Il carrubo, una pianta resistente e longeva

Il carrubo, Ceratonia siliqua, è una pianta tipica della macchia mediterranea appartenente alla famiglia delle leguminose. L’origine di questa specie si colloca all’interno del bacino del Mediterraneo e precisamente tra la Siria e la Palestina.

Nell’ Italia meridionale questa specie trova le condizioni climatiche ideali per svilupparsi ed è molto diffusa specialmente in Sicilia ma anche in Sardegna, Calabria, Campania, Lazio e Puglia. Per la bellezza della chioma sempreverde e la monumentalità del tronco questa specie si presta molto bene ad essere usata come pianta ornamentale all’interno del giardino dei climi mediterranei.

Caratteristiche della specie

Il carrubo è una specie molto longeva, può arrivare anche a 500 anni.

Questa pianta ha un accrescimento molto lento, a maturità la chioma può arrivare toccare gli 8 metri d’altezza. Il carrubo presenta fiori maschili e femminili, che tendono a disporsi su piante separate. Di conseguenza è una specie che presenta un comportamento dioico, con piante solo con fiori maschili e piante solo con fiori femminili, che daranno origine ai frutti.

Il frutto, la carruba, consiste in una camara allungata e appiattita detta lomento, con all’interno dei loculi contenenti una polpa zuccherina mucillaginosa, commestibile e molto nutritiva.

Coltivazione del carrubo

carrubo

Il carrubo è una pianta rustica che si adatta a condizioni difficili in termini di clima e suolo

Il carrubo è una pianta sostanzialmente rustica, che si adatta a condizioni difficili in termini di clima e substrato di coltivazione. Infatti questa specie cresce bene nei climi caldi e aridi e si adatta anche a terreni calcarei e pietrosi. Visto che è una pianta che a maturità raggiunge dimensioni notevoliè bene collocarla all’interno del giardino in uno spazio che abbia una grandezza idonea. La riproduzione si effettua in genere per seme, innestando poi sulla piantina la varietà di carrubo desiderata.

Per ottenere la produzione delle carrube è necessario che vi sia una pianta con fiori maschili che una pianta con fiori femminili. Altrimenti è possibile innestare su una pianta con fiori maschili un ramo di una pianta a fiori maschili.

Vista la rusticità di questa pianta, le cure colturali sul carrubo sono limitate: l’irrigazione può circoscriversi ad un paio di annaffiature estive, mentre la potatura deve mirare ad eliminare i rami secchi e diradare l’interno della chioma per arieggiarla e proteggerla da eventuali parassiti, come le cocciniglie.

La coltivazione del carrubo in Italia era destinata alla produzione di mangimi per cavalli ed altri animali da fattoria. Oggi la coltivazione di questa pianta gode di un rinnovato interesse, relativo soprattutto alla produzione dei semi che trovano impiego nell’industria farmaceutica, alimentare e cosmetica.

Proprietà delle carrube

carrube

La carruba (qui ancora acerba) è ricca di zuccheri, fibre, pectine e sali minerali

Il frutto del carrubo è ricco di zuccheri, fibre, sali minerali e vitamine e relativamente povero di grassi. La carruba possiede virtù curative per l’intestino e agisce sia come disinfettante che come antidiarroico. Le tisane e le caramelle a base di farina di carrube possono avere effetti lenitivicontro il mal di gola.

La farina di carrube può venire utilizzata anche come addensante nella preparazione di cibi per celiaci. Diversi studi hanno evidenziato inoltre che le fibre insolubili della polpa delle carrube hanno effetti molto positivi sull’eccesso dei grassi nel sangue e possono essere utilizzate nella prevenzione e nel trattamento dell’ipercolesterolemia.

Dal punto di vista cosmetico infine, gli impacchi a base di carrube possono rendere la pelle più elastica ed idratata.

SIEPI: Come adornare il giardino con le piante da siepe
Le piante da siepe nel giardino possono avere molteplici funzioni. Oltre ad abbellire i margini degli spazi verdi possono essere infatti utiliz...
Le piante succulente in giardino: fiori meravigliosi e poche cure
Se ci troviamo in ambienti dalle condizioni sfavorevoli, cioè con scarsità d’acqua e temperature elevate, sarà difficile coltivare piante ornamentali ...
Curiosità: perché le api non visitano i fiori rossi
Vi è mai capitato di vedere un’ape che si posa su un papavero? Dopo averci pensato bene vi accorgerete che in effetti non vi è mai capitato. Potrebbe ...
Soluzioni alternative al manto erboso nel prato in ombra
Anche quando i giardini hanno zone d’ombra, o illuminate per poche ore al giorno, è possibile realizzare un manto verde. Questo può essere costituito ...
Al mare o in montagna: curare il giardino e l’orto in giugno
Cosa fare nel mese di giugno a seconda che ci si trovi al mare o in montagna. Piccoli consigli per far crescere al meglio le piante.
Coltivare gli agrumi in vaso: attenti al gelo
E’ possibile coltivare con successo piante da frutto anche in vaso. Per poter ottenere frutti di ottimo gusto e in salute è importante bagnare e nutri...
Il melograno è bello tutto l’anno e fruttifica ad ottobre
Il melograno, o Punica Granatum, è una pianta originaria dei territori ad oriente dell’Afghanistan. Questo esemplare era già conosciuto da Babilonesi,...
Piante aromatiche e problemi fitosanitari: come risolverli
Le piante aromatiche per natura sono molto resistenti ed in grado di adattarsi con facilità alle diverse condizioni ambientali. Di solito i problemi f...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!