La lavanda: un pianta officinale molto usata in aromaterapia

lavanda pianta officinale

La lavanda è tra le piante officinali più apprezzate sia per la bellezza dei fiori che per il profumo

La Lavandula officinalis è una pianta appartenente alla famiglia della labiate originaria dei paesi Mediterranei dove cresce spontanea nelle zone di montagna, nei terreni aridi e pietrosi.

Tra le piante officinali, la lavanda è tra le più coltivate sia per la bellezza dei fiori a spiga di colore azzurro-violetto sia per il profumo di particolare finezza e soavità.

Specie di lavanda coltivate

Oltre alla Lavandula officinalis, la specie di lavanda più diffusa, vengono anche coltivate altre specie di lavanda come la Lavandula spigo, usata in Francia per profumare i saponi, la Lavandula stoechas e la Lavandula dentata.

Inoltre si diffonde sempre di più la coltivazione del lavandino, ovvero un ibrido tra la Lavandula officinalis e la Lavandula spigo, caratterizzato da un olio essenziale meno pregiato ma molto più produttivo della lavanda

Substrato di coltivazione

La lavanda predilige in particolare terreni asciutti, soleggiati, e sassosi; tuttavia la sua buona capacità di adattamento, ne ha reso possibile la coltivazione anche al di fuori dell’ambiente mediterraneo di origine.

Nonostante come già sottolineato, la lavanda sia una pianta abbastanza rustica e resistente, le buone condizioni del substrato al momento dell’impianto sono altamente raccomandabili. In particolare al momento dell’impianto sarà consigliabile somministrare un concime organico (compost). Inoltre un terreno leggermente alcalino o gessoso contribuisce a conferire alla pianta la sua caratteristica fragranza. Infine durante il primo anno dall’impianto sarà opportuno somministrare delle irrigazioni per mantenere il suolo umido.

Negli anni successivi, per mantenere la pianta produttiva il più a lungo possibile, la lavanda si potrà avvantaggiare di una leggera concimazione azotata.

Tecniche colturali

 Lavandula officinalis

La raccolta dei fiori di lavanda può essere effettuata dalla fine di luglio, quando le spighette sono completamente aperte

La lavanda può riprodursi per seme, o più facilmente per margotta o per talea. In quest’ultimo caso le talee si raccolgono a settembre tagliando a mano le cime dei giovani germogli per una lunghezza di 5-6 cm.

Dopo essere state poste a radicare in un barbatellaio costituito da uno strato di sabbia di 8-10 cm, le piantine possono essere interrate sul terreno concimato.

Dopo il primo anno dall’impianto si procede all’operazione del cespugliamento: si sistemano i rametti assurgenti a raggiera e si sotterrano comprimendo leggermente la terra. Importante è eliminare le malerbe periodicamente. È possibile anche coltivare le piantine in vasi e portarle in ambiente protetto durante l’inverno; in tal caso è opportuno che i vasi siano adeguatamente dimensionati e che abbiano un buon drenaggio dell’acqua.

La raccolta dei fiori viene effettuata da fine luglio in avanti, quando le spighette sono completamente aperte.

Componenti e proprietà della lavanda

Tra i componenti principali dell’olio di lavanda vi sono il lavandulolo e l’acetato di linalile.

L’olio di lavanda usato in aromaterapia, ha effetti positivi sul sistema circolatorio, sull’insonnia e sulla depressione.

Gli effetti positivi dell’uso della lavanda in aromaterapia si estrinsecano anche nei pazienti che hanno subito un’operazione chirurgica, riducendone il fabbisogno di antidolorifici.

È stato inoltre dimostrato che il massaggio alla schiena effettuato con l’olio di lavanda determina una significativa riduzione dello stress in particolare negli anziani affetti dal morbo di Alzheimer.

Per fortuna non tutti gli esseri viventi apprezzano il profumo di lavanda, infatti questa risulta repellente nei confronti di insetti nocivi come le zanzare o le zecche.

Progettare il giardino: zone in pendenza
Le zone in pendenza sono le sfide più grandi da superare per chi si occupa di architettura di giardini. Il momento dello scavo è il più faticoso dura...
Buddleja in fiore: poche cure indispensabili
La Buddleja davidii, specie più nota sul territorio Italiano, è di semplice coltivazione. Si tratta di una pianta rustica che sopporta bene sia le alt...
Piantare l’Ibisco per dare un tocco esotico al giardino
Si tratta di piante dall’aspetto molto delicato che nascondono una natura decisamente resistente. Sono in grado di crescere in territori difficili, sp...
Seminare il prato
Seminare il prato è un’operazione piuttosto semplice, ma va eseguita seguendo delle regole ben precise se si vuole ottenere un risultato invidiabile. ...
Preparare il giardino al nord: piantare le rose a radice nuda
Per prima cosa è giusto chiarire cosa sono le rose a radice nuda; premettendo che si possono trovare anche altri esemplari sempre a radice nuda. Le pi...
Piante aromatiche non solo in cucina: dalla cosmesi all’uso ornamentale
Le piante aromatiche sono tra gli esemplari che, se coltivati a dovere, possono avere molteplici usi differenti. Normalmente si utilizzano con frequen...
Hypericum un genere di piante medicinali
Hypercum è un genere di piante appartenente alla famiglia delle clusiacee originarie principalmente dell’Europa e del Nord America, ma anche dell’Asia...
Bocche di Leone: pensiamoci in inverno
Durante l’inverno la maggior parte delle piante sono in riposo vegetativo e le fioriture risultano davvero sporadiche e isolate. Ma è proprio in quest...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.