Consigli per piantare e diradare i bulbi

Se si vuole garantire una fioritura abbondante per l’anno prossimo è il momento giusto per estrarre i bulbi di almeno due anni dal terreno.

Bulbi

Bulbi

Questa operazione può essere svolta a fine estate poiché in questo periodo tutte le bulbose primaverili hanno ormai perso la loro parte aerea. Alla base del bulbo inoltre si potrà osservare la presenza di nuovi bulbi: questi con il passare del tempo aumenteranno notevolmente la dimensione, per poi fiorire. In questo periodo è quindi necessario garantire ai nuovi esemplari un giusto grado di nutrimento, in maniera tale da farli prosperare nel miglior modo possibile.

E’ però importante evitare il sovraffollamento, solo in questo modo sarà possibile ottenere una moltiplicazione spontanea. Avere colonie troppo pronunciate è sicuramente controproducente per le piante.

Quando lo spazio è poco

Normalmente si consiglia di piantare le bulbose sempre piuttosto vicine, in maniera da ottenere un effetto “pieno”. Un comportamento di questo tipo rivela anche degli svantaggi, poiché un sovraffollamento di questo tipo può portare ad una fioritura scarsa: subentra infatti la competizione tra i vari esemplari per accaparrarsi le quantità necessarie di acqua e nutrimenti.

In più gli effetti di questa situazione possono essere constatati ad occhio nudo:

  • La vegetazione, prima della comparsa dei fiori, è densa ma poco vitale. Spesso non riesce a sostenersi su se stessa e cresce appoggiandosi ai fiori vicini.
  • Gli scapi fiorali non si sviluppano in maniera uniforme, spesso solo al centro del gruppo.

Quando si verificano condizioni di questo tipo diventa prioritario suddividere i bulbi, per garantire ad ognuno la giusta porzione di spazio, di luce e di nutrimento.

Quando realizzare il diradamento dei bulbi

Già durante il primo anno di fioritura si ha la comparsa di bulbilli. Queste nuove entità sono da subito completamente indipendenti.

Bulbi di Narcisi

Bulbi di Narcisi

E’ però dal secondo anno che si può procedere staccandoli dal bulbo originario per poi ripiantarli da soli. I bulbi si devono staccare solo quando la parte aerea è completamente disseccata: si può verificare che effettivamente sia così quando è possibile raccogliere le foglie da terra senza esercitare nessun tipo di trazione. Se le foglie oppongono resistenza vuol dire che sono ancora vitali. Non strappatele, poiché si può incorrere ad infezioni causate dalla ferita.

Ogni bulbo avrà un aspetto differente una volta estratto dal terreno. I narcisi presenteranno un certo numero di cespi attaccati in maniera salda alla base del bulbo principale. I tulipani e i muscari non presentano i nuovi bulbi attaccati a quello principale, la divisione infatti avviene direttamente estraendo i bulbi dal terreno.

Estrarre i bulbi dal terreno

Quando la parte aerea è quindi disseccata si deve procedere con l’estrazione del bulbo; si tratta di un’operazione piuttosto semplice. Di seguito elenchiamo

Crocus Yellow Mammoth

Crocus Yellow Mammoth

passo passo come procedere.

  1. Per prima cosa si deve smuovere il primo strato di terreno fino ad individuare dove sono posizionati i bulbi, questi andranno estratti con una forca a denti larghi, agendo lateralmente per evitare di provocare ferite. Dopo averli estratti tutti se ne deve valutare l qualità: tutti quelli feriti, eccessivamente piccoli, imperfetti o marci vanno eliminati.
  2. Se attorno al bulbo principale ce ne sono di secondari ben sviluppati si può procedere con la divisione. Normalmente durante questa operazione si provocano delle ferite, è importante che queste siano svanite prima di procedere interrando nuovamente i bulbi. Collocateli in un luogo asciutto e riparato dal sole per alcuni giorni.
  3. Quando i bulbi sono sani si può procedere con l’interramento. Ci si deve comportare come se si trattasse di un nuovo impianto. Va quindi scavata la buca, posto sul fondo uno strato di drenaggio e si può procedere con la piantumazione del bulbo. La profondità di scavo ottimale deve essere tre volte il diametro del bulbo da interrare. Dopo l’impianto procedere con la bagnatura del terreno, non si deve esagerare, basta che il terreno rimanga fresco e umido.

