ridare una forma ordinata alla chioma della pianta, migliorandone la traspirazione.

Potatura estiva

Potatura estiva o potatura verde

E’ quindi molto importante eseguire la cimatura: questa operazione consiste nell’eliminazione delle terminazioni apicali dei rami. Oltre ad essere molto utile per limitare lo sviluppo in altezza dell’esemplare, la cimatura serve anche per migliorare il processo di lignificazione dei rami e per favorire lo sviluppo dei getti laterali.

Come per qualsiasi taglio praticato anche questo renderà più compatta la chioma e sarà utile ad eliminarle gemme apicali in eccesso. Grazie a questa operazione gran parte del nutrimento della pianta non sarà più sottratto per far crescere a dismisura alcune parti.

L’importanza di migliorare la luminosità con la potatura estiva

Come già è stato ribadito le operazioni di potatura estiva servono principalmente per cercare di contenere le dimensioni delle piante. Quando si eliminano le foglie e i rami si causa una riduzione del processo di fotosintesi, questo causa un minore apporto di sostanze nutritive alla pianta, con conseguente rallentamento del processo di crescita.

Potando le piante si devono eliminare tutti quei rami che presentano una crescita troppo fitta. L’eccessiva vicinanza impedisce alla luce di filtrare nelle parti più interne della pianta.

E’ sempre buona norma evitare di tagliare i rami più grandi.

Progettare il giardino:L’impiego del colore nella creazione dei giardini
L’impiego del colore nel giardino Nella progettazione del giardino capita sovente di dover effettuare delle scelte che riguardano gli accostamenti ...
La Viola del Pensiero: un fiore invernale
Le viole del pensiero sono piante ibride dalla vita breve, della durata un anno o massimo due. Provengono dall’Europa e dalla Turchia. Queste piante ...
Impianti di irrigazione: tipologie per irrigare al meglio
Innaffiare le piante è senza dubbio un impegno, si è ripagati dallo spettacolo offerto dalla natura: l’odore di terra bagnata, le gocce su foglie e fi...
Piantare a Giugno l’Amaryllis per avere una fioritura di fine estate
Durante tutto il mese di giugno sarà possibile mettere a dimora l’Amaryllis. La varietà Amaryllis Belladonna è una pianta originaria dei territori del...
La semina nell'orto e i trapianti nel mese di settembre
Dopo aver ripulito le aiuole da tutte le coltivazioni estive ormai esaurite è il momento giusto per iniziare a seminare e piantare i nuovi ortaggi che...
Il cavolo ornamentale: perfetto da coltivare sul balcone
Il cavolo non è solo un ortaggio, esistono infatti molte varietà della pianta decisamente decorative. Questi particolari esemplari di ortaggio derivan...
La luna di novembre
Durante il mese di novembre l’abbassamento della temperatura è percepibile da tutti. In più diminuiscono le ore di luce e aumenta l’umidità. L’insieme...
Piante spontanee del Mediterraneo. Due lamiacee: il the siciliano e il camedrio femmina
Piante spontanee del Mediterraneo: Prasium majus, il the siciliano Il the siciliano è una labiata spontanea di molte regioni italiane che si affaccia...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.