Anche le piante ne soffrono: sindrome da stress da rientro (in casa)

Le piante più sensibili

Esiste un certo numero di piante d’appartamento più sensibili allo stress da rientro, vi segnaliamo le più comuni.

  • Ficus benjamina: la sofferenza si manifesta principalmente con fenomeni di ingiallimento fogliare, con successiva caduta. La caduta delle foglie perdura per diverse settimane, nei casi più gravi si assiste alla perdita del 70 – 80% della parte aerea.
  • Kentia, Papiro da interni, Dracena: si assiste ad un ingiallimento, con conseguente disseccamento delle punte delle foglie. Nei casi più gravi si assiste al blocco completo dell’attività radicale causa disseccamento delle radici poste più in superficie.
  • Croton: le foglie si decolorano, quelle basali tendono a cadere anche in tempi brevi. Spesso i fusti tendono a ripiegarsi verso la fonte di luce.
  • Dieffenbachia exotica, Spathiphyllum wallisii: le fogli ingialliscono e si decolorano, piegandosi verso il basso e disseccando. Anche i fusti subiscono un totale raggrinzimento.
  • Felce, Capelvenere: le fronde perdono la solita consistenza, spesso si ingialliscono e si ripiegano. Per quanto riguarda le foglie più giovani è facile un disseccamento, con conseguente perdita complessiva di vigore. Spesso si assiste ad un rallentamento dell’attività radicale.
  • Schefflera arboricola, Ficus lyrata: le foglie si ingialliscono e perdono di vigore. Si assiste ad una forte defogliazione e ad un disseccamento degli steli.

Esemplari che si adattano bene ai cambiamenti

Tradescantia zebrina - Erba miseria

Tradescantia zebrina - Erba miseria

Esistono anche piante che si adattano con estrema facilità ai cambiamenti.

Solitamente piante di questo tipo sono abituate ai cambiamenti climatici anche nei luoghi di origine.

Tra queste segnaliamo: aspidistra, fatsia, edera, anturio, clorofito, ficus elastica, filodendro, singonio, erba miseria.

La Viola del Pensiero: un fiore invernale
Le viole del pensiero sono piante ibride dalla vita breve, della durata un anno o massimo due. Provengono dall’Europa e dalla Turchia. Queste piante ...
Le piante carnivore: DIONAEA MUSCIPULA
Sono molto affascinata dal mondo delle piante carnivore, forse anche a causa delle moltissime storie fantascientifiche raccontate su questo mondo flor...
Laghetti, fontane, cascate: elementi idrici per il giardino acquatico
Il fascino dell’acqua è universale, e vale sia in presenza di climi caldi che di climi freddi. Qualsiasi giardino acquisterà di bellezza grazie alla p...
La melanzana: si semina a marzo si raccoglie in estate
Si tratta di una coltivazione estiva tipica dei paesi con climi caldi. E’ infatti l’ortaggio per eccellenza dell’estate. A dimostrazione di ciò esiste...
Coltivare il CAPRIFOGLIO dal profumo inebriante
Il Carifoglio, pur essendo una pianta rustica molto bella, non si trova spesso all'interno dei giardini, è capace di crescere ovunque, in diverse cond...
Giardinaggio di ottobre: curare alberi, arbusti, rosai e prati
La nuova stagione è alle porte, ma l’estate ha lasciato il segno del suo passaggio. Con l’abbassarsi delle temperature e l’aumentare delle intemperie ...
Da fare nell’orto in autunno: seminare i piselli
L’autunno è il periodo ottimale per piantare alcuni tipi di leguminose tra i più conosciuti e apprezzati: si tratta dei piselli. Queste leguminose ...
Cos’è la pacciamatura e a cosa serve
L’inverno è un momento complicato per l’orto e per il giardino, è molto importante tenere sotto controllo la salute delle piante. La pacciamatura è un...

1 2 3



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!