Seguire il calendario lunario di giugno 2011

Nel mese di giugno tutta la Natura è in piena attività: giardini e balconi sono rigogliosi, ma sta per arrivare il caldo.

In questo mese è molto importante rispettare il ritmo della luna per ciò che riguarda orto e frutteto. Non dimentichiamoci comunque che anche le piante di casa subiranno l’effetto positivo dell’arrivo del solstizio d’estate.

Succede nel mese di giugno: arriva l’estate

Solstizio d'estate

Solstizio d'estate

La luna nuova compare la notte del 1° giugno; il plenilunio si raggiunge durante la notte del 15 giugno.

Una fitta rete di leggende e di tradizioni antichissime attribuisce ai giorni del solstizio d’estate, il 21 giugno, un valore enorme per la campagna. Il solstizio rappresenta infatti la fertilità femminile e simboleggia la salute.

Il solstizio rappresenta il momento in cui il sole, durante il suo moto apparente lungo l’eclittica, raggiunge il punto di declinazione massima nel nostro emisfero. Quest’anno si verificherà il 21 giugno alle 17.16.

Questo fenomeno subisce un ritardo di circa sei ore ogni anno, precisamente 5 ore, 48 minuti e 46 secondi.

Ogni quattro anni, a causa degli anni bisestili, si riposiziona indietro.

Gli anni bisestili sono stati introdotti proprio per evitare un progressivo disallineamento delle stagioni rispetto al calendario. Ed è proprio per questa ragione che in alcuni anni il solstizio d’estate si verifica il 20 giugno e non il 21 come da tradizione.

La lavanda: pianta di giugno

E’ proprio la lavanda la pianta che rappresenta meglio il mese di giugno. E’ infatti in questa stagione, con l’arrivo dei primi caldi, che la sua fragranza si esprime al meglio. La lavanda, tipica delle aree del mediterraneo, resiste bene al caldo intenso e tollera di buon grado la salsedine.

Lavanda

Lavanda

Per crescere al meglio predilige un tipo di substrato fertile e ben drenato, ma si adatta senza particolari problemi ad ogni tipo di terreno, anche quelli più poveri e sassosi.

Non ha bisogno di essere innaffiata troppo, solitamente bastano innaffiature medio – scarse. Se durante la primavera – estate si verificano periodi di forte siccità si deve aumentare la quantità d’acqua. Se coltivata in vaso è opportuno che il terreno sia completamente asciutto prima di un nuovo apporto d’acqua.

Con luna crescente, subito dopo il periodo di fioritura, si dovrà eseguire una potatura, in maniera tale da restituire una forma compatta alla pianta.

Seguire il calendario lunario di Giugno 2011

In giardino

Siepe di ligustro

Siepe di ligustro

Con la luna calante vanno spuntate le siepi di ligustro, lauroceraso e tutte le siepi nelle quali si riscontra una crescita particolarmente disordinata dei rami. Accorciate di circa un terzo della lunghezza totale.

Il prato va tenuto sotto controllo. L’erba bassa risulta essere maggiormente sensibile al fenomeno della siccità. Sarà quindi opportuno far passare più tempo tra un taglio e l’altro, in più alzate l’altezza di taglio.

L’erba va tagliata in luna calante e luna nuova, nel tardo pomeriggio, quando questa sarà asciutta e non più esposta ai raggi diretti del sole.

Nell’orto e nel frutteto

Con la luna crescente è il momento di seminare: bietole da costa, cavolo cinese, ogni tipo di fagiolo, tutti i tipi di zucchine, ravanelli e valerianella. Trapiantate invece: indivia, lattuga, sedano e radicchio precoce.

Le erbe aromatiche vanno raccolte per essere messe ad essiccare con luna crescente. Leggende narrano che le erbe aromatiche fresche raggiungano il

Piante aromatiche

Piante aromatiche

punto massimo delle loro virtù e del loro profumo la notte delle streghe, cioè il 24 giugno. Nello stesso giorno vanno raccolte le noci per produrre il liquore Nocino.

In casa e in balcone

Con la luna calante è il momento di rimuovere foglie e fiori secchi dal terrazzo.

Questa operazione è indispensabile per evitare la rapida propagazione di malattie crittogamiche: il caldo e il clima afoso ne favoriscono la diffusione rapida.

I fiori recisi: come sceglierli e conservarli
Quando si vogliono acquistare dei fiori, da regalare o per fare una composizione, l’obiettivo deve essere di trovarli il più freschi possibile, in man...
Lavanda: profumo e colore di Provenza
La lavandula officinalis appartiene alla famiglia delle Labiate. Si tratta di un piccolo arbusto sempreverde, che raggiunta la maturazione può raggiun...
Le peonie risvegliano il giardino in primavera
Le peonie appartengono alla famiglia delle erbacee che durante l’inverno si essiccano completamente, per poi svegliarsi con l’inizio della primavera, ...
L’orto e il frutteto in piena estate
Le temperature si alzano, l’acqua piovana scarseggia, le operazioni da svolgere nell’orto e nel frutteto per far crescere al meglio le piante aumentan...
Piante rampicanti da vaso: la Thunbergia Grandiflora
Si tratta di una rampicante, meno nota rispetto alla più famosa e diffusa Thumbergia Alata: una pianta decorativa stagionale venduta in piccoli vasi, ...
Preparare il prato ai mesi freddi
Il prato è la parte del giardino che necessita delle cure maggiori; se si tratta inoltre di una varietà particolarmente delicata, solitamente con erba...
Il fico, albero coltivato da millenni
Il nome scientifico del fico è Ficus carica, con riferimento al fatto che questa pianta si ritiene abbia origine in Asia minore e precisamente nella r...
L'orto in casa: un corso per i dipendenti
Un corso per l'orto in casa A partire dal 6 giugno Whirlpool,  azienda leader a livello mondiale nella produzione e commercializzazione di grandi ele...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!