Anche le piante ne soffrono: sindrome da stress da rientro (in casa)

Le piante più sensibili

Esiste un certo numero di piante d’appartamento più sensibili allo stress da rientro, vi segnaliamo le più comuni.

  • Ficus benjamina: la sofferenza si manifesta principalmente con fenomeni di ingiallimento fogliare, con successiva caduta. La caduta delle foglie perdura per diverse settimane, nei casi più gravi si assiste alla perdita del 70 – 80% della parte aerea.
  • Kentia, Papiro da interni, Dracena: si assiste ad un ingiallimento, con conseguente disseccamento delle punte delle foglie. Nei casi più gravi si assiste al blocco completo dell’attività radicale causa disseccamento delle radici poste più in superficie.
  • Croton: le foglie si decolorano, quelle basali tendono a cadere anche in tempi brevi. Spesso i fusti tendono a ripiegarsi verso la fonte di luce.
  • Dieffenbachia exotica, Spathiphyllum wallisii: le fogli ingialliscono e si decolorano, piegandosi verso il basso e disseccando. Anche i fusti subiscono un totale raggrinzimento.
  • Felce, Capelvenere: le fronde perdono la solita consistenza, spesso si ingialliscono e si ripiegano. Per quanto riguarda le foglie più giovani è facile un disseccamento, con conseguente perdita complessiva di vigore. Spesso si assiste ad un rallentamento dell’attività radicale.
  • Schefflera arboricola, Ficus lyrata: le foglie si ingialliscono e perdono di vigore. Si assiste ad una forte defogliazione e ad un disseccamento degli steli.

Esemplari che si adattano bene ai cambiamenti

Tradescantia zebrina - Erba miseria

Tradescantia zebrina - Erba miseria

Esistono anche piante che si adattano con estrema facilità ai cambiamenti.

Solitamente piante di questo tipo sono abituate ai cambiamenti climatici anche nei luoghi di origine.

Tra queste segnaliamo: aspidistra, fatsia, edera, anturio, clorofito, ficus elastica, filodendro, singonio, erba miseria.

L’ambiente e la scelta delle piante del giardino
Scegliere le giuste essenze vegetali è una delle chiavi di volta nella ideazione e progettazione dei giardini e degli spazi verdi. E’ indispensabil...
Noce, nocciolo e castagno: alberi da frutto spontanei di collina e montagna
Questi alberi da frutto sono quelli che un tempo erano parte integrante del paesaggio agricolo naturale. Oggi purtroppo non sono più così presenti, n...
La Nandina domestica: un pianta policroma
Le foglie hanno colori mutevoli, i fiori sono bianchi, le bacche sono rosse e resistono durante tutto l’inverno: è la Nandina domestica. Resiste al fr...
Le malattie fungine delle rose: come proteggerle
Le rose non vanno difese semplicemente dai parassiti a noi ben noti. Esiste infatti una serie di malattie, denominate fungine, che rischiano di danneg...
Gasteria Verrucosa: una piccola pianta succulenta elegante e senza spine
Questa piccola pianta grassa è molto facile da trasportare poiché è di modeste dimensioni; si tratta di un esemplare decorativo senza spine. Non ne es...
SOS pronto soccorso verde di Settembre
Durante il mese di settembre le piante del giardino, di casa, del balcone e dell’orto hanno bisogno di qualche attenzione in più per rimanere in salut...
Il problema della cocciniglia nelle piante d'appartamento in autunno
Si attesta la presenza di più di 5.000 specie differenti di cocciniglie divise per aree geografiche di appartenenza. Solamente un numero limitato di e...
Come avere fioriture invernali: la forzatura dei bulbi
La tecnica di forzatura dei bulbi viene comunemente utilizzata dai vivaisti in questa stagione, in modo tale da ottenere piante in fiore pronte per es...

1 2 3



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!