Come potare le siepi sempreverdi

Potrebbe sembrare un’operazione priva di complicazioni, ma non è così. Mantenere la rigorosa forma geometrica di filari di arbusti non è per niente semplice: il taglio deve essere preciso e va eseguito più volte l’anno. Senza dubbio, per una buona riuscita, servono strumenti di lavoro ben affilati.

Eseguire il taglio durante l’estate

 potare le siepi

Potatura formale

A partire dal mese di giugno è possibile iniziare con il taglio di alcuni esemplari di siepi sempreverdi. Questo tipo di manutenzione serve principalmente per mantenere uniforme la struttura della siepe, ma soprattutto per continuare a garantirne un’ottima crescita grazie al ricambio continuo di foglie.

Tipi di potatura

E’ possibile potare le siepi seguendo due metodologie differenti. La potatura formale prevede il mantenimento della vegetazione secondo rigorose forme geometriche, per quanto riguarda invece la potatura informale solitamente si fanno crescere gli arbusti in maniera più libera, mantenendo comunque la struttura ordinata.

Solitamente sulla maggior parte delle siepi si esegue una potatura di tipo formale. Per questa potatura più rigorosa è importante l’impostazione di base da dare alla pianta: si deve prima di tutto promuovere una crescita dal basso verso l’alto praticando una potatura di formazione; questa prima potatura servirà per educare la pianta a crescere rimanendo legata ad una sagoma ben definita. E’ molto importante potare queste siepi regolarmente ogni anno.

Esiste poi un’altra categoria di siepi denominata a “forma libera”. In questo caso specifico si tratta in prevalenza di arbusti a foglia caduca, come biancospino, prugnolo, nocciolo e rosa. Qui le siepi si devono far crescere liberamente, in maniera tale da consentire una fruttificazione e fioritura assolutamente naturale.

Per un’ottima potatura utilizzare tosasiepi o forbicioni

Le siepi informali o libere non vanno tagliate in questo periodo dell’anno, perché si trovano in periodo di fioritura o fruttificazione; per quanto riguarda invece le siepi regolari e formali è il momento giusto per procedere con la potatura e il riordino degli esemplari.

Potatura siepi

Potatura siepi

Come accennato in precedenza il periodo estivo è quello più adatto per potare le specie appartenenti alla famiglia delle sempreverdi. Tra queste si possono sicuramente potare Barberis darwini, Taxus, Chamaecyparis lawsoniana, Cupressocyparis leylandii e Ligustrum.

Come prima operazione si deve iniziare a tagliare dalla parte più bassa, per stabilire per prima cosa la larghezza della base, risalendo si dovranno inclinare leggermente le lame delle cesoie, in maniera tale da ottenere una forma rastremata, cioè leggermente assottigliata verso l’alto.

Realizzando un taglio di questo tipo la pianta riuscirà a ricevere la quantità ottimale di luce solare da ogni parte, in più subirà minori danni causati dal peso eccessivo della neve invernale.

Gli strumenti ideali per eseguire delle buone tosature sono tosasiepi a motore, o in alternativa forbicioni con lame ben affilate.

Dopo aver completato la potatura è molto importante eliminare ogni tipo di residuo vegetale; questi infatti potrebbero trasformarsi in un comodo riparo per elementi patogeni in grado di attaccare la pianta.

Per tagliare in maniera regolare la parte superiore della siepe è necessario piantare dei picchetti, a questi si può fissare dello spago all’altezza desiderata, in maniera tale da realizzare un taglio lineare e dritto. In più questo spago sarà utile come punto di riferimento da seguire durante il taglio.

Come utilizzare in maniera corretta le lame di forbici e cesoie

  1. E’ importante che le lame di forbici e cesoie siano ben affilate. In questa maniera si eviterà di creare strappi antiestetici e pericolosi per la pianta, potrebbero infatti causare infezioni. Per realizzare un taglio preciso si devono tenere le cesoie sempre parallele al margine della siepe.
  2. Per realizzare un taglio di tipo lineare si consiglia di tendere una corda legata fra due paletti posti in maniera verticale a margine della siepe. Collocateli uno all’inizio e uno alla fine della siepe, seguiteli durante il taglio, vi serviranno come guida per realizzare un taglio preciso.

Le peonie risvegliano il giardino in primavera
Le peonie appartengono alla famiglia delle erbacee che durante l’inverno si essiccano completamente, per poi svegliarsi con l’inizio della primavera, ...
Pronto soccorso verde: si è ammalata l’Hosta
L’Hosta è una pianta dalle foglie molto grandi di colore verde acceso; si tratta di una pianta quasi indistruttibile; nonostante la crescita lenta può...
L’albero delle orchidee: la Bauhinia
Si tratta di una pianta non troppo conosciuta. Una volta vista vi colpirà grazie alla fioritura profumata e dalle tonalità rosa. Per crescere in piena...
La Delosperma: semplice da coltivare anche in vaso
La repentina diffusione della Delosperma va sicuramente attribuita ad un particolare esemplare di ibrido: Delosperma dyeri “Red Mountain”. Questo part...
La luna di ottobre 2011
Mentre l’autunno tinge la natura di colori caldi, le piante si preparano al tanto atteso riposo vegetativo. E’ necessario fin da ora preparare sia fio...
Cos’è la pacciamatura e a cosa serve
L’inverno è un momento complicato per l’orto e per il giardino, è molto importante tenere sotto controllo la salute delle piante. La pacciamatura è un...
Orto urbano o orto sul balcone?Idee per coltivare in città
Molti penseranno che coltivare in città sia un’impresa impossibile, invece esistono svariate soluzioni molto spesso poco conosciute. Ci sono per esemp...
Punteruolo rosso delle palme, quali sono le specie più resistenti da mettere in giardino?
L’arrivo in Italia del Punteruolo rosso delle palme, Rhynchophorus ferrugineus, avvenuto tra il 2005 ed il 2006, ha determinato, nel corso di 7 anni, ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!