Piante tropicali: la Protea Little Prince

La Protea Little Prince è una pianta dalle origini sudafricane.

E’ approdata in modo corposo all’interno della società Occidentale, durante la metà dell’Ottocento, parte integrante e spettacolare del giardino all’inglese.

protea Little Prince

Le specie della Protea sono moltissime, ci si può sbizzarrire per forma e colore a seconda dei propri gusti

Oggi la sua disponibilità in commercio secondo svariate taglie, tutte facilmente coltivabili in vaso, rendono, la Protea Little Prince, una pianta molto apprezzata al pubblico più comune.

Nei vivai ha un prezzo che si aggira intorno ai 20 euro, ovviamente con un oscillamento che può variare a seconda della sua dimensione e delle sue caratteristiche di maturazione.

Origini della Protea

La Protea, come detto in precedenza ha origini sudafricane, precisamente arriva dal Capo di Buona Speranza e la sua importanza è testimoniata dalla presenza della pianta come fiore simbolo del Sud Africa.

Tutte le specie (più di 130) hanno comunque delle caratteristiche comuni: crescono in climi estivi asciutti con temperature secche e con radiazione solare diretta.

Il fiore

Piante tropicali

esempio di infiorescenza della Protea

La caratteristica più evidente della Protea è il suo fiore.

Il fiore è costituito da una serie di brattee di forma differente.

Alla base, cioè nella parte inferiore, si trovano petali più ovati e alti, che confluiscono verso l’apice diventando lanceolati con punte molto acuminate.

L’infiorescenza è molto ampia in quanto può raggiungere un diametro di 20 centimetri.

Il colore è molto acceso e può variare di tonalità a seconda della specie scelta.

Tendenzialmente la sua corolla, quadrilobata, è di colore rosa o bianco.

Il fiore è molto decorativo e particolare, si tratta sicuramente di una pianta da ammirare.

Sboccia in primavera o con l’arrivo dell’estate e risulta essere molto resistente e duratura nel tempo.

Sicuramente una pianta ornamentale da mettere in evidenza all’interno della propria abitazione.

Cure necessarie per la sua crescita

In primo luogo la Protea ama il caldo e il sole.

La presenza di un ambiente caldo, le permette di crescere sana evitando ristagni pericolosi per la sua incolumità.

Il sole invece le garantisce una crescita sana e costante con la nascita e lo sboccio del suo fiore.

La Protea ama il caldo e il sole

Per far fiorire la Protea, il sole, infatti è fondamentale, in quanto, anche una situazione di mezz’ombra, renderebbe critica e quasi impossibile, la sua fioritura.

Bagnare la Protea è un altro aspetto estremamente delicato; al contrario della maggior parte delle piante comuni occidentali, la Protea non ama il ristagno idrico in quanto molto sensibile agli sbalzi di temperatura.

Se viene bagnata eccessivamente il ristagno la rende più sensibile al freddo.

In primavera deve essere innaffiata in modo equilibrato 2 volte a settimana.

In estate può essere bagnata anche tutti i giorni, sempre in modo moderato, evitando la presenza eccessiva di acqua e umidità.

Il terriccio adeguato per una sana coltivazione del Protea Little Prince, anche in vaso, è composto da fiori, sabbia a grani grossi, torba e del carbone di legna sbriciolato e ridotto in pezzi.

In questo modo ciò che si ottiene è un composto leggero che, offrendo un efficiente drenaggio, permette alla Protea di crescere forte e bella.

Il PH più corretto del terreno deve essere neutro e preferibilmente subacido.

La radici della Protea sono delicate quindi, a meno che non sia strettamente necessario per una sua crescita equilibrata, evitare il rinvaso.

Nemici della Protea

Il primo nemico della Protea, essendo una pianta amante dei climi caldi, quasi aridi, è il freddo.

Altro nemico della pianta è il fungo che la assale in situazioni di umidità.

In questo caso l’unica cosa che rimane da fare è quella di recidere la pianta prestando molta attenzione alle radici, che come ho già asserito prima sono molto delicate.

A questo punto definiti gli aspetti generali della Protea, non vi resta che coltivarla e aspettare la sua fioritura, affascinante e sicuramente di impatto.

La rosa di Natale. Un fiore bianco fra la neve
La rosa di Natale fiorisce a dicembre. Il suo nome botanico è Elleboro. I suoi fiori bianchi crescono sotto la neve, anche con pochissimi raggi di sol...
La teoria dei colori per creare il giardino
Oltre ad una pianificazione attenta, per realizzare un giardino ben progettato, è necessaria l’abilità che si acquisisce col tempo. Se siete all’inizi...
Coltivare l’aglio: un concentrato di virtù
Il sapore intenso dell’aglio lo pone alla base di molti piatti della tradizione culinaria italiana. Inoltre è un enorme concentrato di virtù. Questa p...
La potatura degli agrumi
Gli agrumi sono tra gli alberi da frutto più diffusi all’interno dei giardini e dei frutteti a conduzione familiare. Oltre alla bontà e salubrità d...
Tutto sulle castagne: produzione e coltivazione
Oggi le castagne sono una sorta di prelibatezza che annuncia l’arrivo dell’autunno. In molte città del nord è facile sentire l’odore di caldarroste pa...
Albicocco, un albero dai frutti ricchi di vitamine
L’albicocco è una pianta da frutto appartenente alla famiglia delle rosacee. Molti botanici ritenevano che questa pianta avesse origine dall’Armenia, ...
1500 varietà di rose antiche, moderne inglesi in mostra
Maggio è il mese delle rose e se amate questi fiori non potete perdervi il favoloso spettacolo della fioritura di queste piante meravigliose al Ca...
L’importanza del colore dei fiori e delle piante
Spesso, quando decidiamo di acquistare una nuova pianta per il nostro appartamento, veniamo subito colpiti dai bellissimi colori della fioritura. L’es...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!