Come e quando mettere a dimora le piante in giardino

Le giuste conoscenze che riguardano la messa a dimora delle piante ornamentali sono un importante fattore nel determinare il successo della progettazione del giardino.

Prima di mettere a dimora le piante in giardino

Lavorazione del terreno

Prima importante operazione, prima di mettere a dimora le piante in giardino, è la lavorazione del terreno, da eseguire a fine estate. La lavorazione consiste in una aratura che sarà profonda 30-40cm nelle zone da destinare a prato e 80-100cm nelle zone dove si impianteranno i gruppi di piante arboree.

Fertilizzazioneammendamento e correzione

Si procede quindi alle operazioni di fertilizzazione ed eventuale ammendamento e correzione del terreno. Ricordiamo che per fertilizzazione si intende quell’operazione che arricchisce il terreno di elementi chimici utili alla pianta: principalmente azoto, fosforo, potassio e ferro. L’ammendamento invece migliora il terreno dal punto di vista delle caratteristiche fisiche e si esegue ad esempio aggiungendo sostanza organica al terreno. La correzione è invece quell’operazione che mira a ridurre o aumentare il pH del terreno e va quindi eseguita in terreni troppo acidi o troppo basici.

Dopo aver sistemato adeguatamente il terreno, si potranno porre nel giardino eventuali impianti fissi di irrigazione e drenaggio.

mettere a dimora

L'impianto deve essere preceduto dalla sistemazione del terreno effettuata con cura

Periodo giusto per la messa a dimora 

L’epoca adatta per l’impianto varia con la specie. Per le piante caducifoglie il periodo più opportuno coincide con il riposo vegetativo: in questa fase le piante sono più resistenti e si possono adattare a superare una fase critica come l’impianto.

Nei climi temperati le latifoglie decidue possono essere trapiantate in autunno (dopo la caduta delle foglie o il viraggio di colore) o in primavera, prima della ripresa vegetativa. Le specie sempreverdi come le conifere, vanno impiantate nel primo autunno o nella tarda primavera. Nei climi più miti le piante possono in genere venire messe a dimora durante tutto l’inverno, non essendovi gravi rischi di gelate.

Impianto

Le dimensioni delle buche devono essere adeguate a quelle del pane di terra radicale e alla natura del terreno. In terreni ben strutturati la buca può essere profonda solo quanto il pane di terra della pianta. Il diametro deve essere in genere grande almeno il doppio del contenitore in cui la pianta è stata tenuta, in modo da poter porre agevolmente la terra di riempimento attorno alla pianta.

Per le piante a radice nuda può essere sufficiente uno spazio che basti ad ospitare le radici senza sovrapporle o accalcarle. Le piante a radice nuda è opportuno che vengano ripulite attraverso una tolettatura delle radici, eliminando parti dell’apparato radicale danneggiate o compromesse.

Inoltre è bene evitare di porre le piante con l’apparato radicate attorcigliato, questo aspetto può evitare le morie d’impianto.

Esposizione

Nel caso di piante innestate bisogna evitare di esporre la parte più delicata del punto d’innesto ai danni da eccessiva insolazione che causerebbero scottature. La parte della pianta con maggiore ramificazione dovrebbe essere posta contro i venti dominanti; mentre le radici di maggiore diametro dovrebbero trovarsi sottovento, in modo da opporsi al ribaltamento dell’albero sotto l’effetto delle correnti.

piante in giardino

L'impianto di grandi alberi si effettua per ottenere un'alberatura a pronto effetto

Tutori

E’importante proteggere le giovani piante con dei pali tutori. I pali (fino a 3) devono essere saldati al tronco attraverso una legatura non rigida ma robusta: non si deve ostacolare l’accrescimento della pianta in diametro né danneggiare la corteccia.

Impianto di grandi alberi

Questa tecnica si è sviluppata negli ultimi decenni e presenta il vantaggio interessante di poter recuperare soggetti arborei in situazioni difficoltose e per l’alberatura a “pronto effetto” di aree che richiedono una sistemazione rapida e definitiva. Anche in questo caso, così come evidenziato per l’impianto di giovani piante, il successo di un trapianto di un albero di grandi dimensioni dipende da numerosi fattori come epoca d’impianto, terreno e metodi di trapianto.

Piante acquatiche per abbellire vasche e laghetti del giardino:ninfee,fior di loto, calle
Le piante acquatiche e palustri emergenti dell’acqua hanno grande importanza nella decorazione nei giardini caratterizzati da laghetti, sponde, vasche...
Progettare il giardino:L’impiego del colore nella creazione dei giardini
L’impiego del colore nel giardino Nella progettazione del giardino capita sovente di dover effettuare delle scelte che riguardano gli accostamenti ...
La Viola: una pianta ideale per aiuole e bordure
Le viole sono ricomprese tra le piante biennali più comuni. Ne esistono circa 500 specie. Queste piante sono utilizzate per dar vita ad aiuole, giardi...
Le bulbose: da fiore, primaverili o estive, una categoria di piante a parte
Nel giardino esistono differenti tipologie di piante. Alcune hanno uno sviluppo decisamente prevedibile durante tutto l’anno. Altre, come le bulbose, ...
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare in giugno
Le rose, il prato e le siepi: cosa fare nel mese di giugno per curarle al meglio.
Menta: la salute a portata di mano
La menta è in pieno vigore proprio in questo periodo estivo. Può essere tranquillamente allevata sia in piena terra che in vaso. Appartiene alla famig...
Consigli su come curare i giardini rocciosi in estate
La stagione estiva è sempre il periodo più problematico per tutte le piante. Anche il giardino roccioso non fa eccezioni e ha bisogno di cure spec...
Echium fastuosum, pianta resistente al clima secco e dalla splendida fioritura
L’ Echium fastuosum è una bellissima pianta perenne e sempreverde, appartenente alla famiglia delle Borraginacee. Questa pianta è originaria dell’isol...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.