Progettare il giardino in tre passi

Dopo aver approfondito l’intorno e capito la tipologia di terreno a nostra disposizione è possibile partire con la progettazione vera e propria. Ci si dovrà quindi chiedere che tipo di giardino si vuole, sempre e comunque tenendo conto delle particolari situazioni ambientali e dell’intorno circostante. Nel progettare il giardino   

Progettare il giardino

1) Immaginare il giardino

Per definire il tema del proprio giardino è possibile prendere spunto dalle esperienze personali o da eventuali immagini ricavate da giornali e simili. Definito più o meno cosa si vuole sarà necessario fare i conti con l’aspetto pratico: per prima cosa con il budget di spesa, in secondo luogo con le proprie competenze nel campo, e in ultimo con il tempo che si può dedicare al giardino.

Progettare il giardino

Scandire il giardino con dei percorsi

Tutti questi dati vanno tenuti in conto, così come gli eventuali spazi particolari che si vogliono allestire: se avete degli animali bisognerà dedicare loro uno spazio, così come in caso di bambini, sono tutte variabili delle quali è bene tener conto.

2) Misurare ed analizzare lo spazio

Definito più o meno il tipo di giardino che si vuole, definiti anche gli spazi necessari, si deve iniziare a prendere le misure necessarie per passare alla fase operativa. Non è importante che le misure siano estremamente precise al millimetro, sarà infatti più importante tener conto della forma del terreno e dell’eventuale presenza di manufatti – o preesistenza di piante al suo interno.

Messe tutte le misure su carta sarà necessario osservare il comportamento del sole, prevalentemente nell’arco della giornata ma sarebbe indicato osservarlo anche nei diversi mesi dell’anno. Rilevare questi dati è importante per scegliere il tipo di piante da ospitare all’interno del giardino. Ricordatevi per esempio che d’inverno il sole basso all’orizzonte proietta ombre molto lunghe: se dovete piantare un albero di grandi dimensioni questo potrebbe lasciare in ombra una grossa parte del vostro giardino, o addirittura parte della facciata della vostra casa.

3) Scegliere dove collocare le piante

Prevedere dei punti di sosta

Prevedere dei punti di sosta

Dopo aver preso le misure, controllato eventuali ingombri e capito a grandi linee i movimenti del sole si avranno tutti gli elementi necessari per passare alla fase successiva: cioè decidere dove collocare le piante più grandi. E’ necessario iniziare dalle piante di dimensione maggiore perché sono quelle che avranno una crescita più lenta e raggiungeranno la dimensione definitiva solo in tempi piuttosto lunghi.

Considerate comunque che errori nella dislocazioni di grandi piante sono piuttosto problematici: se l’albero con una collocazione sbagliata sarà uno di dimensioni relativamente piccole il problema può essere ancora risolto, quando invece le dimensioni aumentano il problema può diventare piuttosto serio, per esempio eliminare faggi o querce non è così semplice come l’eliminazione di una semplice betulla.

Realizzare il giardino

Realizzare un giardino è in fondo molto simile all’arredare una casa. Come in casa, nonostante la materia prima viva, è importante rispettare alcuni accorgimenti e piccole regole che non potranno fare altro che rendervi la vita più semplice.

Per esempio è sempre necessario distanziare dalla casa sia gli alberi che gli arbusti di grande dimensione, ciò si fa per poter fruire della bellezza delle piante nella loro completa interezza, ma anche per evitare sia ombra indesiderata che danni provocati dall’accrescimento delle radici. Evitare di collocare soprattutto gli alberi nei pressi dei muri delle case serve anche per prevenire eventuali cadute accidentali di rami magari a causa del vento o di qualche fulmine.

