Venaria Reale: riapre il Potager Royal

Dopo più di due secoli di degrado e circa 10 anni per il restauro finalmente riapre il 16 Aprile il Potager Royal. Sarà l’orto più grande d’Italia, ma non solo. Si tratta infatti di un giardino sensoriale collocato nel complesso della Venaria Reale, residenza Sabauda nei pressi di Torino.

Qui si possono ritrovare finalmente aromi e sapori tipici delle tavole riccamente imbandite durante pranzi e cene di Casa Savoia, senza dimenticare lo sfondo barocco che fa da cornice.

Si conclude il restauro a Venaria Reale della residenza sabauda

Potager Royal - inaugurazione

Potager Royal a Venaria Reale - inaugurazione

Quella appena effettuata è stata una ricostruzione nei minimi particolari, che finalmente porta a conclusione il restauro totale della residenza di campagna, nonchè della residenza di caccia della famiglia Sabauda.

Proprio in concomitanza con i festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia potremo ritornare a beneficiare della magia settecentesca di quest’orto ornamentale, vanto della famiglia Savoia.

Si tratta di ben 10 ettari di percorsi botanici, colture estensive, aree lasciate semplicemente a prati, vasche e giochi d’acqua; in più ci sono aree coperte che ospitano fioriture e ortaggi che necessitano un ambiente protetto.

La biodiversità è ospitata in un contesto straordinario, ricco di colori e sapori differenti, ma soprattutto ricco di suggestioni scenografiche che lasceranno senza fiato chi visiterà l’area; il tutto in armonia con il contesto nel quale è immersa la residenza.

Il Potager Royal e il percorso storico all’interno dei Giardini di Venaria Reale

La piantumazione lungo tutto il percorso è stata effettuata utilizzando rigorosamente specie piemontesi storiche, risalenti al periodo di splendore del giardino.

Potager Royal

Potager Royal

Allora ritroveremo una gran varietà di ortaggi e cereali tipici della zona piemontese; alberi di pesco, susino, albicocco e pomacee, anche questi rigorosamente storici; in tutto questi alberi sono 1700, disposti in forme assolutamente regolari sono stati fatti crescere per poi esser potati con una tecnica secolare definita “a palmetta”.

Il progettista Maurizio Reggi spiega che per questo spazio ci si è basati sull’iconografia settecentesca ma anche sui menù di corte dell’epoca, per ottenere una fusione tra elementi scenografici e zone di produzione.  Il potager, nel rispetto dell’estetica del XVIII secolo,è un’interpretazione contemporanea, basata sui principi dell’archeologia; la complessità nasce dal fatto che i terreni utilizzati non sono coltivati da moltissimi anni, e quindi si sperimentano colture che possano adattarsi all’ambiente senza bisogno di sostanze chimiche.

Non solo percorso storico, ma anche culturale e sensoriale

Giardini Venaria Reale

Giardini Venaria Reale

Lo spazio appena restaurato non sarà solamente uno spazio da ammirare, ma l’intento è quello di farlo diventare uno spazio da vivere.

L’orto rappresenta un’enorme ricchezza di saperi: verranno organizzate visite guidate all’interno dello spazio; Si potranno vivere esperienze uniche grazie a laboratori di educazione sensoriale e orticultura; si organizzeranno corsi di cucina tradizionali dell’epoca e interessanti degustazioni dei prodotti dell’orto, cucinati in maniera tradizionale; sarà quindi un enorme laboratorio di sperimentazione.

Sarà l’ambiente stesso che riuscirà a coinvolgere il visitatore. Alcune aree specifiche, come l’apiario o la serra – semenzaio e il compostaggio, diventeranno dei veri e propri luoghi di approfondimento storico culturale, dove apprendere le tecniche di coltura dell’epoca, in un contesto fuori dal comune.

In più all’interno della Reggia di Venaria, nel periodo che va dalla primavera all’autunno, sarà possibile acquistare le eccellenze prodotte all’interno del Potager, per poterci sentire anche noi un po’ i Reali dell’epoca.

Theatrum Sabaudiae Venaria Reale

Theatrum Sabaudiae Venaria Reale

La Venaria Reale diventa quindi punto focale dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia con la conclusione del restauro. Per sabato 16 aprile, giorno dell’inaugurazione, l’ingresso ai giardini, e al Potager Royal compreso, sarà gratuito. Inoltre potrete usufruire di “visite narrate” all’interno dell’area, e approfittare anche per ammirare il Nuovo Canale dell’Allea dell’Ercole e la giostra da favola del Fantacasino di caccia.

I giardini rimangono aperti anche nelle giornate di Pasqua e Pasquetta, portateci i vostri bambini e, se siete in carenza di zucchero, vi consigliamo anche le Colazioni Reali servite alla Garden House.

Le malattie fungine delle rose: come proteggerle
Le rose non vanno difese semplicemente dai parassiti a noi ben noti. Esiste infatti una serie di malattie, denominate fungine, che rischiano di danneg...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in giugno
Cosa fare nel mese di giugno a seconda che ci si trovi al mare o in montagna. Piccoli consigli per far crescere al meglio le piante.
Piantare a Giugno l’Amaryllis per avere una fioritura di fine estate
Durante tutto il mese di giugno sarà possibile mettere a dimora l’Amaryllis. La varietà Amaryllis Belladonna è una pianta originaria dei territori del...
Scegliere le piante per l’acquario domestico
Per la realizzazione di un acquario che si rispetti è necessario introdurre anche delle piante acquatiche. Queste piante non si limitano ad assolvere ...
I lavori di settembre: cosa fare nell’orto e nel frutteto
Ecco la l’elenco dei lavori da eseguire nel mese di settembre per mantenere al meglio orto e frutteto.
Cura di orto e frutteto in previsione del riposo invernale: come mantenere il terreno
La stagione fredda, nonostante comporti il riposo vegetativo della maggior parte delle piante, è comunque un periodo di forte stress per il terreno. P...
Luce e piante, un binomio indissolubile
Lo sviluppo degli esseri viventi è fortemente determinato da alcuni fattori esterni principali, che vengono pertanto definiti fattori di crescita. Nel...
Curare l’orto in tutte le stagioni: coltivare i broccoli
Ogni pianta può sviluppare patologie differenti. In questo articolo cercheremo di conoscere un po’ meglio la pianta dei broccoli, per poi capire quand...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!