Come far durare la STELLA di NATALE tutto l’anno

Manca poco più di un mese all’arrivo di Natale e molti sono soliti, proprio in questo periodo ad acquistare o a ricevere per regalo, la POINSETTIA, nota ai più come STELLA DI NATALE.

stella di Natale

La stella di Natale è uno dei simboli più importanti delle feste natalizie

Solitamente poi, dopo le feste, si iniziano a veder ingiallire le foglie e la maggior parte delle persone, si scoraggia e la butta pensando sia morta.

In realtà la stella di Natale può durare degli anni interi se si sa’ come curarla.

Per prima cosa occorre sapere che la stella di Natale è originaria del Messico e che quindi è una pianta amante del caldo.

E’ importante tenerla al chiuso non esponendola a temperature inferiori a 15°C.

Causa dell’ingiallimento

Vi sembrerà strano ma l’ingiallimento delle sue foglie, non è dovuto dalla vostra non curanza, ma bensì, da un normale processo fisiologico che, se curato adeguatamente, farà riprendere la vostra stella di Natale, consentendole di vegetare per diversi anni.

Cosa bisogna fare per tenerla in vita

stella di natale cura Come vi ho detto nelle righe precedenti, la stella di Natale deve essere tenuta a temperature miti.

Quindi, se abitate in zone con inverni freddi, proteggetela, tenendola all’interno del vostro appartamento.

E’ importante tenerla lontana dalle finestre e dalle correnti d’aria.

Per quanto riguarda il suo nutrimento, bisogna annaffiarla solo quando la terra è asciutta ed è importante, tenerla senza sottovaso.

Arriva la primavera

Se avete fatto attenzione a queste poche raccomandazioni, intorno al periodo di marzo, la stella di Natale avrà perso quasi tutte le foglie.

A questo punto la prima cosa da fare è potare i rami.

Dopodiché bisogna spuntare le radici e togliere quelle morte, ovviamente se ci sono.

Poi, per permettere un adeguato rinvigorimento, rinvasate la pianta in un nuovo vaso, cambiando l’intero terriccio.

A questo punto avete appena cominciato la sua fase di ripresa.

Luce, Luce e ancora Luce

colori della stella di natale Dopo averla curata e re-interrata, collocatela in un luogo molto luminoso facendo sempre attenzione ai colpi d’aria.

Se è possibile, cercate di esporre la pianta ai raggi diretti del sole.

Finalmente rinascono le foglie

Dopo settembre, la stella di Natale dovrà essere obbligatoriamente riportata in casa e collocata in un luogo fresco e ombreggiato, per circa nove settimane, per quattordici ore al giorno, dal tardo pomeriggio alla mattina.

Tenetela lontano anche dalle fonti di luce artificiale, come televisori e lampade.

Se vi venisse difficile spostare, ad esempio, il vaso o tenere la pianta all’ombra, copritela con un sacco nero e tenetela coperta per le quattordici ore necessarie.

POINSETTIA

In questo modo vedrete spuntare le nuove BRATTE colorate (sono le foglie della stella di Natale) e potrete apprezzarla nuovamente in tutto il suo splendore per un altro Natale.

Le Cycas: bellissimi fossili viventi, sembrano palme ma...
Origini nella preistoria Le cycas sono piante dall’aspetto palmiforme evolute oltre duecento milioni di anni fa. La apparente somiglianza di...
Il ciclamino per colorare l’autunno
Il ciclamino è una pianta tipica della stagione fredda; facile da coltivare, ed è proprio in questa stagione grigia che è più facile godere della sua ...
La potatura dell’edera: come contenerne la crescita per regolare la forma
L’edera è una pianta di tipo sempreverde, rustica, rampicante, dall’aspetto cespuglioso molto comune, tra le poche provenienti anche dal continente Eu...
Le cure del mese di settembre per le piante in casa e in balcone
Da fare in casa e in balcone, ecco la lista.
Le piante autunnali: l'Erica
L’erica è una pianta autunnale che si trova facilmente in vendita già a partire dalla fine del mese di agosto. Si tratta di una pianta molto gradevole...
Un fiore di Settembre: la Clematis
La Clematis è una pianta estremamente apprezzata dai vivaisti e dagli estimatori di botanica in quanto, grazie all'ibridazione, è possibile avere ...
Il complesso mondo delle piante grasse
Siamo abituati a definire tutta una serie di esemplari come “piante grasse”. Va precisato che tale definizione è impropria dal punto di vista botanico...
Le margherite: spazio al colore nella famiglia delle composite
Tutti conoscono le margherite, ma forse non tutti ne conoscono le particolarità. Gli esemplari che fanno parte di questo nutrito gruppo appartengono a...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!