La Gaillardia: una pianta erbacea perenne che resiste alle basse ed alle alte temperature

La Gaillardia è una pianta dai colori piuttosto accesi, originaria dell’America settentrionale. Conta almeno una decina di specie di erbacee perenni nella sua famiglia. Questo esemplare è in grado di tappezzare vaste porzioni di giardino in maniera folta e rigogliosa, normalmente viene impiegata sia ll’interno di bordature che nelle aiuole.

Segnaliamo un esemplare in particolare: la Gaillardia aristata.

Gaillardia aristata

Gaillardia aristata

Si tratta anche in questo caso di un’erbacea perenne, dotata di capolini di colore giallo e rosso.

Questo tipo di pianta è in grado di sopportare sia gli inverni più rigidi che le alte temperature, tipiche della stagione estiva; è quindi perfetta per essere coltivata anche nei territori del nord Italia senza subire particolari problemi.

Una moltitudine di fiori colorati

Le foglie di questa pianta sono per la maggior parte basali, con portamento eretto e di colore verde chiaro. Per quanto riguarda la forma si possono differenziare tre allungate, ellittiche e lanceolate.

La fioritura dura per tutta l’estate. I fiori della Gaillardia sono singoli, come dimensione possono variare tra 10 e 12 centimetri circa. La forma del fiore è quella tipica della margherita; La fioritura è talmente evidente che spicca in maniera inconfondibile sopra i lunghi e sottili steli filiformi.

La colorazione particolare è tra le caratteristiche che meglio contraddistinguono questa pianta: il centro del fiore solitamente è giallo o bruno, per quanto riguarda i petali i colori variano in tutte le tonalità dell’arancione e del rosso. Si possono avere esemplari con il bordo superiore del petalo giallo chiaro, che via via degradano fino alle tonalità più scure del marrone.

Aiuola di Gaillardia

Aiuola di Gaillardia

Solitamente i fiori più caratteristici sono dotati di centro scuro che degrada fino alla parte finale del petalo. Esiste una moltitudine di altri esemplari e ibridi con fiori e petali di colore giallo puro.

Questa pianta fiorisce in maniera generosa per tutta la durata dell’estate, spingendosi fino all’autunno inoltrato.

E’ anche possibile prolungare la fioritura solamente eliminando i fiori appassiti e i capolini ormai sfioriti in maniera tempestiva. In questo modo è possibile garantire un ricambio costante, evitando di sottoporre la pianta ad ogni tipo di dispendio di energie inutile.

Il caldo e la siccità non spaventano la Gaillardia

Le piante della Gaillarda sono di dimensioni medie, solitamente comprese tra i 30 e i 60 centimetri di altezza.

Per quanto riguarda la coltivazione non sono necessarie cure eccessive; è però importante coltivare la pianta in luoghi soleggiati, nonostante

Gaillardia - fiore giallo

Gaillardia - fiore giallo

questo esemplare sia anche in grado di tollerare una posizione ombreggiata, purchè si tratti di un tempo breve.

La Gaillardia è anche in grado di sopportare periodi limitati di siccità. E’ comunque consigliabile un’innaffiatura costante: vanno bene anche scarse quantità di acqua, ma è sempre meglio cercare di evitare inutili stress idrici che possono solo danneggiare la pianta.

Il periodo estivo è senza dubbio il più stressante, si consiglia di utilizzare del concime ricco di potassio almeno ogni due settimane. Va sciolto insieme all’acqua di irrigazione e servirà per accentuare la colorazione sgargiante della fioritura.

Per semplici questioni di praticità va anche molto bene interrare nel substrato del concime di tipo granulare a lenta cessione. L’operazione è da ripetersi ogni tre o quattro mesi circa.

Il terreno ottimale per una corretta crescita della Gaillarda deve essere drenante e fertile. E’ importante che la pianta non si adegui a terreni troppo poveri, poiché una situazione di questo tipo rischia di incidere in maniera negativa sul vigore della stessa, con il passare del tempo potrebbe risentirne in maniera irreparabile.

Attenzione a funghi e limacce

Gaillardia in vaso

Gaillardia in vaso

Questa pianta solitamente non soffre di patologie particolari. E’ però necessario monitorarla costantemente per evitare il prolificare di lumache e limacce: questi fastidiosi parassiti sono infatti ghiotti del fogliame della Gaillardia.

Come molti esemplari anche questo teme il mal bianco: si tratta di una malattia fungina che colpisce le piante collocate in luoghi ombreggiati o con scarso ricambio di aria.

E’ infatti altamente sconsigliata la semina di queste piante in zone d’ombra, oltre ad essere soggetta a malattie fungine, ne risentirebbe anche la fioritura.

Coltura idroponica: la coltivazione senza terra, solo in acqua
Il sistema di coltivazione idroponica ci consente di far crescere le piante senza l'impiego di terra. Nell'articolo si riportano le prime informazioni...
Il lampone: pianta facile da coltivare e frutto goloso
Il lampone è un frutto di bosco facile da coltivare. Resiste bene alle gelate, visto che il suo habitat naturale è tipicamente montano. Solo in presen...
Schefflera: pianta tropicale da appartamento
La Schefflera è una pianta tropicale caratterizzata da fusti alti e flessibili. Ariosa e aggraziata ha un fogliame ampio, composto a sua volta da fogl...
Seguire il calendario lunario di Luglio 2011
Luglio è un mese caratterizzato dal colore: tutte le aiuole e le bordature sono ricche di fioriture, nell’orto e nel frutteto i raccolti sono al massi...
La cura dei Bonsai durante il periodo estivo
Durante il periodo estivo i bonsai vanno sottoposti a maggiori cure; per iniziare è possibile spostare all’aperto i bonsai da interni. Si possono tran...
Dalla nocciola piemontese a quella romana, scopriamo le varietà di nocciole italiane
Le nocciole italiane sono considerate le migliori al mondo. Si tratta di una pianta dalle origini molto antiche, già presente da tempi immemori su tut...
Ortaggi di stagione: il porro
L’utilizzo del il porro era già comune in epoca romana: se ne consigliava l’uso alle nutrici per aumentare il latte, lo si usava per schiarire la voce...
Capire meglio l'influenza della luna sulle piante
L’effetto esercitato dalla luna sul nostro pianeta influenza la vita dei campi e delle colture. Questo particolare effetto era già noto anche agli egi...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!