Le palme ornamentali

palme ornamentali

La famiglia delle palme annovera circa 2500 specie coltivate in tutto il mondo a scopi agricoli o semplicemente ornamentali.

Tra queste specie, l’unica che ha origini mediterranee è la “Palma nana del Mediterraneo” o Chamerops humilis.

Tutte le altre specie di palme sono state nel corso dei secoli importate nelle nostre regioni, divenendo nel tempo parte integrante del paesaggio e dei giardini del Mediterraneo.

In particolare la palma da dattero o Phoenix dactylifera, di origine asiatica, nonostante non abbia alle nostre latitudini mai potuto generare frutti commestibili, è da tempo immemorabile presente nel bacino del Mediterraneo e viene considerata la “palma” per eccellenza.

Tra le altre specie che caratterizzano i nostri giardini, la palma delle Canarie o Phoenix canariensis, introdotta alla fine dell’800 è divenuta oggi forse la palma più diffusa nel territorio italiano.

Da non trascurare infine la presenza delle palme appartenenti al genere Cocus e Whashingtonia anche queste molto diffuse nei giardini a scopi ornamentali.

La morfologia di queste piante e le loro caratteristiche estetiche le collocano spesso in posizione privilegiata, come nel giardino di villa Whitaker a Palermo, dove sono presenti ben 19 specie di palme diverse.

Le dimensioni raggiunte ne determinano spesso anche il tipo di impiego: le specie di palma di grande mole come quelle appartenenti ai generi Phoenix e Whashingtonia richiedono spazi ampi e sono spesso poste al centro del giardino o ai margini di grossi viali; le palme più piccole, come la palma nana del Mediterraneo, può contribuire all’arredo di piccoli spazi o aiuole grazie alla sua forma “cespugliosa”.

In tutte le regioni italiane che si affacciano sul mare l’interesse per l’utilizzazione delle palme nei giardini e nell’arredo di aree urbane è piuttosto elevato. Questo interesse è dato non solo dalla bellezza di queste piante, ma anche dalle loro caratteristiche biologiche.

Le palme infatti sono dotate di una notevole rusticità e longevità: resistono molto bene al caldo e al freddo.

Inoltre l’apparato radicale non troppo ingombrante ne facilita l’utilizzo nei giardini. Infine, come citato ad un recente convegno sulle palme dal Professore di Arboricoltura Giuseppe Barbera, dell’Università di Palermo, “l’elevata resistenza delle palme all’azione meccanica del vento, abrasiva della sabbia e chimico-fisica della salsedine presente nell’atmosfera ne permette l’utilizzo anche in prossimità delle coste”.

Le palme ornamentali sono utilizzate anche come piante d’appartamento, oltre che nei giardini: la Howea fosteriana e la Howea belmoreana, più note come kentie, si adattano bene agli ambienti con poca luce all’interno delle case.

Il Punteruolo rosso un flagello per le palme

Dal 2005 le palme hanno dovuto fronteggiare l’arrivo in Italia di uno sgradito ospite: il Punteruolo rosso o Rhynchophorus ferrugineus.

danni da Punteruolo rosso

Le larve di questo pericoloso coleottero, lunghe fino a 5 centimetri, causano danni irreparabili alle piante scavando profonde gallerie all’interno del tronco.

Quando la pianta è pressoché morta, gli adulti migrano volando su altre piante, dove depongono le uova (circa 200).

La diffusione di questa specie è favorita proprio dalla buona attitudine al volo di questo insetto parassita della palma, che si sposta in questo modo anche per diversi chilometri.

I sintomi che rivelano la presenza dell’insetto si manifestano esternamente solo quando i danni sono talmente gravi da rendere spesso inutile qualsiasi trattamento insetticida tradizionale.

In Italia fino ad oggi, i danni causati da questo insetto hanno riguardato principalmente le palme delle Canarie, i cui esemplari attaccati e distrutti si contano a decine di migliaia principalmente in Sicilia, Campania, Lazio, Calabria, e Puglia.

Più rare, fino ad oggi sono state le infestazioni delle palme a carico di altri parassiti simili. La pericolosità di questo insetto e la suscettibilità della palma delle Canarie è un aspetto da tenere in forte considerazione nella scelta delle palme da utilizzare per il nostro giardino.

L'ORTO d'appartamento
Se si abita in città spesso diventa difficile riuscire a realizzare il proprio orticello. La mancanza di giardini privati disponibili e le case...
Il BUCANEVE: un fiore invernale
Il bucaneve in gergo scientifico è stato battezzato come “Galanthus nivalis” ma la maggior parte delle persone lo conosce come “Stella del mattino”. ...
AEROPONICA: coltivazione senza substrato
Coltura aeroponica, cos'è? L' aeroponica (aero- coltura) è un nuovo tipo di coltivazione in serra, che avviene in assenza di substrato. Questo sig...
Coltivazione, conservazione e proprietà dell’Acetosella
L’Acetosella appartiene alla famiglia delle Ossalidacee. Si tratta di una pianta erbacea perenne. Dal rizoma di modeste dimensioni crescono steli lung...
Le piante autunnali: l'Erica
L’erica è una pianta autunnale che si trova facilmente in vendita già a partire dalla fine del mese di agosto. Si tratta di una pianta molto gradevole...
Un fiore di Settembre: la Clematis
La Clematis è una pianta estremamente apprezzata dai vivaisti e dagli estimatori di botanica in quanto, grazie all'ibridazione, è possibile avere ...
Resistono alle basse temperature: coltiviamo le Rose rugose o di montagna
Le rose contano un enorme numero di specie, varietà, ed esemplari differenti. Esiste un piccolo gruppo, quello delle rose rugose, decisamente di nicch...
Le margherite: spazio al colore nella famiglia delle composite
Tutti conoscono le margherite, ma forse non tutti ne conoscono le particolarità. Gli esemplari che fanno parte di questo nutrito gruppo appartengono a...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!