Fioritura autunnale: la Sternbergia Lutea

Normalmente si scambia la Stambergia Lutea con il  CrocusLa somiglianza è talmente tanta che la Stambergia Lutea viene spesso individuata con il soprannome di “Zafferano giallo”.

Zafferano giallo

Zafferano giallo

Appartengono al gruppo della Stambergia circa una decina di specie differenti, tutte con origini nell’area del bacino del Mediterraneo e dei paesi del Medio Oriente.

Si tratta di un esemplare di pianta piuttosto raro. E’ una pianta molto apprezzata da esperti e amanti del giardinaggio, tanto da guadagnarsi addirittura la fama di migliore bulbosa con fioritura durante il periodo autunnale.

La Stambergia Lutea è presente anche sul territorio italiano, è facile trovarla allo stato spontaneo in particolare nell’area della Murgia.

Normalmente si tratta di piante di piccole dimensioni, che non superano i 20 centimetri di altezza; la parte più caratteristica è senza dubbio il fiore di colore giallo intenso: solitamente se ne producono due per bulbo, questi sono sorretti da steli piuttosto sottili, di colore brillante. Le foglie di questa pianta sono di tipo nastriforme, carnose, e non più larghe di un centimetro, anch’esse di colore verde brillante. La fioritura di questa particolare bulbosa inizia a fine settembre e si protrae tranquillamente fino al mese di novembre.

Coltivare la Stambergia Lutea con semplicità

Questi esemplari di bulbose sono davvero di semplice coltivazione: non necessitano di substrato di crescita particolare, si accontentano

Sternbergia Lutea

Sternbergia Lutea

tranquillamente anche di terreni secchi e senza grandi quantità di sostanze nutritive.

Per quanto riguarda invece il luogo di coltivazione si devono preferire aree luminose, questa pianta ama infatti la luce solare diretta, anche se riescono a crescere con facilità anche in situazioni di penombra.

Si tratta di piante resistenti, in grado di sopportare bene il freddo, non temono neanche le gelate (purchè leggere). Se ci si trova in un luogo dalle temperature invernali decisamente rigide consigliamo di proteggere la pianta con del tessuto non tessuto, in particolare durante la notte.

Se i bulbi sono stati messi a dimora già da un paio di anni le innaffiature non sono quasi più necessarie, basterà infatti l’acqua delle precipitazioni e quella dell’umidità normalmente contenuta nell’aria, particolarmente elevata nella stagione invernale.

Se invece i bulbi sono stati piantati da poco tempo, oppure il terreno si presenta particolarmente arido, è necessario procedere con

Sternbergia Lutea - particolare fiore

Sternbergia Lutea - particolare fiore

delle innaffiature moderate. Fate attenzione a non esagerare con l’acqua, i bulbi sono infatti molto sensibili ai ristagni, poiché questi causano fenomeni di marcescenza diffusi.

Il momento giusto per praticare l’estrazione dei bulbi

Vi consigliamo di estrarre i bulbi di Stambergia Lutea, liberandoli dal terreno, dopo la sfioritura della pianta. L’estrazione va praticata quando non solo il fiore è completamente sfiorito, si deve attendere anche che le foglie siano completamente secche. E’ importante non tagliare prima il fogliame poiché in quel caso il bulbo non riuscirebbe più ad acquisire la quantità necessaria di nutrimento sufficiente per superare la stagione invernale.

Dopo aver estratto i bulbi ed eliminato la terra che li ricopre, è bene ripararli in un luogo fresco e asciutto. Con l’arrivo della primavera sarà quindi possibile ripiantarli per ottenere una nuova fioritura.

Stella di Natale, caratteristiche e consigli per curarla
Il nome scientifico è Euphorbia pulcherrima, ma tutti la conosciamo come Stella di Natale. Si tratta di è una pianta tropicale appartenente alla fa...
La Viola: una pianta ideale per aiuole e bordure
Le viole sono ricomprese tra le piante biennali più comuni. Ne esistono circa 500 specie. Queste piante sono utilizzate per dar vita ad aiuole, giardi...
Concimazione e fertilizzazione delle piante: consigli utili
Spesso le piante vengono coltivate in terreni non abbastanza buoni o non del tutto adatti alla loro crescita; ciò avviene per esempio nei vasi, fiorie...
Il Friuli in primavera: un incanto da scoprire in Carnia
La regione della Carnia è la più ricca d’Europa per quanto riguarda le specie vegetali, tra fiori ed erbe, ospitate; se ne contano infatti circa 2100....
La pacciamatura una tecnica per proteggere le piante
Solitamente si intende la pacciamatura come un mezzo per proteggere apparato radicale, colletto, tronchi, bulbi e rizomi solamente dalle basse tempera...
Curare le piante al ritorno dalle vacanze
Quando si torna dalle ferie è facile trovare le proprie piante un po’ sofferenti. Servono solo poche mosse per riportarle al normale splendore; di seg...
SOS pronto soccorso verde di Settembre
Durante il mese di settembre le piante del giardino, di casa, del balcone e dell’orto hanno bisogno di qualche attenzione in più per rimanere in salut...
Albicocco, un albero dai frutti ricchi di vitamine
L’albicocco è una pianta da frutto appartenente alla famiglia delle rosacee. Molti botanici ritenevano che questa pianta avesse origine dall’Armenia, ...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!