Coltivare pomodori verdi, rossi, gialli o neri

Se si possiede un orto non si può non coltivare i pomodori. E’ comunque necessario tener presente che questi ortaggi sono tra i più sensibili ai problemi fitosanitari.

Il fenomeno della “stanchezza del terreno” è sempre in agguato ed è il maggiore imputato del prolificare dei parassiti, poiché indebolisce e rende più sensibile le piante.

Coltivare pomodori

Pomodoro Tyty

Per ovviare a questo problema si deve evitare di coltivare, sulla stessa area, pomodori o altri ortaggi della famiglia delle Solanacee (come peperoni e melanzane) per almeno tre cicli colturali di seguito. Per arricchire nuovamente il terreno si consiglia di coltivare Cucurbitacee come zucchini, meloni, angurie e cetrioli.

Coltivare pomodori di tutti i colori

Prima di trapiantare i pomodori si deve lavorare bene il terreno fino ad una profondità di 25 – 30 centimetri. Durante la lavorazione del terreno vanno aggiunti fosforo, potassio e letame maturo; l’azoto invece va somministrato dopo il trapianto, ripetendo l’operazione almeno 2 o 3 volte. E’ consigliabile unire all’acqua d’irrigazione quantità di calcio, utili ad evitare fenomeni di marcescenza localizzati all’apice del frutto.

Lo sviluppo della pianta deve essere equilibrato, sarà quindi opportuno eseguire regolarmente la sfemminellatura: questa pratica consiste nell’eliminazione dei getti fogliari che tendono a svilupparsi tra le foglie. Eseguite l’operazione con lame o cesoie ben affilate, in modo tale da ridurre al minimo il pericolo di infezione o eventuali lesioni.

Pomodoro Monchery

Pomodoro Monchery

La cimatura è utile per avere una produzione precoce e si realizza eliminando l’apice vegetativo. Questa pratica accorcia la durata vegetativa dell’esemplare, quindi è opportuno eseguirla solo su un numero limitato di piante.

I pomodori vanno innaffiati molto ma non spesso. Soprattutto le nuove piantine, per la crescita, hanno bisogno di grandi quantità di acqua; in seguito sarà opportuno che il terreno non si inaridisca, ma è necessario non innaffiarle troppo.

Per tutelare la salute della pianta si può scegliere di eliminare qualche pomodoro ancora verde, ciò serve per avere un raccolto di dimensioni più grosse. Un problema tipico dei pomodori sono le scottature sulla buccia: si deve stare molto attenti quando si bagna la pianta nelle ore più calde e si deve evitare con cura di bagnare il frutto, meglio innaffiare dal piede. Si deve stare anche molto attenti alle spaccature sui frutti, causate principalmente da squilibri di irrigazione: queste purtroppo consentono il presentarsi di malattie fungine.

Tante varietà di pomodori rossi

  • Iskram: è un pomodoro a grappolo, costituito da 5 o 6 frutti. Si deve raccogliere quando assume il colore rosso da piena maturazione. Raggiunge una pezzatura media di circa 130 grammi. Dopo la raccolta è possibile conservare il frutto fino a 15 giorni.
  • Tyty: si tratta di un pomodoro ciliegino a grappolo rosso. Ha un gusto fruttato e una consistenza particolarmente croccante. E’ ideale da consumarsi crudo, ma è ottimo anche per realizzare marmellate. Nel 2007 è stato premiato con il Grappolo d’Oro.
  • Cuore di Bue: è un pomodoro classico e ben conosciuto, principalmente nelle varietà di Piemonte e Liguria. Ha la particolarità di crescere bene anche in climi freschi.
  • Dunne: è un datterino dal gusto dolce. Si raccoglie in grappoli quando i frutti allungati raggiungono una colorazione rosso intenso.
  • Ciliegia: è il pomodoro più adatto per essere coltivato in vaso. Saranno necessari pochi vasi, da tenere in un luogo soleggiato anche del vostro balcone, per gustare ogni giorno qualche pomodoro appena colto. L’ibrido “Monchery” è molto produttivo, ha i tipici frutti rotondi dal rosso intenso, il gusto è piuttosto dolciastro.

Pomodori neri: i “Sun Black”

Pomodoro Sun Black

Pomodoro Sun Black

Esiste una varietà di pomodoro, il “Sun Black”, caratterizzato da buccia nera e polpa rossa. L’esemplare sintetizza il ritorno al passato con la ricerca scientifica dei laboratori italiani.

Il pomodoro selvatico, prima dell’addomesticazione e della creazione di innumerevoli varietà, era ricco di sostanze antiossidanti.

