Come far durare la STELLA di NATALE tutto l’anno

Manca poco più di un mese all’arrivo di Natale e molti sono soliti, proprio in questo periodo ad acquistare o a ricevere per regalo, la POINSETTIA, nota ai più come STELLA DI NATALE.

stella di Natale

La stella di Natale è uno dei simboli più importanti delle feste natalizie

Solitamente poi, dopo le feste, si iniziano a veder ingiallire le foglie e la maggior parte delle persone, si scoraggia e la butta pensando sia morta.

In realtà la stella di Natale può durare degli anni interi se si sa’ come curarla.

Per prima cosa occorre sapere che la stella di Natale è originaria del Messico e che quindi è una pianta amante del caldo.

E’ importante tenerla al chiuso non esponendola a temperature inferiori a 15°C.

Causa dell’ingiallimento

Vi sembrerà strano ma l’ingiallimento delle sue foglie, non è dovuto dalla vostra non curanza, ma bensì, da un normale processo fisiologico che, se curato adeguatamente, farà riprendere la vostra stella di Natale, consentendole di vegetare per diversi anni.

Cosa bisogna fare per tenerla in vita

stella di natale cura Come vi ho detto nelle righe precedenti, la stella di Natale deve essere tenuta a temperature miti.

Quindi, se abitate in zone con inverni freddi, proteggetela, tenendola all’interno del vostro appartamento.

E’ importante tenerla lontana dalle finestre e dalle correnti d’aria.

Per quanto riguarda il suo nutrimento, bisogna annaffiarla solo quando la terra è asciutta ed è importante, tenerla senza sottovaso.

Arriva la primavera

Se avete fatto attenzione a queste poche raccomandazioni, intorno al periodo di marzo, la stella di Natale avrà perso quasi tutte le foglie.

A questo punto la prima cosa da fare è potare i rami.

Dopodiché bisogna spuntare le radici e togliere quelle morte, ovviamente se ci sono.

Poi, per permettere un adeguato rinvigorimento, rinvasate la pianta in un nuovo vaso, cambiando l’intero terriccio.

A questo punto avete appena cominciato la sua fase di ripresa.

Luce, Luce e ancora Luce

colori della stella di natale Dopo averla curata e re-interrata, collocatela in un luogo molto luminoso facendo sempre attenzione ai colpi d’aria.

Se è possibile, cercate di esporre la pianta ai raggi diretti del sole.

Finalmente rinascono le foglie

Dopo settembre, la stella di Natale dovrà essere obbligatoriamente riportata in casa e collocata in un luogo fresco e ombreggiato, per circa nove settimane, per quattordici ore al giorno, dal tardo pomeriggio alla mattina.

Tenetela lontano anche dalle fonti di luce artificiale, come televisori e lampade.

Se vi venisse difficile spostare, ad esempio, il vaso o tenere la pianta all’ombra, copritela con un sacco nero e tenetela coperta per le quattordici ore necessarie.

POINSETTIA

In questo modo vedrete spuntare le nuove BRATTE colorate (sono le foglie della stella di Natale) e potrete apprezzarla nuovamente in tutto il suo splendore per un altro Natale.

Tipi di fiori differenti e infiorescenze
Chi è appassionato di giardinaggio e di fiori riesce a riconoscere quasi sicuramente i fiori di molte piante. Questa operazione risulta più complicata...
Le acidofile: piante eccellenti anche in mezz’ombra
Se volete creare delle piacevoli macchie di colore nei vostri giardini vi consigliamo di scegliere una giornata particolarmente soleggiata, quando il ...
Piante tropicali: la Tillandsia
Oggi mi voglio soffermare su una pianta molto particolare. Si tratta della Tillandsia una pianta tropicale  che, sono sicura, catturerà la vost...
Piante in balcone: attenzione al freddo autunnale
Nelle aree del nord Italia il freddo è già arrivato, per quanto riguarda i territori del centro e del sud le temperature si mantengono ancora miti. E’...
IDROCOLTURA: coltivare le proprie piante senza l'ausilio della terra
L'idrocoltura è un tipo di coltivazione particolare che consente di far crescere le proprie piante in assenza di terra. Grazie a questo, si tratta di ...
Piante da appartamento: quando le piante diventano arredamento
Le piante in casa sono parte integrante dell’arredamento, sia che si tratti di una miriade di vasetti che si tratti di un unico, ed imponente, esempla...
I Sedum, un genere di piante grasse di facile coltivazione
Il genere Sedum appartiene alla famiglia delle crassulacee, ovvero delle piante grasse. Il nome Sedum deriva dal latino sedeo, mi siedo, ed allude al ...
Pieris: sfumature di colore rosato in giardino
Se nel vostro giardino state già coltivando Camelie e Rododendri vi suggeriamo di provare a coltivare anche una Pieris. Si tratta infatti di una piant...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!