I bulbi da piantare adesso per ottenere fioriture nei mesi freddi

Soprattutto nei giardini del sud ci sono operazioni che vanno svolte anticipatamente rispetto ad altri luoghi. Per esempio, appena si esaurisce il grande caldo, arriva il momento di piantare i bulbi. Alcune varietà di bulbose, messe a dimora a fine estate, regaleranno un’ottima

fioritura all’inizio della stagione invernale. Normalmente si piantano gli iris precoci e i crochi.

Piantare i bulbi di Crocus

Crochi

Crocus Tommasianus

E’ facile considerare queste bulbose come esemplari tutti uguali, che differiscono solo per le differenti varietà cromatiche. In verità non è così; esistono infatti numerose specie differenti fra loro, ma riconducibili alla medesima tipologia morfologica.

I Crocus Vernus sono normalmente la specie più diffusa e coltivata. Si tratta di una varietà olandese: sono esemplari precoci ma piuttosto lenti nel moltiplicarsi. Si tratta degli esemplari più alti e più vigorosi, riescono infatti a crescere fino a 15 centimetri. E’ molto apprezzata la varietà Yellow Mammoth: ha fiori di colore giallo acceso, si trovano normalmente in cespi densi e sono le prime note di colore visibili in grado di anticipare la stagione primaverile.

La varietà Crocus Chrysanthus è di colore giallo chiaro, si tratta della varietà più piccola: non supera i 10 centimetri di altezza ed è adatto ai luoghi più caldi.

Il Crocus Tommasianus ha invece una colorazione violetta. Questo fiore viene spesso accostato all’iris reticolata, sia per la somiglianza cromatica che per l’epoca di fioritura.

Piantare i bulbi di Iris

bulbi iris

Iris Danfordiae

L’Iris Danfordiae è tra i più precoci, in grado di crescere tranquillamente anche nei territori del nord e di sfidare le basse temperature.

La pianta raggiunge i 15 centimetri di altezza, i fiori sono di un giallo intenso e non è difficile vederli spuntare tra la neve.

Le foglie di questa pianta, come in tutta la specie, cresceranno solamente dopo il periodo di fioritura.

SPATIFILLO: cure e caratteristiche della pianta
Il fiore di cui vi voglio parlare oggi, è molto amato in quanto risulta essere elegante e raffinato all'interno di ogni ambiente. E' una pianta...
Lavanda: profumo e colore di Provenza
La lavandula officinalis appartiene alla famiglia delle Labiate. Si tratta di un piccolo arbusto sempreverde, che raggiunta la maturazione può raggiun...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in giugno
Cosa fare nel mese di giugno a seconda che ci si trovi al mare o in montagna. Piccoli consigli per far crescere al meglio le piante.
Contro lo stress? La Maggiorana
La Maggiorana si confonde facilmente con l’origano, sia per l’aspetto che per l’odore molto simile, anche se la Maggiorana risulta molto più delicata ...
Il calendario lunario del mese di settembre
Con l’arrivo di settembre l’aria è più fresca, grazie anche ai tanto attesi temporali. Molte piante si risvegliano dal torpore, la ripresa vegetativa ...
Perché le piante di fico non fanno fiori?
Pensateci. Avete mai visto i fiori di una pianta di fico? Sicuramente vi ricorderete con facilità i fiori di meli, peri, susine, ciliegi e molti altri...
Resistono alle basse temperature: coltiviamo le Rose rugose o di montagna
Le rose contano un enorme numero di specie, varietà, ed esemplari differenti. Esiste un piccolo gruppo, quello delle rose rugose, decisamente di nicch...
Elleboro: la rosa che ama il freddo
Gli Ellebori sono piante di facile coltivazione in grado di regalare profumate fioriture invernali. Non è necessario un terreno particolare per coltiv...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!