Come proteggere il giardino dal gelo invernale

Alcune piante temono il freddo e necessitano di cure particolari, soprattutto quando arriva la stagione fredda e le temperature gelive dell’inverno.

Di conseguenza per poter garantire lunga vita alle vostre piante più delicate in giardino, ci sono alcune strategie utili che è sempre meglio seguire.

Ci sono alcune soluzioni create apposta per proteggere la pianta.

Si differenziano per materiale e per applicazione, in modo tale da poter scegliere in base alle proprie necessità e alle proprie tasche.

giardino invernale

Non tutte le piante riescono a sopravvivere durante la stagione fredda

Proteggere il giardino con il cannicciato

La soluzione è logica, ma anche abbastanza dispendiosa rispetto alle altre.

Proteggere la pianta attraverso il cannicciato prevede l’uso di un paratia realizzata con le canne di bambù del diametro di circa 10 mm e alte a seconda della pianta che desideriamo proteggere.

Il cannicciato garantisce una duplice protezione. Per prima cosa protegge la pianta dal freddo e in secondo luogo, permette di avere una protezione consistente dal vento.

Proteggere il giardino con il cannicciato

Il cannicciato protegge le piante dal freddo

Questo tipo di soluzione non è adatta alle zone vicine al mare, in quanto, la presenza costante del vento, porterebbe più danni che altro.

Il cannicciato, infatti, sottoposto a folate di vento forte, rischia di rompersi, arrivando spesso, a danneggiare la pianta.

Se dobbiamo proteggere piante ad alto fusto, non occorre prevedere una parete di bambù a tutt’altezza.

E’ infatti sufficiente girare con il cannicciato intorno al fusto, in modo da garantire la protezione del fusto (l’elemento vitale della pianta), evitando che trapassino il freddo e il vento.

Proteggere le piante dal freddo con il telo in plastica

Questa soluzione è semplice, ed è una di quelle che va’ per la maggiore, anche perchè è poco dispendiosa.

La protezione della pianta dal freddo, può essere garantita, applicando un telo di plastica intorno alla pianta.

Il telo in plastica

Il telo in plastica protegge le piante, ma non le fa' respirare. Occorre prevedere un passaggio per la circolazione dell'aria

La copertura deve essere ben posizionata.

Inoltre è necessario garantire un minimo di passaggio d’aria per la fotosintesi e l’ossigenazione, poiché permette di garantire la continuità della vita del vegetale.

Durante l’inverno, comunque, è possibile trovarsi davanti ad alcune giornate di sole.

In quei giorni si devono scoprire le piante e far loro assorbire tutta la radiazione solare possibile permettendo anche di acquisire liberamente aria.

Riparare la pianta dal freddo con l’agritessuto

L’agritessuto è un materiale conosciuto come “tessuto non tessuto” .

Questo tipo di materiale è molto simile al tessuto, ma in realtà segue dei procedimenti diversi di produzione.

L’agritessuto permette di riparare la pianta dal freddo ma la sua trama bucata, garantisce il passaggio dell’acqua piovana, della luce e dell’aria.

tessuto non tessuto per piante

L'agritessuto è quella struttura protettiva che garantisce il passaggio del sole, dell'aria e dell'acqua, proteggendo la pianta

Il tessuto non tessuto dovrà ricoprire adeguatamente la pianta, legando il vertice e la base in modo da non volare via con il vento.

Al contrario del telo di plastica, nelle giornate di sole, non deve essere tolto, in quanto la trama garantisce alla pianta di ricevere i giusti apporti quotidiani.

Queste tre soluzioni, vi permetteranno di proteggere quelle piante che non possono essere collocate all’interno della casa fino in primavera.

In tutti gli altri casi, non c’è migliore soluzione che proteggere le piante all’interno della propria abitazione o all’interno di una serra predisposta.

In tutti gli altri casi l’uso del cannicciato, del telo di plastica e del tessuto non tessuto, proteggeranno la vita delle vostre piante dall’inverno, pronte per essere riviste vive e sane in primavera.

La cosa importante è che in tutti e tre i casi deve sempre essere garantita la radiazione solare, l’acqua e l’aria.

Le strutture protettive si possono trovare in qualunque negozio di bricolage e fai da te.

Scegliete quella che ritenete più idonea al vostro giardino o alla vostra pianta.

Ricordatevi che se abitate in luoghi con importanti venti, non è mai il caso di utilizzare le canne del bambù.

Inoltre, se siete persone poco presenti, non in grado di scoprire la pianta ogni volta che c’è il sole, l’ideale è l’utilizzo dell’agritessuto.

In tutti gli altri casi, l’uso del sacco di plastica, è il più comune e il più funzionale.

L’irrigazione del giardino
L’irrigazione è una tecnica agricola che affonda le sue radici nel passato. In Italia venne valorizzata in particolare dagli arabi che la importaro...
Realizzare il giardino in zone difficili
La maggior parte dei giardini ha un punto debole: il terreno. Spesso ad influire sulle condizioni del terreno sono cause ambientali o naturali, come p...
Le BEGONIE: specie e cura di una delle piante più variegate e diffuse
La begonia è uno dei fiori più utilizzati e conosciuti al mondo, soprattutto per la sua varietà di specie, in grado di accontentare ogni gusto. ...
La potatura estiva o potatura verde
La potatura comprende una serie di interventi che servono a modificare in maniera completamente naturale il modo di vegetare e di produrre frutti di u...
Lavori di giardinaggio da fare nel mese di ottobre
Il mese di ottobre segna la ripresa di molte attività: le vacanze sono ormai uno sbiadito ricordo, le scuole sono iniziate e il lavoro è entrato in pi...
Contro il vento: come proteggere le piante
Il freddo intenso e le correnti d’aria possono creare molti più danni di quanto si possa immaginare. Il vento e l’abbassamento di temperatura sono una...
Dopo le feste: recuperare l'albero di Natale
Come ogni anno molte persone preferiscono acquistare un abete naturale per creare la giusta atmosfera natalizia. Ma dopo la fine delle feste cosa f...
Il fico, albero coltivato da millenni
Il nome scientifico del fico è Ficus carica, con riferimento al fatto che questa pianta si ritiene abbia origine in Asia minore e precisamente nella r...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!