Questo pomodoro ha una quantità maggiore di antiossidanti rispetto a quelli normalmente in commercio, necessita però di un ambiente protetto di coltivazione, in modo tale da evitare danni dovuti alla scarsa illuminazione, come per esempio una germinazione scarsa e protratta alla ricerca di luce (fenomeno noto come “filatura”).

Pomodori gialli di Puglia

Pomodori gialli

Pomodori gialli

I pomodori gialli datterini sono più noti: si coltivano facilmente anche in vaso e hanno un gusto molto dolce.

Il pomodoro giallo è anche una delle varietà più vecchie coltivate nei territori della Puglia.

L’origine pare sia direttamente il Nuovo Mondo. Inizialmente questa varietà era utilizzata come pianta ornamentale: il “pomo d’oro”.

Pomodori verdi ma maturi

E’ possibile raccogliere i pomodori quando sono ancora verdi, soprattutto se si devono usare per realizzare marmellate. Esiste però una varietà di pomodori, “Emerald Evergreen”, che mantengono la colorazione verde anche a maturazione completata.

Un’altra particolarità è quella dei pomodori striati, fra tutti ricordiamo le varietà “Big Rainbow”, “Zebra” e “Marvel Stripe”. E’ possibile trovare le sementi con facilità anche su internet.

Consumare i pomodori secchi

Prima di essiccare i pomodori è opportuno lavarli con attenzione, asciugarli e tagliarli in due.

Pomodori verdi

Pomodori Zebra

Successivamente vanno posti su una graticola e salati a dovere, questa va messa al sole – in un luogo dove il sole è intenso e costante – e inclinata.

Per evitare che i frutti si impolverino o che vengano attaccati dagli insetti proteggeteli con un velo di tulle. In serata, per non interrompere il processo di essiccazione, vanno portati in un luogo chiuso e asciutto. Il mattino dopo, girandoli, si possono riportare al sole.

I tempi di essiccazione non sono costanti, variano a seconda del luogo e delle condizioni climatiche. Una volta persa ogni traccia di umidità saranno pronti.

Per accorciare i tempi è possibile utilizzare un essiccatore domestico: si tratta di un semplice attrezzo elettrico che funziona disidratando rapidamente ogni tipo di frutto o ortaggio.

L'ORTO d'appartamento
Se si abita in città spesso diventa difficile riuscire a realizzare il proprio orticello. La mancanza di giardini privati disponibili e le case...
Gli attrezzi per il giardinaggio: il kit giusto del perfetto giardiniere
Amanti della natura e della coltivazione alle prime armi, state bene attenti. Questo è un articolo che tende ad informarvi sui principali accessori...
Piante officinali, piante medicinali e piante aromatiche
L’origine del nome è latina; deriva dalla parola “officina”, che si riferisce ai laboratori farmaceutici dove si lavoravano le erbe per creare compost...
Ad ogni pianta il suo terriccio
Quando si acquista una pianta in vivaio, non basta comprare un sacco di terriccio universale per essere sicuri che quello farà al caso suo. In ...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in Maggio
Nel mese di Maggio, con l'incalzare della primavera e di un clima più mite, ci sono molti lavori da fare in giardino e nell'orto che variano a seconda...
I lavori di settembre: cosa fare nell’orto e nel frutteto
Ecco la l’elenco dei lavori da eseguire nel mese di settembre per mantenere al meglio orto e frutteto.
Cosa coltivare nel mese di ottobre: prepariamo l’orto e il frutteto
Come ogni mese anche ad ottobre ci sono importanti lavori da svolgere sia nel frutteto che nell’orto. Alcuni di questi sono anche piuttosto importanti...
Il Topinambur (Helianthus Tuberosus): un colorato fiore autunnale
In autunno non sono poche le piante che fioriscono, è quindi possibile rallegrare il nostro giardino creando delle macchie di colore intenso anche...


2 Commenti di Coltivare pomodori verdi, rossi, gialli o neri

  1. Viskyar

    11 febbraio 2012 at 13:11

    Per favore, dove trovare i semi di pomodoro Black Sun?
    Ho molte varietà diverse, ma alla ricerca di nuovi ibridi di pomodoro nero con alto contenuto di antociani.

  2. Arch. Teresa PELLEGRINO

    28 maggio 2012 at 11:42

    Normalmente è possibile trovare varietà dei Black Sun nei Garden Center più forniti, soprattutto in Primavera. In alternativa è possibile ricercare i semi direttamente su internet.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!