La salute delle piante e dei fiori: attenzione alle malattie fungine

La botrite o muffa grigia

Botrite o muffa grigia

Botrite o muffa grigia

I primi sintomi di botrite si manifestano con il progressivo rammollimento del picciolo che sostiene sia foglie che fiori. Con l’incedere della malattia queste si piegano e appassiscono. Fiori e foglie si ricoprono di una peluria dal colore grigio biancastro, in seguito poi il fungo ricoprirà la pianta per intero.

Questa malattia fungina colpisce prevalentemente piante erbacee, come per esempio viole, primule, petunie, peonie, gerani, ciclamini e peperoncino. Spesso ne sono colpite anche alcune varietà di piante grasse.

I bersagli preferiti sono le piante più deboli, cariche di umidità e collocate in luoghi con aria stagnante, come avviene per esempio all’interno delle serre. La prima prevenzione è quella di evitare le condizioni che possono far insorgere la malattia. Si consiglia quindi di non eccedere con le quantità di acqua, di spaziare le piante per non addossarle una all’altra, e di arieggiare la serra.

Per curare le piante andranno eliminate le parti colpite dal fungo, in seguito si deve irrorare con un preparato a base di rame o di propoli. Il trattamento va ripetuto una settimana dopo la prima somministrazione.

L’oidio o “mal bianco”

Questa malattia è causata da numerose specie di funghi. Viene anche chiamata “mal bianco” a causa dell’aspetto, biancastro e farinoso, che assume la pianta colpita da questa malattia fungina. Quasi tutte le piante da vaso possono essere soggette a questa malattia, dalla salvia da cucina e ornamentale, alle petunie, così come molti altri esemplari.

Oidio o “mal bianco”

Oidio o “mal bianco”

Questa tipica muffa bianca simile a polvere si sviluppa su foglie, fiori e germogli. Le foglie colpite subiscono una deformazione e cadranno precocemente.

Per quanto riguarda i fiori e i germogli colpiti, questi si deformeranno, senza crescere, fino a seccarsi e cadere. La particolare malattia fungina si sviluppa in climi umidi e tiepidi, la temperatura si deve aggirare fra i 15 e 23°C.

La pioggia invece ne ostacola il diffondersi.

Per evitare lo svilupparsi della malattia è opportuno prevedere un arieggiamento fra gli esemplari di piante, mantenendo una distanza adeguata. In più durante l’irrigazione è importante non bagnare il fogliame. Le parti infestate dalla malattia vanno eliminate del tutto, comprese le foglie cadute, in maniera tale da evitare il contagio ad altre zone.

Appena si attestano i primi sintomi della malattia si deve trattare la pianta con un prodotto a base di zolfo, sostanza ammessa nel biogiardinaggio: lo zolfo è infatti un prodotto antiofidico per eccellenza.

Scegliete i preparati in polvere da applicare direttamente sul fogliame: sono tra i più efficaci. Esiste anche la possibilità di utilizzare lo zolfo solubile direttamente in acqua. Il trattamento, per avere efficacia, deve essere ripetuto dopo 7 – 10 giorni e in seguito ogni 15 – 20 giorni fino all’eliminazione completa della malattia fungina.

L’ortica come ottimo rimedio contro gli afidi

Ortica

L’ortica è un ottimo rimedio contro gli afidi

I germogli appena comparsi dell’ortica sono dei concentrati di sostanze ottime per allontanare gli afidi e altri fastidiosi parassiti soliti ad infestare piante ornamentali e ortive.

Per essere efficace l’ortica deve essere utilizzata sotto forma di macerato. Utilizzate 1 kilogrammo di pianta fresca o 200 grammi di pianta essiccata per ogni litro d’acqua. Questo preparato va spruzzato sulle piante colpite dall’attacco dei parassiti. Una volta eliminato il problema è comunque opportuno ripetere il trattamento ogni 10  – 15 giorni, avrà azione preventiva.

Un trattamento di questo tipo, essendo totalmente naturale, può essere utilizzato anche sulle piante da orto coltivate con metodologie biologiche.

Il glicine: rampicante primaverile per eccellenza
I glicini e la loro fragranza dolce non possono mancare come sfondo scenografico di ogni primavera; il loro impeto vegetativo è un chiaro simbolo di v...
Le particolarità dell’Hibiscus moscheutos o Ibisco d’acqua
L’Hibiscus moscheutos nei vecchi testi si classifica come Hibiscus palustris ed è comunemente noto come Ibisco d’Acqua. Ama i terreni umidi ma non co...
Il radicchio rosso. Seminalo adesso nell'orto
Il radicchio rosso è una tipologia di insalata tipica del periodo autunnale, se seminata adesso sarà pronta per essere raccolta e consumata nel mese d...
Un frutto estivo fra i più buoni: il fico
La pianta del fico resiste bene alle basse temperature e alla maggior parte degli agenti atmosferici, compresa la salsedine. Non necessita di cure par...
Le piante autunnali: l'Erica
L’erica è una pianta autunnale che si trova facilmente in vendita già a partire dalla fine del mese di agosto. Si tratta di una pianta molto gradevole...
Coltivare l’orto in attesa dell’inverno
L’estate è il periodo più rigoglioso per l’orto: le varietà da poter coltivare sono innumerevoli e rese più gustose grazie al clima favorevole e alle ...
Tutto sulle castagne: produzione e coltivazione
Oggi le castagne sono una sorta di prelibatezza che annuncia l’arrivo dell’autunno. In molte città del nord è facile sentire l’odore di caldarroste pa...
Raccogliere gli asparagi fuori stagione grazie ad una caldaia a biomasse
Esistono alcune varietà di ortaggi strettamente stagionali, tra questi ci sono sicuramente gli asparagi. Una caldaia a biomassa da la possibilità di a...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!