Piante tropicali: la Protea Little Prince

La Protea Little Prince è una pianta dalle origini sudafricane.

E’ approdata in modo corposo all’interno della società Occidentale, durante la metà dell’Ottocento, parte integrante e spettacolare del giardino all’inglese.

protea Little Prince

Le specie della Protea sono moltissime, ci si può sbizzarrire per forma e colore a seconda dei propri gusti

Oggi la sua disponibilità in commercio secondo svariate taglie, tutte facilmente coltivabili in vaso, rendono, la Protea Little Prince, una pianta molto apprezzata al pubblico più comune.

Nei vivai ha un prezzo che si aggira intorno ai 20 euro, ovviamente con un oscillamento che può variare a seconda della sua dimensione e delle sue caratteristiche di maturazione.

Origini della Protea

La Protea, come detto in precedenza ha origini sudafricane, precisamente arriva dal Capo di Buona Speranza e la sua importanza è testimoniata dalla presenza della pianta come fiore simbolo del Sud Africa.

Tutte le specie (più di 130) hanno comunque delle caratteristiche comuni: crescono in climi estivi asciutti con temperature secche e con radiazione solare diretta.

Il fiore

Piante tropicali

esempio di infiorescenza della Protea

La caratteristica più evidente della Protea è il suo fiore.

Il fiore è costituito da una serie di brattee di forma differente.

Alla base, cioè nella parte inferiore, si trovano petali più ovati e alti, che confluiscono verso l’apice diventando lanceolati con punte molto acuminate.

L’infiorescenza è molto ampia in quanto può raggiungere un diametro di 20 centimetri.

Il colore è molto acceso e può variare di tonalità a seconda della specie scelta.

Tendenzialmente la sua corolla, quadrilobata, è di colore rosa o bianco.

Il fiore è molto decorativo e particolare, si tratta sicuramente di una pianta da ammirare.

Sboccia in primavera o con l’arrivo dell’estate e risulta essere molto resistente e duratura nel tempo.

Sicuramente una pianta ornamentale da mettere in evidenza all’interno della propria abitazione.

Cure necessarie per la sua crescita

In primo luogo la Protea ama il caldo e il sole.

La presenza di un ambiente caldo, le permette di crescere sana evitando ristagni pericolosi per la sua incolumità.

Il sole invece le garantisce una crescita sana e costante con la nascita e lo sboccio del suo fiore.

La Protea ama il caldo e il sole

Per far fiorire la Protea, il sole, infatti è fondamentale, in quanto, anche una situazione di mezz’ombra, renderebbe critica e quasi impossibile, la sua fioritura.

Bagnare la Protea è un altro aspetto estremamente delicato; al contrario della maggior parte delle piante comuni occidentali, la Protea non ama il ristagno idrico in quanto molto sensibile agli sbalzi di temperatura.

Se viene bagnata eccessivamente il ristagno la rende più sensibile al freddo.

In primavera deve essere innaffiata in modo equilibrato 2 volte a settimana.

In estate può essere bagnata anche tutti i giorni, sempre in modo moderato, evitando la presenza eccessiva di acqua e umidità.

Il terriccio adeguato per una sana coltivazione del Protea Little Prince, anche in vaso, è composto da fiori, sabbia a grani grossi, torba e del carbone di legna sbriciolato e ridotto in pezzi.

In questo modo ciò che si ottiene è un composto leggero che, offrendo un efficiente drenaggio, permette alla Protea di crescere forte e bella.

Il PH più corretto del terreno deve essere neutro e preferibilmente subacido.

La radici della Protea sono delicate quindi, a meno che non sia strettamente necessario per una sua crescita equilibrata, evitare il rinvaso.

Nemici della Protea

Il primo nemico della Protea, essendo una pianta amante dei climi caldi, quasi aridi, è il freddo.

Altro nemico della pianta è il fungo che la assale in situazioni di umidità.

In questo caso l’unica cosa che rimane da fare è quella di recidere la pianta prestando molta attenzione alle radici, che come ho già asserito prima sono molto delicate.

A questo punto definiti gli aspetti generali della Protea, non vi resta che coltivarla e aspettare la sua fioritura, affascinante e sicuramente di impatto.

Un prato verde rigoglioso: il sogno di tutti gli amanti del giardino
Storia del prato verde all’inglese L’utilizzo dei tappeti erbosi all’interno del giardino si diffuse alla fine del XVIII secolo soprattutto negli a...
Jasminum Nudiflorum (Gelsomino di San Giuseppe): una pianta invernale
Continua la mia ricerca nel trovare piante che possano fiorire durante il periodo invernale. Questo perchè ritengo sia importante poter coltivare i...
Lavanda: profumo e colore di Provenza
La lavandula officinalis appartiene alla famiglia delle Labiate. Si tratta di un piccolo arbusto sempreverde, che raggiunta la maturazione può raggiun...
La melanzana: si semina a marzo si raccoglie in estate
Si tratta di una coltivazione estiva tipica dei paesi con climi caldi. E’ infatti l’ortaggio per eccellenza dell’estate. A dimostrazione di ciò esiste...
Curare le rose dopo la fioritura
Le rose si devono curare anche dopo la fioritura, in particolare le specie rifiorenti. Se si presta loro le cure adeguate e si forniscono le energie n...
Poco tempo per le piante d’appartamento? Scegliamo l’idrocoltura
L’utilizzo dell’idrocoltura permette di semplificare le cure per le piante d’appartamento. Il problema principale che si risolve mediante l’utilizzo d...
Il frutteto: dall’acquisto alla messa a dimora
E’ molto semplice realizzare un piccolo frutteto familiare nel proprio giardino o in terrazzo, è però necessario attuare una preparazione specifica: s...
La lantana: pianta ornamentale o invasiva?
La lantana è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle verbenacee originaria delle aree subtropicali americane. Questa pianta venne introd...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!