Nella progettazione del giardino dovrete evitare anche di collocare alberi di alto fusto in prossimità dei confini dell’appezzamento. Il codice civile stabilisce infatti che il tronco di un albero deve trovarsi ad almeno tre metri dal confine, per quanto riguarda invece gli arbusti di grossa taglia la distanza deve essere di almeno un metro e mezzo, le siepi invece devono distare circa mezzo metro dal confine in questione. Se i rami fuoriescono dal proprio confine devono essere tagliati e la vegetazione non può superare più di 2,5 metri, poiché in caso contrario potrebbe arrecare ombra nelle proprietà altrui.

Il colpo d’occhio e le zone del giardino

Quando si progetta un giardino è importante che questo non si riveli completamente con un unico sguardo, ciò infatti ne diminuisce molto le dimensioni. Un giardino diventa molto interessante se scoperto passo passo: create angoli segreti, dividete gli spazi, cercate di indirizzare il colpo d’occhio verso le vedute più interessanti.

Prevedere un laghetto nel proprio giardino

Prevedere un laghetto nel proprio giardino

Un giardino di questo tipo sarà visitato e osservato con più gusto, in più le piante creeranno suggestioni sempre diverse a seconda della stagione.

Nel momento della definizione delle aree del vostro giardino scegliete la parte più soleggiata per l’orto, o per un’eventuale zona piscina. Ricordatevi inoltre di isolare queste aree con una siepe o una bordatura un po’ più alta. Evitate però piante con spine o foglie urticanti, soprattutto nei luoghi di passaggio o in prossimità di eventuali piscine.

Nelle aree di ombra o di mezz’ombra sarà piacevole sostare nei mesi più caldi. Se la zona di mezz’ombra è rivolta ad ovest scegliete piante in grado di creare piacevoli giochi di luce al momento del tramonto. Se nel vostro giardino prevedete la presenza di un laghetto tenete conto che anche questo andrà posizionato in zona di mezz’ombra, soprattutto se di dimensioni modeste: una posizione soleggiata provocherebbe un surriscaldamento, con conseguente danneggiamento delle piante acquatiche presenti all’interno.

Un altro importante consiglio è quello di scandire il vostro giardino con percorsi, date inoltre a questi percorsi una meta: che si tratti di raggiungere l’ombra di grossi alberi o piuttosto un roseto è sempre importante creare dei punti di attrazione, ciò invoglierà ad intraprendere una breve passeggiata.

Coltura idroponica: la coltivazione senza terra, solo in acqua
Il sistema di coltivazione idroponica ci consente di far crescere le piante senza l'impiego di terra. Nell'articolo si riportano le prime informazioni...
I giardini e le aree verdi migliorano la vita e la salute umana
Dalla seconda metà del ‘900 l’espansione dell’edilizia in occidente in tutte le sue forme architettoniche e funzionali, ha dato un forte impulso a...
Piante da fiore in appartamento come prolungarne la vita
Tutte le piante superiori hanno fiori, più o meno abbondanti o più o meno attraenti: come è noto essi sono infatti gli organi deputati alla riproduzio...
Come fare un GIARDINO ROCCIOSO
Si potrebbe definire, senza voler risultare dissacrante, il “giardino zen” europeo. L’ho definito così perché si tratta sempre di un angolo di pa...
ORTO: questo è il periodo adatto per la semina di fagioli e fagiolini
Siamo a luglio, in piena estate e, come si sa, ogni stagione accompagna la semina di specifici ortaggi. Oggi vi voglio spiegare come seminare i...
Cosa fare durante il mese di Agosto in giardino
Agosto è il mese principale della stagione calda. Anche in giardino ci sono molte cose da fare per mantenerlo nelle migliori condizioni. Per esempio è...
Approfittiamo dell'inverno per progettare l’orto
E’ proprio il periodo invernale il migliore per decidere come andrà sistemato l’orto nei prossimi mesi. Dotati di cara e penna possiamo ricreare gli s...
Curare l’orto in tutte le stagioni: coltivare i broccoli
Ogni pianta può sviluppare patologie differenti. In questo articolo cercheremo di conoscere un po’ meglio la pianta dei broccoli, per poi capire quand...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.